Batticuore

A metà strada

I rischi cardiovascolari possono essere peggiori per la cognizione delle donne nella mezza età

Un nuovo studio suggerisce che anche se gli uomini possono avere maggiori probabilità di avere condizioni cardiovascolari come malattie cardiache e ictus e fattori di rischio come diabete, ipertensione e fumo nella mezza età rispetto alle donne, l’impatto negativo della maggior parte di queste condizioni sul pensiero e le capacità di memoria possono essere più forti per le donne. La ricerca è pubblicata nel 5 Gennaio 2022, il rilascio on line di Neurology ® , la rivista medica della American Academy of Neurology .

Sostienici con un acquisto o donazione

“I nostri risultati mostrano che le condizioni cardiovascolari di mezza età e i fattori di rischio erano associati al declino cognitivo di mezza età, ma l’associazione è più forte per le donne”, ha affermato l’autrice dello studio Michelle M. Mielke, PhD, della Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, e un membro dell’Accademia americana di neurologia. “In particolare, abbiamo scoperto che alcune condizioni cardiovascolari, come il diabete, le malattie cardiache e la dislipidemia, che sono livelli anormalmente alti di grassi nel sangue, avevano associazioni più forti con il declino cognitivo nelle donne rispetto agli uomini”.

Portrait of middle age woman in the room

Lo studio ha esaminato 1.857 persone senza demenza di età compresa tra 50 e 69 anni all’inizio dello studio. Le persone hanno ricevuto una valutazione clinica ogni 15 mesi per una media di tre anni. Ciò includeva nove test di memoria, linguaggio, funzione esecutiva e abilità spaziali combinati per calcolare un punteggio cognitivo composito.

Complessivamente, 1.465, o il 79%, dei partecipanti avevano almeno una condizione cardiovascolare o un fattore di rischio. Più uomini che donne avevano almeno un fattore di rischio: l’83% per gli uomini rispetto al 75% per le donne.

I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte delle condizioni cardiovascolari erano più fortemente associate alla funzione cognitiva tra le donne. Ad esempio, le malattie cardiache sono state associate a un calo più di due volte maggiore dei punteggi dei test cognitivi compositi per le donne rispetto agli uomini.

Inoltre, hanno scoperto che il diabete, le malattie cardiache e livelli anormalmente elevati di grassi nel sangue erano associati al declino del punteggio linguistico solo nelle donne. Tuttavia, l’insufficienza cardiaca congestizia è stata associata al declino del punteggio linguistico solo negli uomini.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per esaminare le differenze di sesso nelle relazioni tra i fattori di rischio cardiovascolare e i biomarcatori specifici di malattie cerebrali come l’iperintensità della sostanza bianca, le aree di tessuto morto e l’integrità complessiva della sostanza bianca nella mezza età”, ha affermato Mielke. “Ciò potrebbe aiutarci a comprendere meglio i meccanismi specifici del sesso, attraverso i quali le condizioni cardiovascolari e i fattori di rischio contribuiscono al deterioramento cognitivo sia nelle donne che negli uomini”.

Una limitazione dello studio è che i partecipanti provenivano tutti da una contea del Minnesota, quindi i risultati potrebbero non essere generalizzati ad altre popolazioni.

Lo studio non dimostra che le donne che hanno fattori di rischio cardiovascolare avranno un declino cognitivo nella mezza età, ma mostra un’associazione.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health, dalla GHR Foundation e dal Rochester Epidemiology Project.

Scopri di più sulla salute del cervello su BrainandLife.org , sede della rivista gratuita per pazienti e operatori sanitari dell’American Academy of Neurology incentrata sull’intersezione tra malattie neurologiche e salute del cervello. Segui Brain & Life® su Facebook , Twitter e Instagram .

Quando pubblichi sui canali di social media questa ricerca, ti invitiamo a utilizzare gli hashtag #Neurology e #AANscience.

L’American Academy of Neurology è la più grande associazione mondiale di neurologi e professionisti delle neuroscienze, con oltre 36.000 membri. L’AAN è dedicato a promuovere la più alta qualità di cure neurologiche centrata sul paziente. Un neurologo è un medico con una formazione specializzata nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione di disturbi del cervello e del sistema nervoso come il morbo di Alzheimer, ictus, emicrania, sclerosi multipla, commozione cerebrale, morbo di Parkinson ed epilessia.

Per ulteriori informazioni sull’Accademia americana di neurologia, visita AAN.com o trovaci su Facebook , Twitter , Instagram , LinkedIn e YouTube .

Categorie:Batticuore

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.