Ricerca

Una potenziale strategia per combattere l’obesità

Un’immagine al microscopio del laboratorio del Dr. Williams mostra il nucleo arcuato dell’ipotalamo. Le cellule verdi sono neuroni POMC, i globuli rossi che sono neuroni che esprimono i recettori della leptina e le cellule gialle sono neuroni POMC che esprimono i recettori della leptina. Credito: UT Southwestern Medical Center

Gli scienziati dell’UT Southwestern potrebbero aver identificato un metodo per imitare in modo sicuro i benefici per la perdita di peso di un composto vegetale che, nonostante i suoi effetti collaterali dannosi, contiene risposte critiche allo sviluppo di terapie per l’obesità.

Sostienici con un acquisto o donazione

Celastrol, derivato dagli estratti di radice di una pianta a fiore bianco in Cina, ha attirato maggiore attenzione negli ultimi anni dopo che gli studi hanno dimostrato che può sia prevenire che invertire l’obesità nei topi. Tuttavia, poiché il celastrol può causare reazioni come ipertensione e letargia nei topi, i ricercatori hanno cercato di capire come funziona il composto e utilizzare tale conoscenza per sviluppare trattamenti dimagranti sicuri per le persone.

UT Southwestern potrebbe aver risolto parte del puzzle in un nuovo studio che mostra che il celastrol richiede una proteina specifica in un tipo di neurone che influenza il metabolismo. Gli scienziati hanno scoperto che possono imitare un segnale “alimentato” al cervello dei topi eliminando questa proteina dai neuroni, con il risultato che i topi perdono il 7% del loro peso corporeo in due settimane nonostante siano nutriti con una dieta ricca di grassi.

Chiave dei risultati: i topi non sembravano sopportare gli stessi disturbi fisici documentati in precedenti ricerche in cui è stato somministrato celastrol.

“Questa nuova comprensione di come funziona il celastrol a livello cellulare apre più possibilità di mirare a percorsi che possono migliorare il nostro metabolismo senza l’impatto negativo sulla salute”, ha detto l’autore dello studio Kevin W. Williams, Ph.D., un ricercatore presso l’UT Southwestern’s Center for Ricerca ipotalamica. “Non abbiamo scoperto tutte le popolazioni cellulari che influenzano la perdita di peso, ma ciascuno di questi risultati ci avvicina allo sviluppo di terapie efficaci e sicure per l’obesità”.

Lo studio, pubblicato su JCI Insight , è l’ultima ricerca del Dr. Williams che potrebbe un giorno aiutare a migliorare il metabolismo del glucosio nei pazienti con condizioni di obesità come il diabete. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, più di 30 milioni di americani hanno il diabete, che rappresentano quasi il 10% della popolazione.

La nuova ricerca si è concentrata su una classe di cellule del cervello chiamate neuroni POMC, che sono associati a riduzione dell’appetito, livelli di glucosio nel sangue più bassi e maggiore consumo di energia quando attivati. Uno studio del 2019 del Dr. Williams ha mostrato che una singola sessione di esercizio può aumentare l’attività del POMC per un massimo di due giorni.

Nell’ultima ricerca, il laboratorio Williams ha scoperto che questo neurone svolge anche un ruolo fondamentale nel modo in cui il celastrol influisce sulla perdita di peso. I topi a cui è stato somministrato il composto hanno visto una diminuzione dell’attività di una proteina chiamata PERK nella regione del cervello in cui risiedono i neuroni POMC. Il laboratorio ha inoltre scoperto che l’eliminazione di PERK da questi neuroni può replicare gran parte degli effetti di perdita di peso del celastrol e sembra farlo senza causare effetti collaterali dannosi spesso associati ai farmaci anti-obesità.

“I topi erano più magri e avevano gli stessi livelli di attività; non sembravano letargici, malaticci o malati”, ha detto il dott. Williams. “Ma questo avviene solo attraverso l’osservazione. Sono necessari ulteriori studi per verificare come il targeting di questo percorso possa influenzare i loro sistemi cardiovascolari e altre funzioni”.

La Food and Drug Administration mette in guardia le persone dall’uso del celastrol, una sostanza nota anche come vite del dio del tuono utilizzata nella medicina tradizionale cinese. Sebbene gli estratti della pianta siano venduti come integratori, il National Institutes of Health (NIH) ha pubblicato dichiarazioni cautelative secondo cui gli scienziati non hanno ancora dati sufficienti sulla sicurezza e l’efficacia del celastrol.

Ma il composto ha già fornito agli scienziati importanti informazioni su come sviluppare in laboratorio strategie più sicure per la perdita di peso. Nel nuovo studio, ad esempio, l’eliminazione di PERK dai neuroni POMC ha bloccato circa la metà dell’effetto di riduzione dell’assunzione di cibo del celastrol.

“Questo indica che ci sono altre popolazioni cellulari per gli effetti del celastrol sul metabolismo oltre a POMC”, ha detto il dottor Williams, professore associato di medicina interna presso l’UT Southwestern e ricercatore presso il Peter O’Donnell Jr. Brain Institute. “Continueremo a mappare i ruoli di questi tipi di cellule fino a quando non avremo un quadro più completo della complessa rete di percorsi. Un giorno, forse, questa conoscenza potrebbe contribuire allo sviluppo di terapie più efficaci nel trattamento dell’obesità e del diabete”.


Ulteriori informazioni: Zhenyan He et al, PERK nei neuroni POMC collega il celastrol con il metabolismo, JCI Insight (2021). DOI: 10.1172/jci.insight.145306

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Ricerca

Con tag: