Terapie

Diabete tipo 2: un nuovo trattamento antidiabetico approvato per studi sull’uomo

Un composto naturale che rallenta la degradazione dell’amido potrebbe essere utilizzato per sviluppare un trattamento più piacevole per la gestione del diabete di tipo 2.

Sostienici con un acquisto o donazione

Un nuovo composto antidiabetico derivato da un fiore da giardino è stato approvato da Health Canada per gli studi di fase 1 sull’uomo. Il ricercatore di GlycoNet Stephen Withers prevede che il composto potrebbe essere utilizzato per sviluppare un trattamento con meno effetti collaterali rispetto ad altre opzioni attualmente disponibili per chi soffre di diabete di tipo 2.

“Il nostro approccio è rallentare la degradazione della componente amido del cibo, ma non influenzare gli zuccheri semplici”, afferma Withers, ricercatore capo e professore presso l’Università della British Columbia (UBC).

Il composto naturale chiamato Montbretin A (MbA) agisce inibendo l’enzima alfa-amilasi. Quando MbA inibisce l’enzima alfa-amilasi, l’amido non si scompone immediatamente e invece viaggia verso il basso nell’intestino inferiore.

Normalmente, l’enzima alfa-amilasi scompone l’amido da alimenti come riso e pane in zuccheri complessi chiamati oligosaccaridi. Gli oligosaccaridi vengono quindi ulteriormente degradati dagli enzimi alfa-glucosidasi nella parete intestinale, rilasciando glucosio nel flusso sanguigno, che provoca un aumento dei livelli di zucchero nel sangue nei diabetici di tipo 2.

I farmaci attuali che prendono di mira lo stesso sistema enzimatico di solito inibiscono l’enzima alfa-glucosidasi, impedendo la degradazione degli oligosaccaridi o degli zuccheri complessi e prevenendo il rilascio di glucosio. “Lo svantaggio di questi farmaci è che gli oligosaccaridi che vengono deviati forniscono ‘fast food’ per i batteri intestinali più in basso, e questi batteri intestinali producono molto gas come prodotto collaterale… quindi il paziente tende a soffrire di diarrea e flatulenza “, spiega Withers. “Di conseguenza non tendono a prendere il farmaco”.

Withers si aspetta che l’MbA possa essere un farmaco per controllare i livelli di glucosio nel sangue con meno effetti collaterali rispetto ai farmaci esistenti di questa classe, in modo che i diabetici di tipo 2 abbiano maggiori probabilità di prenderlo. Poiché MbA impedisce all’amido di essere scomposto in oligosaccaridi, il polimero di amido completo si farà strada nell’intestino inferiore. “I batteri laggiù possono degradarlo, ma prevediamo che lo faranno molto più lentamente”, afferma Withers.

Dal fiore al trattamento

Withers e il ricercatore dell’UBC Gary Brayer hanno trascorso molti anni a studiare l’enzima alfa-amilasi e prima hanno cercato di sviluppare un composto in laboratorio che potesse inibire l’enzima, prima di rivolgere la loro ricerca alla natura.

“Abbiamo avuto la fortuna di mettere le mani su una libreria con una raccolta di estratti di diverse piante provenienti da tutto il mondo. Avevamo 30.000 di questi estratti e siamo stati in grado di esaminare quegli estratti per potenziali inibitori dell’enzima”, afferma Withers.

Withers ha selezionato l’estratto più promettente dal fiore di montbretia (Crocosmia x crocosmiiflora) e ha lavorato con il ricercatore UBC Raymond Andersen per isolare e identificare il principio attivo: MbA.

“In collaborazione con Gary Brayer abbiamo scoperto come inibisce l’amilasi e, insieme a John McNeill, abbiamo condotto studi su animali su ratti diabetici e abbiamo dimostrato che controllava molto bene i livelli di zucchero nel sangue”, afferma Withers.

Una volta completati gli studi sugli animali, Withers ha collaborato con JP Heale dell’Ufficio di collegamento tra università e industria dell’UBC per rivolgersi a Health Canada per ottenere il permesso di iniziare le sperimentazioni sull’uomo.

La sperimentazione clinica di Fase 1 è stata approvata ma è stata ritardata a causa del COVID. Il processo inizierà non appena le circostanze lo consentiranno.

Garantire una fornitura sufficiente

In previsione che MbA avrà successo nelle sperimentazioni umane, il ricercatore di GlycoNet e il professore dell’UBC Joerg Bohlmann, insieme alla sua collega post-dottorato Sandra Irmisch (ora professore all’Università di Leiden), hanno affrontato il problema di ottenere una fornitura sicura del composto su un larga scala.

Supportati da GlycoNet, Bohlmann e Irmisch hanno studiato come la pianta produce il composto e ora stanno lavorando a un modo per produrre sinteticamente MbA, inserendo i geni che producono il composto dalla pianta di montbretia nel lievito per creare una “fabbrica”. Il successo di questo approccio consentirà una produzione affidabile e conveniente in un ambiente di laboratorio controllato, eliminando il rischio di una carenza se l’impianto stesso dovesse essere colpito da qualche malattia e morire.

Non è un’impresa da poco

Il progetto complessivo, dalle fasi scientifiche fondamentali alle sperimentazioni precliniche fino alla fase di sperimentazione umana attuale, ha richiesto circa 30 anni di ricerca e un ampio impegno per sviluppare un trattamento migliore per la gestione del diabete di tipo 2.

“Siamo entusiasti e devo dire che siamo abbastanza fiduciosi che supereremo questa fase della sperimentazione clinica in ottima forma”, afferma Withers. “MbA è molto simile a un numero di molecole che sono nella nostra dieta, ma ovviamente devi testarlo per esserne sicuro”.


La ricerca è supportata da fondi di GlycoNet e del Canadian Institutes for Health Research (CIHR) . Il progetto prevede anche contributi significativi di Raymond Andersen, Gary Brayer, Joerg Bohlmann, John McNeill e JP Heale di UBC; e Sandra Irmisch dell’Università di Leida.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Terapie

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.