Batticuore

Non tutti i pazienti con diabete di tipo 2 ricevono cure adeguate per prevenire le malattie cardiovascolari


Un nuovo studio dell’Università della Finlandia orientale trova lacune e differenze di genere nell’attuale gestione del diabete di tipo 2.
Il diabete di tipo 2 è spesso accompagnato da livelli elevati di colesterolo, ma molti pazienti non ricevono un trattamento adeguato per abbassare il colesterolo, secondo lo studio condotto tra i pazienti con diabete di tipo 2 nella Carelia settentrionale, nella Finlandia orientale.

Sostienici con un acquisto o donazione

Il diabete di tipo 2 è un importante fattore di rischio di malattie cardiovascolari, come la malattia coronarica e l’insufficienza cardiaca, nonché la morte prematura. Per prevenire o almeno ritardare le complicanze, sono necessarie visite mediche regolari e un buon controllo della glicemia, del colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) e di altri fattori di rischio.

Un nuovo studio dell’Università della Finlandia orientale mostra che il controllo del colesterolo LDL e le prescrizioni di statine rimangono subottimali nella pratica clinica, nonostante le linee guida raccomandino costantemente di trattare il colesterolo LDL elevato con statine a intensità da moderata ad alta. Lo studio ha analizzato le cartelle cliniche elettroniche di 8.592 pazienti con diabete di tipo 2 nella Carelia settentrionale, nella Finlandia orientale, che hanno visitato i servizi di assistenza primaria e specializzata tra il 2012 e il 2017.

I ricercatori hanno analizzato i valori di LDL-C nel tempo e hanno identificato quattro gruppi con traiettorie diverse. La maggior parte dei pazienti (86%) aveva valori di LDL-C relativamente stabili a livelli moderati e solo pochi pazienti hanno mostrato un aumento significativo (3%) o una diminuzione (4%) durante il follow-up. Tuttavia, il secondo gruppo più numeroso (8%) era costituito da pazienti con livelli di LDL-C allarmanti “alti stabili” a circa 3,9 mmol/L.  

Il gruppo LDL-C “alto stabile” ha avuto le proporzioni più basse di pazienti in trattamento con intensità moderata e alta, nonché con qualsiasi trattamento con statine. La percentuale di pazienti che hanno ricevuto qualsiasi trattamento con statine è addirittura diminuita dal 42% al 27% tra gli uomini e dal 34% al 23% tra le donne tra il 2012 e il 2017.

Abbiamo osservato significative differenze di genere nei processi e nei risultati dell’assistenza”, afferma la ricercatrice in fase iniziale Laura Inglin dell’Università della Finlandia orientale. “In tutti i gruppi di traiettoria, le donne avevano livelli medi di LDL-C significativamente più alti e ricevevano trattamenti con statine e trattamenti ad alta intensità meno frequentemente rispetto agli uomini”.

Lo studio ha identificato una significativa eterogeneità per quanto riguarda i processi di cura longitudinali, i risultati e i trattamenti, evidenziando le lacune nell’attuale gestione del diabete. Gli sforzi per controllare il colesterolo LDL dovrebbero essere aumentati, specialmente nei pazienti con livelli continuamente elevati, iniziando e intensificando il trattamento con statine prima e riprendendo il trattamento dopo l’interruzione, se possibile.

Lo studio è stato pubblicato oggi 22 novembre 2021 su Scientific Report Scientific Report 

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Batticuore

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.