Telemedicina

I medici chiedono linee guida globali sulla telemedicina

Gli esperti sanitari della Staffordshire University affermano che c’è un urgente bisogno di linee guida globali sulla telemedicina per migliorare l’assistenza ai pazienti a distanza

La pandemia di COVID-19 ha visto un’espansione senza precedenti della telemedicina con il passaggio alle consultazioni dei pazienti a distanza attraverso le professioni sanitarie alleate che includono protesi e ortesisti, fisioterapia, podologia, ortottisti, terapisti occupazionali, dietologi e osteopatia.

Sostienici con un acquisto o donazione

Tuttavia, un nuovo studio pubblicato su BMJ Open che esamina le attuali linee guida per i 14 Allied Health Professionals (AHP) nel Regno Unito rivela una chiara necessità di risolvere le disparità nel livello di orientamento per le consultazioni a distanza tra le professioni.

Il professor Nachi Chockalingam, direttore del Center for Biomechanics and Rehabilitation Technologies (CBRT) presso la Staffordshire University, ha spiegato: “Una buona soddisfazione del paziente, una maggiore accessibilità, comodità e tempi di viaggio e di attesa ridotti sono alcuni dei fattori che hanno portato a un maggiore utilizzo della telemedicina e accettabilità.

“Sebbene la pandemia abbia accelerato la transizione all’assistenza mediata dalla tecnologia, sono ancora presenti preoccupazioni e limitazioni relative alle consultazioni a distanza e ai rischi, errori e danni non intenzionali che possono verificarsi ai pazienti durante e/o come risultato delle consultazioni a distanza”.

Sebbene la telemedicina possa essere considerata un modo efficiente e sicuro per fornire consulenze, in pratica esistono barriere che possono portare a conseguenze indesiderate; questi includono vincoli tecnologici come larghezza di banda Internet inadeguata, mancanza di competenze tra gli utenti, riservatezza dei pazienti, privacy e problemi di sicurezza dei dati.

Uno studio condotto da Ricardo Mosquera, MD, con la McGovern Medical School dell’UTHealth ha rilevato che gli appuntamenti di telemedicina riducono il rischio di ulteriori malattie.
CREDITO: (Foto di Roger Castro/UTHealth)

Inoltre, sono state sollevate preoccupazioni per il rischio di danni ai pazienti derivanti dalla mancanza di qualità diagnostica e terapeutica dei servizi forniti attraverso la telemedicina, poiché ciò può portare a condizioni altamente infettive e pericolose per la vita.

Lo studio ha rivelato che la maggior parte delle linee guida sulla telemedicina sono state progettate per rispondere rapidamente alla necessità di consultazioni a distanza dei pazienti durante la pandemia di Covid-19 e raccomanda di rivedere le linee guida disponibili per garantire che soddisfino le esigenze a lungo termine delle consultazioni dei pazienti.

Pochissime linee guida sono state specificamente progettate per determinate popolazioni cliniche, che hanno riconosciuto che le consultazioni di telemedicina devono essere adattate per soddisfare le esigenze individuali. È stato anche riscontrato che la maggior parte delle linee guida sono state progettate specificamente per terapisti occupazionali, fisioterapisti e logopedisti, lasciando agli altri gruppi AHP pochissime o inadeguate linee guida.

I professori associati, il dott. Aoife Healy e il dott. Nicola Eddison di CBRT, hanno aggiunto: “Dovrebbe essere disponibile una guida solida per assistere i medici offrendo istruzioni chiare su come fornire consulenze a distanza, che li aiuterebbe anche a limitare gli interventi inappropriati e inefficaci e, soprattutto, i danni ai pazienti.

“Il nostro lavoro evidenzia che la ricerca futura e il lavoro collaborativo tra i gruppi AHP e le principali istituzioni sanitarie del mondo sono necessari per stabilire linee guida comuni che miglioreranno i servizi di telemedicina AHP. Questo sarà un primo passo per stabilire linee guida globali sulla telemedicina che possono essere adattate ai contesti locali al fine di migliorare la qualità della fornitura di servizi AHP in tutto il mondo”.

I ricercatori della Staffordshire University stanno anche collaborando con ONG internazionali allo sviluppo di opzioni di telemedicina per la fornitura di tecnologie assistive.

Leggi l’articolo completo https://bmjopen.bmj.com/content/11/12/e055823

Categorie:Telemedicina

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.