Vista e dintorni

Il blu è la chiave per valutare la retinopatia diabetica

A: Immagine SLO multicolor widefield del fondo destro di un uomo di 65 anni con PDR che mostra emorragie multiple in un’ampia area del fondo. B: L’immagine SLO blu mostra un’area iporiflettente dalla metà alla periferia del fondo. C: L’immagine Widefield FA mostra NPA diffusi dalla metà periferia alla periferia. La neovascolarizzazione si osserva anche nel polo superiore dell’occhio. D: L’immagine ingrandita dell’immagine B mostra aree iporiflettenti nel quadrante temporale inferiore. E: L’immagine FA ingrandita dell’immagine C mostra gli NPA nello stesso quadrante dell’immagine D. F: Le aree iporiflettenti nell’immagine D sono delineate da punti bianchi. G: Gli NPA nell’immagine E sono delineati da punti blu. Il contorno dei punti bianchi nell’immagine F si trova all’interno del contorno dei punti blu nell’immagine G. Credito: Dipartimento di oftalmologia e scienze visive, TMDU

I ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) dimostrano una tecnica di imaging completa e non invasiva per identificare le aree dell’occhio affette da retinopatia diabetica, una malattia oculare progressiva associata al diabete

Sostienici con un acquisto o donazione

Tokyo, Giappone—Proprio come la luce intensa può illuminare le profondità di una stanza buia, i ricercatori in Giappone hanno scoperto che la luce blu può essere utilizzata per sondare le profondità dell’occhio e scoprire le aree colpite dalla retinopatia diabetica (DR), una delle principali cause di cecità.

In un nuovo studio pubblicato sull’Asia-Pacific Journal of Ophthalmology , i ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno rivelato che le immagini blu ottenute dall’oftalmoscopia laser a scansione widefield multicolore (SLO) possono essere utilizzate per identificare le aree di danno indotto da DR in una porzione più estesa dell’occhio rispetto ai metodi precedenti.

Gli attuali metodi di imaging dell’occhio includono l’angiografia con fluoresceina, che prevede l’iniezione di colorante nell’occhio. SLO è un approccio non invasivo che non richiede colorante e SLO widefield multicolore rappresenta un avanzamento di questa tecnica in cui i laser rossi, blu e verdi vengono utilizzati per catturare contemporaneamente immagini di un’ampia porzione dell’occhio. Precedenti ricerche hanno dimostrato che le immagini blu catturate dalla SLO convenzionale possono rivelare aree iporiflettenti nell’occhio indicative di danni associati alla DR. I ricercatori di TMDU hanno cercato di valutare ulteriormente questa scoperta utilizzando l’SLO widefield.

In questo studio retrospettivo , i ricercatori hanno confrontato le immagini SLO blu widefield e le immagini angiografiche con fluoresceina scattate in persone con diabete. In alcuni soggetti con DR è stata valutata anche la morfologia della retina.

“Abbiamo scoperto che le aree iporiflettenti nelle immagini SLO a campo largo blu sembravano corrispondere alle aree di ischemia nelle immagini dell’angiogramma con fluoresceina dei pazienti con DR”, spiega Kyoko Ohno-Matsui, autore senior. “Siamo stati lieti di scoprire che il tasso di concordanza era alto”.

Un’ulteriore valutazione delle immagini dei pazienti ha mostrato che le aree ischemiche (cioè le aree di flusso sanguigno ridotto ) sembravano corrispondere a parti della retina che erano sottili e parzialmente disorganizzate.

“È possibile che la lunghezza d’onda blu della luce possa passare più facilmente attraverso queste aree assottigliate della retina, che si presentano come aree iporiflettenti nelle immagini SLO”, afferma Horie.

Questo studio conferma l’utilità del blue widefield SLO come strumento semplice e non invasivo per il rilevamento del danno oculare associato alla DR. Questa tecnica può servire come mezzo importante per lo screening e il monitoraggio della progressione della malattia nei soggetti con DR.


Shintaro Horie et al, Blue Widefield Images of Scanning Laser Ophthalmoscope in grado di rilevare aree ischemiche retiniche negli occhi con retinopatia diabetica, Asia-Pacific Journal of Ophthalmology (2021). DOI: 10.1097/APO.0000000000000432

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione