Terapie

Una cura per il diabete tipo 1: il farmaco che fa il doppio lavoro nel trattamento del diabete

I ricercatori di Yale hanno sviluppato un farmaco orale per curare il diabete che controlla i livelli di insulina e contemporaneamente inverte gli effetti infiammatori della malattia.

Sostienici con un acquisto o donazione

I risultati sono stati recentemente pubblicati su Nature Biomedical Engineering .

Sviluppato da Tarek Fahmy, professore associato di ingegneria biomedica, il farmaco ha due vantaggi fondamentali rispetto al trattamento standard per il diabete . Poiché può essere assunto per via orale, è molto più semplice per il paziente rimanere conforme al suo trattamento. Affronta anche tre problemi principali con il diabete allo stesso tempo: aiuta a controllare i livelli immediati di glucosio nel sangue, ripristina la funzione pancreatica e ristabilisce la normale immunità nell’ambiente pancreatico.

“Ciò che mi entusiasma di questo è che si tratta di un duplice approccio”, ha detto Fahmy. “Facilita il normale metabolismo e corregge i difetti immunitari a lungo termine”.

Nota che è tutto fatto all’interno di un nanovettore composto da materiali prodotti dal nostro stesso corpo – acidi biliari – il che significa che il vettore stesso ha effetti terapeutici che funzionano con l’agente caricato per ripristinare il normale metabolismo a breve termine e ripristinare la competenza immunitaria a lungo termine.

“Questo approccio combinato è ciò che rende questo sistema una nuova promettente terapia per le malattie autoimmuni in generale”, ha affermato.

Uno dei principali ostacoli alla creazione di un farmaco orale di successo per il diabete è che il farmaco si scompone nel sistema gastrointestinale del paziente. La nanoparticella, tuttavia, protegge l’insulina mentre la trasporta nel sito del pancreas, dove scarica il farmaco.

Tuttavia, la nanoparticella è più di un semplice mezzo di consegna. È composto da un acido ursodesossicolico polimerizzato, un acido biliare . Nella sua forma più naturale come monomero, è stato usato per produrre farmaci per sciogliere calcoli biliari e calcoli epatici. Tuttavia, non è stato molto efficace come trattamento per il diabete. Tuttavia, il team di ricerca di Fahmy ha polimerizzato l’acido biliare, aumentando la sua capacità di legarsi ai recettori critici per il metabolismo, rendendolo molto più efficace come trattamento per il diabete.

Nei loro test sui topi, le nanoparticelle hanno invertito l’infiammazione, ripristinato le funzioni metaboliche e esteso la loro sopravvivenza, mentre il carico delle particelle ha ripristinato i livelli di insulina .

“Quindi in realtà stai curando la malattia mentre mantieni i livelli di insulina allo stesso tempo”, ha detto Fahmy.

Il sistema di somministrazione dei farmaci è anche la base di Toralgen, una società di biotecnologie co-fondata da Fahmy.

“Il potenziale è enorme anche per il diabete e altri stati patologici”, ha detto Fahmy. “Spero che questo sviluppo tecnico sarà sfruttato nello sviluppo di soluzioni urgenti a quelle che sono attualmente sfide difficili in materia di autoimmunità, cancro, allergie e infezioni”.

I dettagli: Jung Seok Lee et al, Metabolic and immunomodulatory control of type 1 diabetes via orally delivered bile-acid-polymer nanocarriers of insulin or rapamycin, Nature Biomedical Engineering (2021). DOI: 10.1038/s41551-021-00791-0

Categorie:Terapie

Con tag:,