Donne e diabete

L’allattamento al seno riduce il rischio di malattie cardiovascolari delle madri,

Punti salienti della ricerca:

  • Secondo una meta-analisi di studi precedenti, le donne che hanno allattato al seno in un determinato momento della loro vita avevano meno probabilità di sviluppare malattie cardiache o ictus, rispetto alle donne che non allattavano al seno.
  • L’allattamento al seno era anche associato a un minor rischio di morte per malattie cardiovascolari per le donne.
  • Precedenti ricerche hanno anche notato che i benefici per la salute materna dell’allattamento al seno sono associati a un minor rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro.

DALLAS, 11 gennaio 2022 — Le donne che allattavano al seno avevano meno probabilità di sviluppare malattie cardiache o ictus o di morire per malattie cardiovascolari rispetto alle donne che non allattavano, secondo una meta-analisi pubblicata oggi in un numero in evidenza sulla gravidanza del Journal dell’American Heart Association (JAHA), una rivista ad accesso aperto e peer-reviewed dell’American Heart Association.

Il numero speciale, JAHA Spotlight on Gravidanza e il suo impatto sulla salute cardiovascolare materna e prole , include una dozzina di articoli di ricerca che esplorano varie considerazioni cardiovascolari durante la gravidanza per madre e bambino.

I benefici per la salute dell’allattamento al seno per i bambini sono ben noti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è collegato a un minor numero di infezioni respiratorie e a un minor rischio di morte per malattie infettive tra i bambini allattati al seno. L’allattamento al seno è stato anche collegato a benefici per la salute materna, tra cui un minor rischio di diabete di tipo 2, cancro alle ovaie e cancro al seno.

“Precedenti studi hanno indagato l’associazione tra allattamento al seno e rischio di malattie cardiovascolari nella madre; tuttavia, i risultati non erano coerenti sulla forza dell’associazione e, in particolare, sulla relazione tra le diverse durate dell’allattamento al seno e il rischio di malattie cardiovascolari. Pertanto, era importante rivedere sistematicamente la letteratura disponibile e combinare matematicamente tutte le prove su questo argomento”, ha affermato l’autore senior Peter Willeit, MD, M.Phil., Ph.D., professore di epidemiologia clinica presso l’Università di Medicina di Innsbruck a Innsbruck, Austria.

I ricercatori hanno esaminato le informazioni sulla salute di otto studi condotti tra il 1986 e il 2009 in Australia, Cina, Norvegia, Giappone e Stati Uniti e uno studio multinazionale.

La revisione ha incluso le cartelle cliniche di quasi 1,2 milioni di donne (età media 25 anni al primo parto) e ha analizzato la relazione tra l’allattamento al seno e il rischio cardiovascolare individuale della madre.

“Abbiamo raccolto informazioni, ad esempio, su quanto tempo le donne hanno allattato al seno durante la loro vita, il numero di nascite, l’età al primo parto e se le donne hanno avuto un infarto o un ictus più tardi nella vita o meno”, ha detto la prima autrice Lena Tschiderer, Ph.D., ricercatore post-dottorato presso l’Università di Medicina di Innsbruck.

La recensione ha rilevato:

  • L’82% delle donne ha riferito di aver allattato al seno in qualche momento della loro vita.
  • Rispetto alle donne che non hanno mai allattato al seno, le donne che hanno riferito di allattare al seno durante la loro vita avevano un rischio ridotto dell’11% di sviluppare malattie cardiovascolari.
  • In un periodo medio di follow-up di 10 anni, le donne che allattavano al seno in un determinato momento della loro vita avevano il 14% di probabilità in meno di sviluppare una malattia coronarica; il 12% in meno di probabilità di subire ictus; e il 17% in meno di probabilità di morire per malattie cardiovascolari.
  • Le donne che allattavano al seno per 12 mesi o più durante la loro vita sembravano avere meno probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto alle donne che non allattavano al seno.
  • Non ci sono state differenze significative nel rischio di malattie cardiovascolari tra donne di età diverse o in base al numero di gravidanze.

Nonostante le raccomandazioni di allattare al seno da parte di organizzazioni tra cui l’OMS e i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi, che raccomandano entrambi di allattare esclusivamente al seno fino ad almeno sei mesi di età, solo 1 bambino su 4 riceve solo latte materno per i primi sei mesi di vita. I bambini neri negli Stati Uniti hanno meno probabilità dei bambini bianchi di essere allattati al seno per un certo periodo di tempo, secondo il CDC.

“È importante che le donne siano consapevoli dei benefici dell’allattamento al seno per la salute dei loro bambini e anche per la loro salute personale”, ha affermato Willeit. “Inoltre, questi risultati di studi di alta qualità condotti in tutto il mondo evidenziano la necessità di incoraggiare e sostenere l’allattamento al seno, come ambienti di lavoro favorevoli all’allattamento al seno, educazione all’allattamento al seno e programmi per le famiglie prima e dopo il parto”.

Gli Stati Uniti hanno il più alto tasso di mortalità materna tra i paesi sviluppati e le malattie cardiovascolari sono la causa principale, secondo la dichiarazione politica Call to Action Maternal Health and Saving Mothers del 2021 dell’American Heart Association. La dichiarazione, che delinea le politiche pubbliche che affrontano le disparità razziali ed etniche nella salute materna, rileva che circa 2 decessi su 3 durante la gravidanza potrebbero essere prevenibili.

“Sebbene i benefici dell’allattamento al seno per neonati e bambini siano ben consolidati, le madri dovrebbero essere ulteriormente incoraggiate ad allattare al seno i loro bambini sapendo che stanno migliorando la salute del loro bambino e migliorando anche la propria salute”, ha affermato Shelley Miyamoto, MD, FAHA, presidente dell’American Heart Association’s Council on Lifelong Congenited Heart Disease and Heart Health in the Young (Young Hearts), Jack Cooper Millisor Chair in Pediatric Heart Disease e direttore del programma Cardiomyopathy presso il Children’s Hospital Colorado di Aurora. “Aumentare la consapevolezza sui molteplici benefici dell’allattamento al seno potrebbe essere particolarmente utile per quelle madri che discutono dell’allattamento al seno rispetto al biberon.

“Dovrebbe essere particolarmente incoraggiante per una madre sapere che allattando al seno fornisce la nutrizione ottimale per il suo bambino e allo stesso tempo riduce il suo rischio personale di malattie cardiache”.

Un limite di questa meta-analisi è che erano disponibili poche informazioni sulle donne che allattavano al seno per più di due anni. “Se avessimo avuto questi dati aggiuntivi, saremmo stati in grado di calcolare stime migliori per l’associazione tra la durata dell’allattamento al seno e lo sviluppo di malattie cardiovascolari nelle madri”, ha detto Tschiderer.

I coautori sono Lisa Seekircher, MS; Setor K. Kunutsor, MD, Ph.D.; Sanne AE Peters, Ph.D.; e Linda M. O’Keeffe, Ph.D.

L’Austrian Science Fund ha finanziato questo studio.

Gli studi pubblicati sulle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono sottoposti a revisione paritaria. Le dichiarazioni e le conclusioni in ogni manoscritto sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche fondazioni e società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. Sono disponibili i ricavi di aziende farmaceutiche e biotecnologiche, produttori di dispositivi e fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie complessive dell’Associazione qui . 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: