Benessere

Fattore HbA1c: USA vs Europa, chi vince?

Divario nei valori medi di HbA1c in crescita tra gli Stati Uniti e le nazioni europee

L’HbA1c media per le persone con diabete di tipo 1 è aumentata negli Stati Uniti dal 2011 al 2017, mentre la Svezia ha registrato diminuzioni dell’HbA1c tra tutte le fasce di età e Germania e Austria hanno riportato un calo tra i bambini, secondo i dati dello studio.

Sostienici con un acquisto o donazione

“I livelli di HbA1c erano già più alti per le persone con diabete di tipo 1 negli Stati Uniti nel 2011 rispetto a quelli di Germania, Austria e Svezia, e il divario si è ampliato quando sono stati analizzati i dati di HbA1c del 2017″, Anastasia Albanese-O’Neill, PhD, APRN, CDCES , direttore dello screening di comunità e dell’educazione alla sperimentazione clinica presso JDRF, membro della facoltà presso l’Università della Florida College of Nursing, ha detto. “La raccolta di dati, il benchmarking e le collaborazioni per il miglioramento della qualità sono pratiche consolidate in questi paesi europei e collettivamente hanno contribuito a migliorare i risultati del diabete. I medici negli Stati Uniti hanno l’opportunità, ove applicabile, di imparare dai processi già implementati attraverso l’Atlantico”.

Albanese-O’Neill e colleghi hanno raccolto dati da quattro registri del diabete di tipo 1; il Diabetes Patienten Verlaufsdokumentation in Germania e Austria, il registro svedese della qualità del diabete pediatrico per i bambini con diabete di tipo 1 e lo Swedish National Diabetes Register per gli adulti in Svezia e il registro clinico T1D Exchange negli Stati Uniti sono stati raccolti i valori di HbA1c per il 2011 e il 2017 per tutte le persone con diabete di tipo 1 in ogni registro. L’HbA1c media è stata calcolata per sette gruppi di età: meno di 6 anni, da 6 a 12 anni, da 13 a 17 anni, da 18 a 24 anni, da 25 a 44 anni, da 45 a 64 anni e almeno 65 anni.

I risultati sono stati pubblicati su Diabetes Technology Therapeutics .

Nel 2011 c’erano 86.323 partecipanti al registro in totale, di cui 25.651 dalla Germania e dall’Austria, 44.474 dalla Svezia e 16.198 dagli Stati Uniti. Nel 2017 c’erano 100.219 persone nei quattro registri, con 29.442 dalla Germania e dall’Austria, 53.690 dalla Svezia e 17.087 dal noi

Valori di HbA1c in aumento negli Stati Uniti

In Germania e Austria, l’HbA1c media complessiva è stata del 7,8% sia nel 2011 che nel 2017. La Svezia ha registrato una diminuzione dell’HbA1c dall’8% nel 2011 al 7,6% nel 2017 ( P <.001). L’HbA1c media negli Stati Uniti è aumentata dall’8,1% nel 2011 all’8,3% nel 2017 ( P <.001).

In Germania e Austria, gli adulti di età pari o superiore a 25 anni hanno avuto un aumento di HbA1c dal 2011 al 2017, gli adolescenti di età compresa tra 13 e 17 anni hanno avuto una diminuzione di HbA1c e non sono stati osservati cambiamenti significativi in ??altri gruppi di età. Tutti i gruppi di età in Svezia hanno avuto una diminuzione significativa di HbA1c. Negli Stati Uniti, tutti i gruppi di età hanno avuto un aumento di HbA1c ad eccezione dei bambini di età inferiore a 6 anni e degli adulti di età compresa tra 45 e 64 anni, dove non sono stati osservati cambiamenti significativi.

“Ciò che è stato particolarmente sorprendente in questo studio è stato che dal 2011 al 2017, quando i livelli di HbA1c sono aumentati tra gli adolescenti statunitensi, l’HbA1c è leggermente diminuito in questo stesso gruppo di età in Germania e Austria, ed è diminuito in media dello 0,6% in Svezia”, ??Albanese- ha detto O’Neill. “Entro il 2017, l’HbA1c media tra gli adolescenti di età compresa tra 13 e 17 anni era del 9,1% negli Stati Uniti, dell’8,2% in Germania e Austria e del 7,6% in Svezia”.

In un’analisi dell’HbA1c media per bambini, adolescenti e giovani adulti, i valori erano circa lo 0,5% più alti negli Stati Uniti rispetto alle tre nazioni europee nel 2011. Nel 2017, la Svezia aveva un HbA1c medio in quei gruppi di età inferiore di circa lo 0,5% rispetto alla Germania e Austria e circa dallo 0,8% all’1,5% in meno rispetto agli Stati Uniti

Tra gli adulti nel 2011, l’HbA1c era la più bassa in Germania, Austria e Stati Uniti e la più alta in Svezia. Nel 2017, l’HbA1c tra gli adulti di mezza età era più basso in Svezia e negli Stati Uniti. Nel 2017 non c’erano differenze tra i quattro paesi in termini di HbA1c tra gli anziani.

Sono necessarie iniziative di miglioramento della qualità

Albanese-O’Neill ha affermato che alcuni passi possono essere presi per invertire la traiettoria crescente di HbA1c negli Stati Uniti, come l’espansione del benchmarking nel diabete di tipo 1 e il lancio di iniziative di miglioramento della qualità per migliorare i risultati e ridurre le disparità. Alcune iniziative potrebbero includere il miglioramento dell’accesso ai sistemi di monitoraggio continuo della glicemia e ai sistemi di somministrazione di insulina con formazione e istruzione a supporto del loro uso prolungato, la ricerca di modi più efficienti per trasferire i dati oggettivi sulla somministrazione di glucosio e insulina alle cartelle cliniche elettroniche e il miglioramento dei processi per identificare il diabete correlato distress e fornire supporto ai fornitori di salute comportamentale.

Tuttavia, affinché molte di queste iniziative funzionino, ha affermato Albanese-O’Neill, gli Stati Uniti devono trovare un modo per ridurre i costi dell’assistenza sanitaria, che sono sostanzialmente più elevati rispetto agli altri paesi oggetto dello studio.

“Gli americani devono affrontare alti costi personali per farmaci e tecnologie per il diabete”, ha affermato Albanese-O’Neill. “L’insulina, che è essenziale per sostenere la vita delle persone che vivono con il diabete di tipo 1, è purtroppo diventata l’esempio più noto di listino prezzi dei farmaci alle stelle negli Stati Uniti Alcuni dei nostri stati più popolosi hanno un numero elevato di persone senza assicurazione, con tassi in Florida al 13,2% e in Texas al 18,4%. E questo non riguarda i sottoassicurati negli Stati Uniti, che possono avere una copertura sanitaria ma hanno costi vivi proibitivi per farmaci e forniture. Mentre ci impegniamo nel miglioramento della qualità, dobbiamo anche essere disposti a sostenere l’accesso universale all’assicurazione sanitaria”.


Nota: In Italia non esiste un registro nazionale clinico per la patologia diabetica, e quello presente in alcune regioni e di recente creazione e i dati riportati non sono ancora riferibili per studi ed analisi,


Divulgazioni: Albanese-O’Neill afferma di essere un trainer di prodotto certificato per Tandem e Insulet e di aver ricevuto onorari di consulenza da Provention Bio. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

Categorie:Benessere

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.