Benessere

Oltre 28 milioni di anni in più di vita persi in 31 paesi nel 2020

kindle, ereader, tablet

Photo by Pexels on Pixabay

Tasso di morti premature in eccesso più alto negli uomini rispetto alle donne; i risultati gettano più luce sul pieno impatto della pandemia

Sostienici con un acquisto o donazione

Secondo uno studio pubblicato  oggi dal BMJ, nel 2020 sono stati persi oltre 28 milioni di anni di vita in più del previsto in 31 paesi a reddito medio-alto e alto  .

Ad eccezione di Taiwan, Nuova Zelanda, Danimarca, Islanda, Norvegia e Corea del Sud, tutti gli altri paesi esaminati hanno avuto più morti premature del previsto nel 2020, con un tasso più elevato negli uomini rispetto alle donne. I tassi più alti di morti premature in eccesso sono stati in Russia, Bulgaria, Lituania e Stati Uniti.

Comprendere il pieno impatto della pandemia di covid-19 richiede non solo il conteggio dei decessi in eccesso (differenza tra il numero osservato e previsto di decessi per tutte le cause), ma anche l’analisi di quanto siano prematuri tali decessi. 

Gli anni di vita persi (YLL) misurano sia il numero di decessi che l’età in cui si verifica, rendendolo una valutazione più dettagliata dell’impatto del covid-19 sulle popolazioni.

Utilizzando questa misura, un team internazionale di ricercatori, guidato dal dottor Nazrul Islam del Nuffield Department of Population Health, Università di Oxford, ha deciso di stimare i cambiamenti nell’aspettativa di vita e gli anni di vita in eccesso persi per tutte le cause nel 2020.

Hanno confrontato l’aspettativa di vita osservata e gli anni di vita persi nel 2020 con quelli che ci si aspetterebbe in base alle tendenze storiche nel 2005-19 in 37 paesi a reddito medio-alto e alto.

Tra il 2005 e il 2019, l’aspettativa di vita alla nascita è aumentata sia negli uomini che nelle donne in tutti i paesi studiati. 

Nel 2020, c’è stato un calo dell’aspettativa di vita sia negli uomini che nelle donne in tutti i paesi ad eccezione di Nuova Zelanda, Taiwan e Norvegia, dove c’è stato un aumento dell’aspettativa di vita. Non è stata trovata alcuna prova di un cambiamento nell’aspettativa di vita in Danimarca, Islanda e Corea del Sud. 

Il più alto calo dell’aspettativa di vita (in anni) è stato in Russia (-2,33 negli uomini e -2,14 nelle donne), negli Stati Uniti (-2,27 negli uomini e -1,61 nelle donne), Bulgaria (-1,96 negli uomini e -1,37 nelle donne). ), Lituania (-1,83 negli uomini e -1,21 nelle donne), Cile (-1,64 negli uomini) e Spagna (-1,11 nelle donne).

Gli anni di vita persi sono diminuiti nella maggior parte dei paesi sia negli uomini che nelle donne tra il 2005 e il 2019, ad eccezione di Canada, Grecia, Scozia, Taiwan e Stati Uniti. 

Nel 2020, gli anni di vita persi sono stati superiori alle attese in tutti i paesi tranne Taiwan e Nuova Zelanda, dove si è verificata una riduzione degli anni di vita persi, e Islanda, Corea del Sud, Danimarca e Norvegia, dove non vi sono state prove di un cambiamento negli anni di vita persi.

Nei restanti 31 paesi, nel 2020 sono stati persi oltre 222 milioni di anni di vita, 28,1 milioni in più del previsto (17,3 milioni negli uomini e 10,8 milioni nelle donne). 

Gli anni di vita persi in eccesso più elevati (per 100.000) sono stati in Russia (7.020 negli uomini e 4.760 nelle donne), Bulgaria (7.260 negli uomini e 3.730 nelle donne), Lituania (5.430 negli uomini e 2.640 nelle donne) e negli Stati Uniti ( 4.350 negli uomini e 2.430 nelle donne).

Complessivamente, gli anni di vita in eccesso persi a causa della pandemia di covid-19 nel 2020 sono stati più di cinque volte superiori (2.510 per 100.000) rispetto a quelli associati all’epidemia di influenza stagionale nel 2015 (458 per 100.000).

Gli anni di vita persi in eccesso erano relativamente bassi nelle persone di età inferiore ai 65 anni, tranne in Russia, Bulgaria, Lituania e Stati Uniti, dove gli anni di vita persi in eccesso erano più di 2.000 per 100.000.

I ricercatori riconoscono alcuni limiti. Ad esempio, non hanno incluso la maggior parte dei paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina a causa della mancanza di dati e non sono stati in grado di tenere conto di altri fattori di importanza critica, come lo stato socioeconomico, le disparità regionali e la razza o l’etnia.

Tuttavia, i risultati sono ampiamente in linea con gli studi precedenti e il loro uso di dati nazionali autorevoli sulla mortalità, insieme a un approccio analitico convalidato, suggerisce che i risultati sono robusti.

“I nostri risultati di un YLL comparabile o inferiore al previsto a Taiwan, Nuova Zelanda, Danimarca, Islanda, Norvegia e Corea del Sud sottolineano l’importanza di politiche di soppressione ed eliminazione virale di successo, compresi interventi di politica sanitaria pubblica mirati e basati sulla popolazione”, scrivono. .

“Poiché molti degli effetti della pandemia potrebbero richiedere un lasso di tempo più lungo per avere un effetto misurabile sulle vite umane, il monitoraggio continuo e tempestivo dell’eccesso di YLL aiuterebbe a identificare le fonti di eccesso di mortalità e di eccesso di YLL nei sottogruppi di popolazione”, concludono.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Benessere

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.