Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale Telemedicina

In che modo il monitoraggio remoto dei pazienti può migliorare i risultati di salute per le persone con diabete

Glooko rivela come le tecnologie di monitoraggio remoto dei pazienti per gestire il diabete e le relative condizioni croniche stiano offrendo benefici a lungo termine e probabilmente diventeranno parte della gestione standard dell’assistenza domiciliare

Quando la pandemia di COVID-19 ha fatto precipitare i blocchi in tutto il mondo, gli operatori sanitari sono stati costretti a trovare nuovi modi per fornire assistenza. Questa crisi si è presto trasformata in un’opportunità per sfruttare i progressi nelle tecnologie di monitoraggio remoto dei pazienti (RPM), che sono diventate rapidamente fondamentali per aiutare le persone con diabete e condizioni croniche correlate a rimanere in contatto con i loro team di assistenza dalla sicurezza e dal comfort delle proprie case.

Tecnologie di monitoraggio remoto del paziente

Le tecnologie RPM includono piattaforme, dispositivi e strumenti utilizzati principalmente per raccogliere dati generati dal paziente o dal dispositivo sull’uso dei farmaci o sui comportamenti dei pazienti. Per le persone con diabete, lo scopo principale delle soluzioni RPM è osservare, riportare e analizzare continuamente indicatori clinici (ad es. letture glicemiche auto-monitorate {SMBG}), iniezioni di insulina e altri comportamenti del paziente come l’uso di farmaci, attività fisiche e assunzione di cibo. I fornitori possono quindi utilizzare queste informazioni per avviare interventi personalizzati e just-in-time come l’adeguamento dei piani di trattamento, il coaching di telemedicina o altre attività di coinvolgimento dei pazienti.

Per ottimizzare l’assistenza, le piattaforme RPM facilitano anche la condivisione di dati da più fonti – inclusi EHR, dispositivi per la somministrazione di insulina e dispositivi per la salute e il fitness dei pazienti – tra medici, medici, pagatori e pazienti. Sono particolarmente utili per i pazienti costretti a casa o per quelli nelle aree rurali che non possono accedere facilmente alle cliniche.

Abbracciato da pazienti e fornitori, RPM offre vantaggi reali a lungo termine

Nel mondo odierno saturo di tecnologia, la stragrande maggioranza degli operatori sanitari e dei pazienti si è immediatamente adattata e ha abbracciato la nuova normalità dell’assistenza a distanza. Ad esempio, in seguito ai blocchi negli Stati Uniti e in molti paesi europei, l’azienda di salute digitale Glooko ha registrato un aumento del 32% dei caricamenti remoti sulla sua piattaforma RPM .

“I nostri clienti hanno riscontrato che le soluzioni RPM sono incredibilmente utili ed efficaci nella gestione della cura dei pazienti con diabete e condizioni croniche correlate”, ha affermato Mark Clements, MD, PhD, endocrinologo pediatrico, ricercatore clinico e Chief Medical Officer di Glooko. “Combinando il monitoraggio remoto regolare dei dati dei pazienti generati durante il giorno con il coaching di telemedicina settimanale o bisettimanale, se necessario, i pazienti sono stati in grado di ottenere risultati di salute migliori”.

L’evidenza clinica conferma questa affermazione. Dagli anni ’90, il controllo glicemico (cioè il mantenimento dei livelli di glucosio entro un intervallo specificato) è stato la pietra di Rosetta della gestione del diabete. In un recente studio sul mondo reale , i pazienti diabetici arruolati nei programmi pilota RPM nei sistemi sanitari statunitensi hanno utilizzato un’app mobile per la gestione del diabete per sincronizzare le informazioni sulla glicemia, sui farmaci e sullo stile di vita. I team di assistenza RPM monitoravano regolarmente questi dati da remoto e fornivano coaching di telemedicina secondo necessità. Quando i ricercatori hanno confrontato i risultati dello studio con i dati SMBG raccolti al momento dell’iscrizione, hanno osservato miglioramenti immediati e duraturi su più esiti glicemici per un massimo di un anno.

monitoraggio remoto del paziente diabete, diabete

Sebbene la cura di sé sia ??essenziale per mantenere il controllo glicemico, è un lavoro a tempo pieno per i pazienti, che devono misurare i livelli di glucosio nel sangue più volte al giorno; tracciare, registrare e titolare (cioè regolare il dosaggio) il loro uso di insulina; e monitorare e registrare comportamenti, stati d’animo e assunzione di cibo. In uno studio clinico randomizzato , una piattaforma RPM con uno strumento di auto-titolazione basato su app ha analizzato i livelli di glucosio nel sangue a digiuno e ha raccomandato aggiustamenti della dose di insulina sulla base delle linee guida di trattamento preconfigurate di un medico.

Sebbene i pazienti che utilizzano l’app e quelli del gruppo di controllo abbiano migliorato significativamente il controllo glicemico dopo 16 settimane, il gruppo con l’app di auto-titolazione ha dimostrato una maggiore proporzione di letture SMBG tra l’intervallo target di 70-180 mg/dL e un minor numero di letture SMBG elevate (> 250 mg/dL) che potrebbero metterli a maggior rischio di progressione della malattia.

“Questi e altri studi RPM sono una testimonianza di ciò che può essere realizzato quando i pazienti hanno strumenti e informazioni migliori per la cura di sé e gli operatori hanno accesso tempestivo a informazioni clinicamente rilevanti per avviare rapidamente gli interventi necessari”, ha affermato Clements. “Chiaramente, l’integrazione di varie soluzioni RPM con l’assistenza in studio convenzionale porterà probabilmente a risultati favorevoli”.

monitoraggio remoto del paziente diabete, diabete

Il futuro delle tecnologie RPM

È sicuro prevedere che l’RPM e altre innovazioni per la salute digitale domiciliare alla fine diventeranno parte dello standard di cura per il diabete e altre condizioni croniche.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: