Telemedicina Terapie

La realtà virtuale aiuta a rendere la terapia più facile

Adv

Una nuova ricerca mostra che molte persone sono più a loro agio a parlare con un avatar che con una persona reale

Se ritieni che l’apertura a un terapeuta sia troppo scoraggiante, una nuova ricerca mostra che non sei solo e potresti presto avere una nuova opzione.

Lo studio della Edith Cowan University (ECU) ha rilevato che il 30% delle persone preferisce parlare di esperienze negative con un avatar di realtà virtuale, piuttosto che con una persona.

I ricercatori hanno confrontato le interazioni sociali in cui le persone sono impegnate in conversazioni VR rispetto a quelle faccia a faccia.

Hanno utilizzato la tecnologia di acquisizione del movimento completo del viso e del corpo per creare un “avatar di movimento realistico” che imitasse da vicino la loro controparte nella vita reale, quindi hanno analizzato il modo in cui le persone hanno interagito con gli avatar rispetto alle persone.

Il ricercatore in psicologia e comunicazione, il dottor Shane Rogers, ha affermato che i partecipanti hanno valutato la loro esperienza in base a fattori come il divertimento, la comprensione percepita, il comfort, l’imbarazzo e la misura in cui sentivano di aver divulgato informazioni su se stessi.

“Nel complesso le persone hanno valutato l’interazione sociale della realtà virtuale come simile all’interazione faccia a faccia, con l’eccezione della vicinanza, in cui le persone tendevano a sentirsi un po’ più vicine tra loro quando si trovavano faccia a faccia”, ha affermato il dott. Rogers.

Portrait of smiling businesswoman with VR glasses in office

Sebbene la tecnologia VR sia in circolazione da un po’ di tempo, il dott. Rogers ha affermato che questo studio suggerisce che l’utilizzo del motion capture per migliorare la realtà virtuale potrebbe catapultarla nella nostra vita quotidiana.

“Questa tecnologia ha il potenziale per un’ampia applicazione in una serie di aree come la conversazione casuale, gli affari, il turismo, l’istruzione e la terapia”, ha affermato il dott. Rogers.

“Lo studio ha rilevato che il 30% delle persone preferisce rivelare esperienze negative tramite la realtà virtuale. Ciò significa che la terapia potrebbe essere aperta a nuove persone che non si sentono a proprio agio con le tradizionali interazioni faccia a faccia.

“Potrebbe anche consentire ai terapeuti di condurre la terapia in modo più efficace a distanza, poiché una persona può essere nella stanza del terapeuta (nella realtà virtuale) mentre è seduta a casa propria”.

Il dottor Rogers ha detto che si aspettava che nei prossimi cinque anni l’interazione sociale in realtà virtuale sarebbe diventata un luogo comune, piuttosto che di nicchia.

“Computer più potenti stanno diventando più convenienti, i visori e le periferiche VR continuano a svilupparsi e le piattaforme software di interazione VR più user-friendly stanno diventando disponibili e vengono aggiornate”, ha affermato.

I prossimi passi nella ricerca sono indagare ulteriormente su come gli aspetti dell’avatar (fedeltà del movimento e grafica) influenzino l’esperienza dell’utente, nonché ulteriori indagini sul potenziale della realtà virtuale per le impostazioni terapeutiche.

Il documento “Gli avatar di movimento realistici sono il futuro per l’interazione sociale nella realtà virtuale” è pubblicato su Frontiers in Virtual Reality .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: