Terapie

Non aderenza ai farmaci nei pazienti con ipertensione e diabete: un problema grave e molto diffuso

Secondo studi precedenti, solo circa la metà dei pazienti con malattie croniche come  ipertensione e il diabete aderisce ad almeno l’80% dei loro regimi terapeutici. Può essere difficile per gli operatori sanitari identificare e affrontare le barriere all’aderenza nei loro pazienti a causa della complessità e dei limiti di tempo delle visite ambulatoriali. In molti casi, ai pazienti potrebbe non essere chiesto di aderire ai farmaci prescritti in precedenza o potrebbero non riuscire a descrivere in modo completo o accurato quanto bene aderiscono al trattamento.

Sostienici con un acquisto o donazione

“C’è una disconnessione delle informazioni tra medici e farmacie in quanto i medici non sanno se i loro pazienti stanno effettivamente ritirando i loro farmaci”, spiega Neda Laiteerapong, MD, MS, FACP. “Alcuni pazienti con bassa aderenza possono avere i loro trattamenti aggiustati in modo aggressivo dai loro medici, ma intensificare la pressione sanguigna o i farmaci per il diabete senza considerare l’aderenza può diventare un importante problema di sicurezza”.

Esplorare l’impatto della mancata aderenza ai farmaci  

Il Dr. Laiteerapong e colleghi hanno condotto uno studio, pubblicato su Healthcare , che ha valutato l’impatto della non aderenza ai farmaci sull’aumento dell’intensità dei regimi farmacologici per i pazienti con ipertensione e diabete di tipo 2. “Gli obiettivi della nostra analisi erano identificare la presenza e l’entità del problema dell’intensificazione dei farmaci tra i pazienti con bassa aderenza”, afferma il dott. Laiteerapong.

Per lo studio, sono stati valutati i dati relativi alle richieste di rimborso farmaceutico per Medicare Parte D e i piani commerciali per le somministrazioni di farmaci in pazienti con ipertensione e/o diabete. I pazienti hanno avuto un indice di riempimento per l’ipertensione e/o farmaci per il diabete orale nel gennaio 2015. I farmaci riempiti nel periodo di follow-up (agosto 2015-dicembre 2016) sono stati valutati per aumentare l’intensità del regime farmacologico in base alla proporzione di giorni coperti per 181 giorni . Le differenze nella probabilità di sperimentare un aumento dell’intensità del farmaco sono state considerate tra i pazienti con una percentuale di giorni coperti (PDC) inferiore all’80% rispetto a un PDC dell’80% o superiore. La non aderenza porta all’intensificazione dei farmaci

La mancata aderenza nei pazienti con Medicare Parte D e piani commerciali che hanno riempito i farmaci per l’ipertensione e/o il diabete orale aveva una probabilità significativamente maggiore di intensificare i loro regimi. Sia per i farmaci antipertensivi che per la metformina, i pazienti non aderenti avevano maggiori probabilità di aumentare il dosaggio rispetto ai pazienti aderenti. I pazienti non aderenti con farmaci antipertensivi e quelli che assumevano metformina avevano anche maggiori probabilità di avere riempimenti per l’ipertensione e farmaci per il diabete aggiuntivi rispetto ai pazienti aderenti.

“La nostra scoperta che la non aderenza ai farmaci per il diabete o l’ipertensione ha comportato una maggiore probabilità di intensificazione dei farmaci solleva importanti problemi di sicurezza, soprattutto se i pazienti iniziano a diventare più aderenti alle terapie”, afferma il dott. Laiteerapong. Poiché molti pazienti hanno diabete e ipertensione in comorbidità, l’intensificazione del trattamento può avere effetti aggravanti. Ad esempio, i pazienti che non aderiscono ai farmaci per l’ipertensione possono avere una maggiore probabilità di aumentare il dosaggio, ma ciò può portare all’interruzione della terapia. “I nostri risultati suggeriscono che i medici dovrebbero chiedere ai pazienti con quale frequenza stanno assumendo i loro farmaci prima di assumere che il prossimo passo migliore sia aumentare la dose o aggiungere un altro agente”, osserva il dott. Laiteerapong.

Cercasi: più collaborazione farmacia-prescrittore

Il gruppo di studio ha notato che una maggiore collaborazione tra farmacie al dettaglio e prescrittori potrebbe ridurre i rischi di aumento dell’intensità del farmaco nei pazienti non aderenti. I prescrittori, i piani sanitari e i pazienti possono trarre vantaggio dal fatto che i prescrittori abbiano accesso ai dati di aderenza relativi al riempimento presso il punto di cura. Le catene di farmacie al dettaglio possono essere in grado di lavorare con i prescrittori fornendo dati tempestivi sull’aderenza utilizzando la tecnologia dell’informazione sanitaria sistematica. “Dobbiamo sviluppare un sistema in cui i dati di riempimento dei farmaci dalle farmacie siano in primo piano per i medici al momento della prescrizione”, afferma il dott. Laiteerapong. “Questo tipo di informazioni può aiutare a ridurre gli aggiustamenti inappropriati dei farmaci”.

L’implementazione di strategie per migliorare la collaborazione tra farmacie al dettaglio e prescrittori potrebbe avere un impatto significativo sugli esiti dei pazienti. I pazienti sarebbero i beneficiari finali: con una migliore aderenza, possono raggiungere i loro obiettivi clinici in modo più efficiente ed evitare inutili escalation nei regimi terapeutici. Il sistema sanitario complessivo beneficia anche di una migliore assistenza ai pazienti, di una popolazione di pazienti più aderente, di un minor numero di eventi avversi non necessari e di costi sanitari potenzialmente inferiori.

Pubblicato in Physicians Weekly

Categorie:Terapie

Con tag:,