Terapie

Insulina ad azione rapida, l’insulina aspart fornisce un controllo glicemico simile dopo l’esercizio

L’Equilibrio del Diabetico
CREDITO
Sprogz, Flickr, CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/)

Secondo i risultati dello studio pubblicato su Diabetes Technology & Therapeutics, l’ insulina aspart ad azione rapida fornisce un tempo simile nell’intervallo dell’insulina aspart per gli adulti con diabete di tipo 1 impegnati in esercizi di moderata o alta intensità .

Sostienici con un acquisto o donazione

“Mentre l’insulina aspart ad azione rapida ha un inizio e un offset dell’azione più rapidi rispetto all’insulina aspart standard quando somministrata per via sottocutanea, queste differenze, in particolare quelle relative all’offset nell’azione dell’insulina, non sono di entità sufficiente per influenzare il controllo del glucosio durante l’esercizio”, David Norman O’Neal, MD, endocrinologo senior presso il St. Vincent’s Hospital di Melbourne e professore nel dipartimento di medicina dell’Università di Melbourne, in Australia, ci ha detto.

I ricercatori hanno condotto uno studio crossover randomizzato non mascherato che confrontava l’insulina aspart ad azione rapida e l’insulina aspart. Lo studio è stato condotto presso il St. Vincent’s Hospital Melbourne da giugno 2019 a novembre 2020. I partecipanti erano adulti di età pari o superiore a 18 anni con diabete di tipo 1 da almeno 1 anno che avevano utilizzato una pompa per insulina per più di 3 mesi, esperienza con il glucosio continuo monitoraggio e un HbA1c inferiore al 10%. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale all’insulina aspart e all’insulina aspart ad azione rapida per 6 settimane ciascuno. L’insulina è stata somministrata attraverso un sistema di somministrazione ibrido a circuito chiuso (Medtronic). Durante ogni periodo di 6 settimane, i partecipanti hanno eseguito 40 minuti di esercizio a intensità moderata e esercizio ad alta intensitàin ordine casuale, con almeno 72 ore tra le sessioni. Il tempo nell’intervallo nelle 24 ore dopo l’esercizio era l’outcome primario.

C’erano 16 partecipanti che hanno completato lo studio (56,3% uomini; età media, 48 anni). I partecipanti hanno avuto un tempo mediano nell’intervallo superiore all’80% per entrambi i tipi di insulina con esercizio sia moderato che ad alta intensità. Non c’era alcuna differenza significativa nell’intervallo di tempo tra l’insulina aspart ad azione rapida e l’insulina aspart.

Non ci sono state differenze tra le formulazioni per qualsiasi risultato di somministrazione glicemica o di insulina 2 ore dopo l’esercizio, 8 ore dopo l’esercizio o durante la notte dopo l’esercizio. Per il periodo di studio complessivo in cui i partecipanti hanno utilizzato il sistema ibrido a circuito chiuso, c’è stato un tempo leggermente più lungo nell’intervallo con l’insulina aspart ad azione rapida rispetto all’insulina aspart (82,3% vs 79,3%; P = 0,018).

“La principale caratteristica farmacocinetica che influisce sul tempo nell’intervallo, e in particolare sul rischio di ipoglicemia, con l’esercizio è l’offset nell’azione dell’insulina”, ha detto O’Neal. “Mentre ci sono differenze nel profilo di azione dell’insulina quando si confrontano l’aspart più veloce e l’aspart standard, in entrambi i casi l’offset in azione è caratterizzato da una coda significativa.

“Le persone con diabete di tipo 1 che desiderano esercitare devono ancora pianificare per mantenere i livelli di glucosio entro un intervallo di sicurezza anche quando utilizzano l’insulina aspart più veloce in combinazione con un sistema a circuito chiuso di seconda generazione”, ha aggiunto O’Neal. “Tuttavia, con un’adeguata pianificazione anticipata, possono esercitarsi in sicurezza e con fiducia”.


Divulgazioni:  O’Neal presta servizio in comitati consultivi e riceve sostegno alla ricerca e onorari da Abbott, Medtronic, Novo Nordisk e Sanofi. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Terapie

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.