Comunicazione

Mappatura del conflitto di interessi: “un’ampia rete” di legami del settore con l’assistenza sanitaria

entrepreneur, idea, competence

Photo by geralt on Pixabay

I risultati documentano i percorsi per la potenziale influenza in tutto il sistema; una migliore supervisione necessaria per preservare la fiducia del pubblico nell’assistenza sanitaria, affermano i ricercatori

Sostienici con un acquisto o donazione

Lo studio rivela “un’ampia rete” di legami del settore con l’assistenza sanitaria

I risultati documentano i percorsi per la potenziale influenza in tutto il sistema; una migliore supervisione necessaria per preservare la fiducia del pubblico nell’assistenza sanitaria, affermano i ricercatori

L’industria dei prodotti medici mantiene una vasta rete di legami finanziari e non finanziari con tutte le principali parti e attività sanitarie, lo rivela uno studio pubblicato  oggi dal  BMJ .

Questa rete sembra essere per lo più non regolamentata e opaca, e i ricercatori chiedono una maggiore supervisione e trasparenza “per proteggere la cura del paziente dall’influenza commerciale e preservare la fiducia del pubblico nell’assistenza sanitaria”.

Sebbene l’industria dei prodotti medici sia un partner fondamentale nel progresso dell’assistenza sanitaria, in particolare nello sviluppo di nuovi test e trattamenti, il loro obiettivo principale è garantire ritorni finanziari agli azionisti.

In un influente rapporto del 2009, l’Institute of Medicine ha descritto un ecosistema sanitario multiforme pieno di influenza dell’industria.

Tuttavia, la maggior parte degli studi sui conflitti di interesse relativi alle aziende farmaceutiche, dei dispositivi medici e delle biotecnologie si è concentrata su una singola parte (ad es. operatori sanitari, ospedali o riviste) o su una singola attività (ad es. ricerca, istruzione o assistenza clinica). La piena portata dei legami industriali nell’ecosistema sanitario è quindi ancora incerta.

Per colmare questa lacuna, un team di ricercatori statunitensi ha deciso di identificare tutti i legami noti tra l’industria dei prodotti medici e l’ecosistema sanitario.

Hanno cercato nella letteratura medica prove di legami tra aziende e parti farmaceutiche, di dispositivi medici e biotecnologiche (compresi ospedali, medici prescrittori e società professionali) e attività (tra cui ricerca, formazione professionale sanitaria e sviluppo di linee guida) nell’ecosistema sanitario.

I dati di 538 articoli provenienti da 37 paesi, insieme al contributo di esperti, sono stati utilizzati per creare una mappa che descrivesse questi legami. Questi legami sono stati quindi verificati, catalogati e caratterizzati per accertare i tipi di legami industriali (finanziari, non finanziari), le politiche applicabili sul conflitto di interessi e le fonti di dati disponibili al pubblico.

I risultati mostrano una vasta rete di legami dell’industria dei prodotti medici, spesso non regolamentati e non trasparenti, con tutte le principali attività e parti dell’ecosistema sanitario.

Le attività chiave includono la ricerca, l’educazione sanitaria, lo sviluppo di linee guida, la selezione di formulari (farmaci da prescrizione coperti da un piano sanitario o forniti da una struttura sanitaria) e l’assistenza clinica.

Le parti includono enti senza scopo di lucro (ad es. fondazioni e gruppi di advocacy), la professione sanitaria, la catena di approvvigionamento del mercato (ad es. pagatori, agenti di acquisto e distribuzione) e il governo. 

Ad esempio, i ricercatori descrivono come i produttori di oppioidi hanno fornito finanziamenti e altri beni a prescrittori, pazienti, funzionari pubblici, organizzazioni di difesa e altre parti sanitarie, che, a loro volta, hanno fatto pressioni sui regolatori e sulle agenzie di sanità pubblica per annullare o minare le linee guida e i regolamenti relativi agli oppioidi. .

E avvertono che molti altri esempi di danno da prodotti promossi dall’industria rimangono inesplorati.

I risultati mostrano che tutti i tipi di parti hanno legami finanziari con aziende di prodotti medici, con solo i pagatori e gli agenti di distribuzione privi di ulteriori legami non finanziari.

Mostrano anche che esistono politiche per il conflitto di interessi per alcuni legami finanziari e alcuni non finanziari, ma le fonti di dati disponibili al pubblico raramente descrivono o quantificano questi legami. 

I ricercatori riconoscono che i loro risultati sono limitati a legami industriali noti o documentati e che alcuni dati potrebbero essere stati persi. Tuttavia, affermano che la loro strategia di ricerca sistematica e duplicata e il feedback di un gruppo internazionale di esperti è improbabile che abbia perso legami comuni o importanti.

Pertanto, concludono: “Nell’ecosistema sanitario esiste una vasta rete di legami dell’industria dei prodotti medici con attività e parti. Mancano politiche per il conflitto di interessi e dati disponibili al pubblico, il che suggerisce che sono necessarie una maggiore supervisione e trasparenza per proteggere i pazienti dall’influenza commerciale e per garantire la fiducia del pubblico”.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Comunicazione

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.