Equilibrio

A corto di idee?

Non riesci a trovare la risposta? Potresti voler fare un pisolino. Credito: Kvalifik/Unsplash , CC BY-SA

Sonnecchiare potrebbe essere il segreto per sbloccare la tua creatività

Al confine tra veglia e sonno, c’è una zona grigia dove la nostra coscienza fluttua, la nostra reattività diminuisce e la nostra consapevolezza del mondo reale inizia a dissolversi, lasciando il posto a sensazioni spontanee vicine al sogno.

Sostienici con un acquisto o donazione

Breve e fugace, questa fase di insorgenza del sonno rimane un mistero che ha a lungo incuriosito artisti, scienziati e inventori, che consideravano il periodo terreno fertile per intuizioni e scoperte.

Tra questi, il chimico tedesco August Kékulé riferì come il sogno ad occhi aperti di un serpente che si morde la coda gli rivelò la struttura circolare del benzene.

Thomas Edison e Salvador Dalì erano entrambi così convinti delle virtù creative dell’insorgere del sonno che svilupparono un metodo per cogliere queste brevi intuizioni. Il loro segreto era semplice: facevano dei sonnellini tenendo un oggetto in mano. Il suddetto oggetto sarebbe caduto e avrebbe fatto rumore mentre i loro muscoli si rilassavano al passaggio al sonno, svegliandoli in tempo per scrivere le illuminazioni che si verificano durante questo periodo pre-sonno.

Ma catturare idee creative durante il sonno è il segno dei geni o è accessibile a tutti?

Sonnecchiare per risolvere i problemi

Per scoprire se una musa si nasconde alle porte del sonno, abbiamo confrontato la capacità dei volontari di risolvere un problema dopo un pisolino rispetto ai volontari che stanno svegli.

La nostra ipotesi era che gli individui che si erano appisolati avrebbero avuto maggiori possibilità di avere un Eureka! momento. Ma come misurarlo in laboratorio? Abbiamo deciso di utilizzare il Number Reduction Task (NRT), in cui i partecipanti devono risolvere una serie di problemi aritmetici il più rapidamente possibile seguendo due semplici regole.

Trovare la soluzione è facile ma tedioso: basta procedere per gradi. La bellezza della NRT sta in un trucco nascosto, una scorciatoia che permette al partecipante di saltare la maggior parte dei passaggi e trovare la soluzione in modo rapido e senza sforzo.

I partecipanti non erano a conoscenza dell’esistenza di questo trucco all’inizio del compito. Tuttavia, se lo scoprono spontaneamente, abbiamo immediatamente osservato un’improvvisa riduzione del loro tempo di risoluzione, permettendoci di tracciare con precisione quando questi Eureka! momenti si sono verificati.

Abbiamo testato 103 volontari presso il dipartimento dei disturbi del sonno dell’ospedale Pitié-Salpêtrière di Parigi. Questi volontari sono stati prima sottoposti a 60 prove in anticipo, per abituarsi al compito. Una piccola percentuale (16%) ha riscontrato la scorciatoia durante questa fase e non è stata inclusa in ulteriori analisi. Quindi, ai partecipanti è stato permesso di fare una pausa di 20 minuti, in una stanza buia, su una sedia comoda con gli occhi chiusi.

Queste condizioni sono state scelte per facilitare l’inizio del sonno. Tuttavia, non volevamo solo che le persone si addormentassero, ma volevamo anche che rimanessero nella zona grigia tra la veglia e il sonno per testare l’effetto specifico di questa fase sulla creatività. Questa fase di transizione è instabile e di solito si trasforma rapidamente in un sonno più profondo, rendendo molto difficile prevedere quando svegliare le persone prima che cadano in un sonno più profondo.

Per aiutare i partecipanti a rimanere alle porte del sonno, ci siamo ispirati a Edison e Dalì. Abbiamo chiesto ai partecipanti di tenere in mano una bottiglia di plastica, in modo che si svegliassero facendola cadere prima di addormentarsi troppo profondamente. Alla fine di questa pausa, ai partecipanti è stato chiesto di lavorare su 330 nuove prove dello stesso compito NRT e abbiamo monitorato il verificarsi di Eureka! momenti.

Durante l’esperimento, i partecipanti hanno indossato sensori, posizionati sulla testa, sul mento e intorno agli occhi per monitorare la loro attività cerebrale, oculare e muscolare. Da questi segnali abbiamo potuto monitorare in tempo reale lo stato di sonno dei partecipanti e dividere il campione in tre gruppi: quelli che sono rimasti svegli durante tutta la pausa, quelli che si sono appisolati (ed sono entrati solo nella prima fase del sonno chiamata N1), e quelli hanno raggiunto la seconda fase, N2.

Traccia del sonno di un partecipante che si è appisolato (N1); si sveglia dopo aver lasciato cadere la bottiglia. L’attività cerebrale è in nero, i movimenti oculari in blu e il tono muscolare in verde. Autore fornito

Quindi, Edison e Dali avevano ragione nel pensare che rimanere sull’orlo del sonno fornisca un accesso diretto al nostro sé creativo? Abbiamo scoperto che l’83% dei partecipanti che si sono appisolati (gruppo N1) ha trovato la regola nascosta, rispetto a solo il 31% dei volontari nel gruppo che è rimasto sveglio.

Questo triplice aumento della proporzione di Eureka! è tanto più sorprendente se si considera che la differenza tra il gruppo N1 e il gruppo sveglio ammontava in media a trascorrere un solo minuto nella prima fase del sonno. La spinta alla creatività è scomparsa nei volontari che hanno raggiunto N2 – solo il 14% ha trovato la regola nascosta. Sembra quindi che ci sia un terreno fertile per la creatività durante l’addormentamento: per raggiungerlo bisogna addormentarsi facilmente ma non troppo profondamente.

Edison e Dali avevano ragione

La tecnica di Edison è efficiente per catturare questo punto debole creativo? Abbiamo osservato un rallentamento dell’attività cerebrale (un indicatore dell’inizio del sonno) appena prima delle gocce. Poiché il suono provocato dalla bottiglia che cade ha svegliato i partecipanti ogni volta, la tecnica di Edison potrebbe impedire ai partecipanti di passare più in profondità in N2, che non sembra giovare alla creatività.

Tuttavia, abbiamo anche osservato che i partecipanti a volte lasciavano cadere la bottiglia anche prima di raggiungere N1. Queste gocce premature suggeriscono che questa tecnica è sensibile ai primi segni di sonnolenza e potrebbe quindi talvolta impedire ai partecipanti di raggiungere la zona creativa.

In poche parole, il sonnellino del gatto con un oggetto in mano è efficiente per rimanere nel punto debole della creatività, ma solo se riesci a raggiungerlo in primo luogo.

Se vuoi provare questo metodo a casa, devi trovare un oggetto leggero e scivoloso. L’oggetto deve fare abbastanza rumore quando cade per svegliarti prima che tu cada in un sonno profondo.

Una volta trovato l’oggetto perfetto, fai un pisolino con il braccio che sporge dalla sedia o dal letto. Quando lasciar cadere il tuo oggetto ti fa svegliare da questo pisolino creativo, potresti dover aspettare di sentire la tua musa sussurrare la soluzione al problema che stai cercando di risolvere.

Anzi, contrariamente ai tanti aneddoti di Eureka! momenti che si verificano proprio al risveglio, i nostri partecipanti hanno trovato il trucco segreto con un ritardo di circa 94 nuove prove in media. I meccanismi neurali attraverso i quali l’insorgenza del sonno favorisce le intuizioni creative rimangono quindi misteriosi. Ma una cosa è certa: ora hai una scusa perfetta per appisolarti durante le riunioni.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Categorie:Equilibrio

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.