Mangiare e bere

Meglio verdurì

Adv

Una nuova ricerca afferma che la dieta a base vegetale è la migliore per il pianeta e le persone

Man mano che le città crescono e i redditi aumentano in tutto il mondo, sempre più persone stanno abbandonando orti e diete tradizionali e mangiando zuccheri raffinati, grassi raffinati, oli e prodotti agricoli ad alta intensità di risorse e terra come la carne bovina. Questa transizione alimentare globale sta danneggiando la salute sia delle persone che del pianeta, afferma una nuova ricerca.

Ma lo studio mostra anche che allontanarsi da questa traiettoria e scegliere diete mediterranee, pescatarie o vegetariane più sane potrebbe non solo aumentare la durata e la qualità della vita umana, ma anche ridurre le emissioni e salvare l’habitat per le specie in via di estinzione.

E faremmo meglio a sbrigarci; gli scienziati prevedono che se la tendenza continua, la situazione sarà ancora peggiore con le emissioni di gas serra in aumento dell’80% entro il 2050.

Esaminando quasi 50 anni di dati provenienti dai 100 paesi più popolosi del mondo, il professore di ecologia dell’Università del Minnesota G. David Tilman e lo studente laureato Michael Clark illustrano come le attuali tendenze dietetiche stiano contribuendo alle crescenti emissioni di gas serra nell’agricoltura e al degrado dell’habitat.

Inoltre, scrivono: “Questi cambiamenti nella dieta stanno aumentando notevolmente l’incidenza del diabete di tipo 2, della malattia coronarica e di altre malattie croniche non trasmissibili che riducono l’aspettativa di vita globale”.

Nello studio, pubblicato nell’edizione online di Nature del 12 novembre , i ricercatori hanno scoperto che con l’aumento del reddito tra il 1961 e il 2009 le persone hanno iniziato a consumare più proteine ??della carne, “calorie vuote” e calorie totali per persona. (“Le calorie vuote” – zucchero, grassi, oli e alcol – rappresentano ora quasi il 40% del cibo acquistato nei 15 paesi più ricchi del mondo, secondo la ricerca.)

Quando i ricercatori hanno combinato le tendenze con le previsioni di crescita della popolazione e crescita del reddito per i prossimi decenni, sono stati in grado di prevedere che le diete nel 2050 conterranno meno porzioni di frutta e verdura, circa il 60 percento in più di calorie vuote e dal 25 al 50 percento in più di carne di maiale. , pollame, manzo, latticini e uova. Questi sono cambiamenti noti per aumentare la prevalenza del diabete di tipo II, della malattia coronarica e di alcuni tipi di cancro.

Utilizzando analisi del ciclo di vita di vari sistemi di produzione alimentare, lo studio ha anche calcolato che, se le tendenze attuali prevarranno, queste diete 2050 porterebbero anche a un aumento dell’80% delle emissioni globali di gas serra derivanti dalla produzione alimentare e alla distruzione dell’habitat a causa del disboscamento. per l’agricoltura nel mondo.

“Abbiamo dimostrato che gli stessi cambiamenti nella dieta che possono aggiungere circa un decennio alle nostre vite possono anche prevenire ingenti danni ambientali”, ha affermato Tilman, professore al College of Biological Sciences di UM e residente presso l’Institute on the Environment.

“In particolare, se il mondo adottasse variazioni su tre diete comuni, la salute aumenterebbe notevolmente e allo stesso tempo si ridurrebbero le emissioni globali di gas serra di una quantità pari alle attuali emissioni di gas serra di tutte le auto, camion, aerei, treni e navi. Inoltre, questo cambiamento nella dieta impedirebbe la distruzione di un’area di foreste tropicali e savane grande quanto metà degli Stati Uniti».

Lo studio ha confrontato gli impatti sulla salute della dieta onnivora globale con quelli riportati per le diete tradizionali mediterranee, pescatarie e vegetariane. L’adozione di queste diete alternative potrebbe ridurre l’incidenza del diabete di tipo II di circa il 25%, il cancro di circa il 10% e la morte per malattie cardiache di circa il 20% rispetto alla dieta onnivora.

L’adozione di queste o di diete alternative simili eviterebbe anche la maggior parte o tutte le maggiori emissioni di gas serra e la distruzione dell’habitat che altrimenti sarebbero causate sia dai cambiamenti dietetici che dall’aumento della popolazione globale.

Gli autori hanno riconosciuto che numerosi fattori concorrono alla scelta della dieta, ma hanno anche sottolineato che le diete alternative fanno già parte della vita di innumerevoli persone in tutto il mondo.

“Questa è la prima volta che questi dati sono stati messi insieme per mostrare che questi collegamenti sono reali e forti e non solo i mormorii degli amanti del cibo e dei sostenitori dell’ambiente”, ha detto Tilman .

Notando che le variazioni sulle diete utilizzate nello scenario potrebbero potenzialmente mostrare un beneficio ancora maggiore, gli autori hanno concluso che “la valutazione e l’implementazione di soluzioni dietetiche al trilemma dieta-ambiente-salute strettamente legato è una sfida globale, e un’opportunità, di grande impatto ambientale. e importanza per la salute pubblica”.

Nel frattempo, il documento offre una serie di risultati sfumati sugli impatti ambientali di varie scelte dietetiche. Ecco alcuni suggerimenti da tenere a mente:

  • Mentre la differenza nelle emissioni di gas serra per gli alimenti di origine animale rispetto a quelli di origine vegetale è ben nota, le emissioni per grammo di proteine ??per manzo e agnello sono circa 250 volte quelle dei legumi; maiale, pollo, latticini e pesce hanno emissioni molto più basse;
  • Venti porzioni di verdura hanno meno emissioni di gas serra di una porzione di manzo.
  • Il pesce catturato con la pesca a strascico, che prevede il trascinamento di reti da pesca lungo il fondo dell’oceano, può avere emissioni tre volte superiori a quelle del pesce pescato con i metodi tradizionali.
  • E tra i cereali, il riso ha cinque volte le emissioni per grammo di proteine ??del grano.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: