Terapie

Deep impact: L’impatto dei farmaci sulla flora intestinale è maggiore di quanto pensassimo

Dai farmaci cardiometabolici agli antibiotici: i farmaci che assumiamo possono influenzare il microbioma intestinale umano

Siamo una delle generazioni di esseri umani più medicati a vivere sul nostro pianeta. Malattie cardiometaboliche come il diabete di tipo 2, l’obesità e la malattia coronarica continuano ad aumentare in prevalenza e insieme costituiscono la più alta causa di mortalità in tutto il mondo. Le persone affette spesso devono assumere più farmaci al giorno per mesi o addirittura anni.

I ricercatori del  gruppo Bork  dell’EMBL Heidelberg, in collaborazione con un consorzio europeo che coinvolge più di venti istituti europei, hanno ora dimostrato che molti farmaci comunemente usati hanno potenti effetti sui nostri microbi intestinali. Questi includono farmaci usati per trattare disturbi cardiometabolici e antibiotici. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista  Nature .

Il microbioma intestinale è costituito da miliardi di microrganismi essenziali per il normale funzionamento del corpo.

“Abbiamo analizzato gli effetti di 28 diversi farmaci e diverse combinazioni di farmaci”, ha spiegato Peer Bork, Direttore delle attività scientifiche presso EMBL Heidelberg, “Molti farmaci hanno un impatto negativo sulla composizione e sullo stato dei batteri intestinali, ma altri, inclusa l’aspirina, possono avere un influenza positiva sul microbioma intestinale. Abbiamo scoperto che i farmaci possono avere un effetto più pronunciato sul microbioma ospite rispetto a malattia, dieta e fumo combinati”.

Sebbene l’impatto negativo e duraturo degli antibiotici sui batteri intestinali sia già noto, questo studio ha dimostrato che tali effetti probabilmente si accumulano nel tempo. “Abbiamo scoperto che il microbioma intestinale dei pazienti che assumevano più cicli di antibiotici per cinque anni era diventato meno sano. Ciò includeva segni che indicano resistenza antimicrobica”, ha affermato la co-prima autrice dello studio Sofia Forslund, ex borsista post-dottorato nel gruppo Bork e ora leader del gruppo presso il Max Delbrück Center for Molecular Medicine (MDC), Berlino.

“Volevamo districare l’effetto che le malattie hanno sui microbiomi dell’ospite dall’effetto dei farmaci, in particolare nei pazienti che assumono più di un farmaco contemporaneamente”, ha affermato la co-autrice  Maria Zimmermann-Kogadeeva , leader del gruppo ed ex postdoc presso l’EMBL Heidelberg. “Essere parte del  consorzio MetaCardis  ci ha permesso di utilizzare i dati multi-omici di oltre 2000 pazienti con malattie cardiometaboliche”, ha aggiunto. L’ampia coorte ha anche permesso ai ricercatori di stabilire che il dosaggio dei farmaci prescritti ha anche un effetto significativo sul livello di impatto sul microbioma.

“Sappiamo che il microbioma può riflettere lo stato di salute di un paziente e fornire una gamma di biomarcatori per valutare la gravità delle malattie. Ciò che spesso viene trascurato, tuttavia, è che il farmaco usato per curare una malattia influisce anche sullo stato del microbioma”, ha aggiunto Rima Chakaroun, uno degli autori principali dello studio e scienziato clinico presso il Medical Center dell’Università di Lipsia. Il dottor Chakaroun è attualmente borsista post-dottorato presso il Laboratorio Wallenberg, Università di Göteborg.

Sviluppando un approccio statistico che tenga conto degli effetti di molteplici fattori confondenti, i ricercatori potrebbero individuare separatamente gli effetti di farmaci e malattie. “Ora disponiamo di un solido quadro metodologico che consente di eliminare molti degli errori standard”, ha affermato il professor Bork. “Ciò ci ha permesso di dimostrare che i farmaci possono mascherare le firme della malattia e nascondere potenziali biomarcatori o bersagli terapeutici”.

I ricercatori sperano che questi risultati possano fornire conoscenze che potrebbero potenzialmente aiutare nel riutilizzo dei farmaci e nella pianificazione di strategie di prevenzione e trattamento individualizzate.

Lo studio ha combinato le intuizioni, le conoscenze e gli approcci di esperti in sei paesi. “È stato molto motivante lavorare con un team interdisciplinare di medici, bioinformatici e biologi dei sistemi computazionali per far progredire la nostra comprensione delle interazioni molecolari nelle malattie cardiometaboliche”, ha affermato il dott. Zimmermann-Kogadeeva.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: