Ricerca

Metabolismo sano nonostante l’obesità: il grasso bruno è la chiave

Tessuto adiposo bruno in una donna mostrato in un esame PET/TC. Credito: dominio pubblico

Non tutte le forme di obesità sono uguali e il grasso bruno potrebbe fare la differenza. Uno studio condotto dal gruppo di ricerca di Florian Kiefer della Divisione di Endocrinologia e Metabolismo del Dipartimento di Medicina III presso MedUni Vienna e Vienna General Hospital mostra che le persone gravemente sovrappeso (obese) che hanno anche grasso bruno attivo hanno un metabolismo più sano e usano più energia delle persone obese senza grasso bruno. I nuovi risultati suggeriscono che la presenza di grasso bruno può proteggere dalle malattie secondarie legate all’obesità. Lo studio è stato appena pubblicato sulla rivista internazionale Diabetes .

Sostienici con un acquisto o donazione

Da anni ormai, i ricercatori medici stanno cercando di capire perché alcune persone obese hanno meno probabilità di sviluppare condizioni di salute come il diabete o l’ ipertensione rispetto ad altre di peso simile. Sembra ora che un fattore importante in quella che è nota come “obesità metabolicamente sana” sia stato identificato sotto forma di grasso bruno .

“Il grasso bruno è stato a lungo pensato per favorire il metabolismo perché, a differenza del grasso di accumulo bianco molto più comune, può bruciare energia sotto forma di calore. I neonati e i bambini piccoli in particolare usano il tessuto adiposo bruno per mantenere la loro temperatura corporea ma la proporzione di grasso bruno il grasso corporeo diminuisce con l’età e con l’eccesso di peso”, spiega Florian Kiefer.

Tuttavia, nello studio pubblicato di recente, il gruppo di ricerca viennese ha scoperto che più di un terzo degli adulti gravemente sovrappeso (BMI > 35 kg/m 2 ) ha ancora grasso bruno attivo. Nello studio, i volontari sono stati prima esposti a freddo moderato utilizzando giubbotti di raffreddamento per attivare il grasso bruno, che è stato poi rilevato dalla scansione PET-CT.

“Negli adulti, il grasso bruno si trova prevalentemente alla base del collo e nella gabbia toracica. Un breve periodo di stimolazione a freddo di circa un’ora è sufficiente per attivarlo”, ha affermato il leader dello studio Kiefer. I partecipanti in sovrappeso con grasso bruno hanno mostrato un consumo energetico più elevato, grasso addominale meno dannoso, metabolismo degli zuccheri più sano e meno segni di malattia del fegato grasso rispetto a un gruppo di controllo di peso simile ma senza grasso bruno rilevabile.

Kiefer commenta: “È abbastanza sorprendente che i partecipanti con grasso bruno abbiano fatto meglio su quasi tutti i parametri metabolici, anche se avevano un BMI leggermente più alto. Questi dati ci mostrano ancora una volta che non è solo la quantità di tessuto adiposo che conta, ma più soprattutto la sua qualità.”

In effetti, le differenze nella distribuzione del grasso possono aver contribuito allo stato metabolico vantaggioso. In particolare, la proporzione di grasso addominale profondo (grasso viscerale), che rappresenta un alto rischio di diabete e infarto, era significativamente più bassa nel gruppo grasso bruno. “È concepibile che l’aumento dell’attività metabolica del grasso bruno si scomponga e bruci prima le riserve di grasso viscerale dannoso. Ecco perché stiamo attualmente lavorando duramente per sviluppare trattamenti farmacologici per attivare il grasso bruno”, spiega Kiefer.

Nello studio sono stati coinvolti anche scienziati di MedUni Vienna dei dipartimenti di imaging biomedico e terapia e chirurgia guidata dalle immagini e del dipartimento di medicina di laboratorio .


Carsten T. Herz et al, il tessuto adiposo bruno attivo è associato a un fenotipo metabolico più sano nell’obesità e nel Diabetes (2021). DOI: 10.2337/db21-0475

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Ricerca

Con tag:,