Terapie

Misurare l’impatto dei farmaci sulla salute globale aiuta a identificare le carenze

Adv

Secondo una nuova ricerca della Binghamton University, State University di New York, un quadro comune che standardizzi l’impatto sulla salute attraverso le malattie e i loro interventi può aiutare a identificare le carenze attuali su scala globale.

“Buoni dati sull’impatto dei farmaci sulla salute possono aiutare a guidare la nostra risposta globale alle epidemie e alle pandemie”, ha affermato Nicole Hassoun, professoressa alla Binghamton University e direttrice del Global Health Impact Index. “Per indirizzare le risorse, misurare le prestazioni e combattere i principali problemi sanitari globali, abbiamo bisogno di buoni dati sia sulla necessità di trattamenti, ma anche sull’impatto dei nuovi interventi man mano che vengono sviluppati”.

capsula, medicina, farmaco, farmaceutica

Di recente, il Global Health Impact Index , guidato da Hassoun, ha lanciato un nuovo modello che valuta l’impatto dei farmaci sulla salute globale. Il modello GHI calcola l’impatto dei farmaci usati per curare le malattie che colpiscono molte persone povere in tutto il mondo: tubercolosi (TB), HIV/AIDS, malaria e diverse malattie tropicali trascurate (NTD).

“I modelli Global Health Impact (GHI) forniscono il primo sforzo completo per valutare le conseguenze sulla salute globale del trattamento in un’ampia gamma di malattie e interventi”, ha affermato Hassoun. “Per catturare accuratamente questi effetti, il nostro modello considera: 1) i risultati in assenza di trattamento, 2) l’efficacia del trattamento e 3) quante persone che necessitano di un trattamento accedono ad esso. È possibile espandere il nostro modello per affrontare altri problemi sanitari globali urgenti, inclusa l’attuale pandemia di SARS-CoV-2″.

Il modello GHI stima l’impatto globale del trattamento dei farmaci chiave che prendono di mira la malaria, la tubercolosi, l’HIV/AIDS e le malattie non trasmissibili nel 2105 hanno risparmiato circa 62 milioni di anni di vita corretti per disabilità. Ciò equivale a salvare quasi un anno di vita per l’1% dei la popolazione mondiale. Alcuni dei principali farmaci antimalarici originariamente brevettati da Sanofi e Novartis hanno avuto l’impatto maggiore. È anche possibile vedere come stanno andando i diversi paesi nei modelli GHI.

“Buoni dati sull’impatto dei farmaci possono aiutare gli stati e le organizzazioni internazionali a dare priorità ai finanziamenti tra paesi, malattie e interventi”.

Il documento, “A Framework for Assessing the Impact of Disease Treatment”, è stato pubblicato su Tropical Medicine & International Health .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: