Equilibrio

Ridurre il rischio di suicidio delle persone con diabete

Adv

Riporto il percorso ed esperienza speciale e specifica dell’organizzazione no profit Diabetes UK, un tema che in Italia non é mai emerso per diverse cause, mi auguro che da qui si apra un terreno di discussione, e non di menefreghismo, come accade sempre sul versante della cura e dei diritti veri.


Suicidio e diabete non sono cose di cui si parla generalmente. Ma dovremmo parlarne, afferma Simon O’Neill , il Direttore dell’Intelligence sanitaria e del collegamento professionale di UK. Qui spiega perché e cosa fare se hai bisogno di aiuto o vuoi aiutare una persona cara.

Il diabete può essere difficile da convivere. La routine quotidiana di controllare i livelli di glucosio nel sangue, il conteggio dei carboidrati, la regolazione dell’insulina e la gestione di ipo e alti può avere il suo pedaggio. È implacabile e non c’è giorno libero. Non sorprende che il burnout del diabete , quando ne hai appena avuto abbastanza, sia comune. Sappiamo anche che la depressione è due volte più probabile se si ha il diabete e che il 60% delle persone con diabete lotta con il proprio benessere mentale a un certo punto.

Quindi non sorprende che le persone con diabete abbiano il doppio del rischio di suicidio o di autolesionismo intenzionale rispetto alla popolazione generale. Ma non è qualcosa di cui si parla molto.

La comunità collaborativa RESCUE sta cercando di fare proprio questo – iniziare a parlare di suicidio e autolesionismo nel diabete – e di assicurarsi che l’aiuto e il supporto siano disponibili se le persone ne hanno bisogno. Faccio parte di quella collaborazione, per garantire che le voci delle persone con diabete siano proprio al centro della conversazione.

L’American Food and Drug Administration (FDA) è stata parte integrante della creazione della comunità, presieduta dalla prof.ssa Katharine Barnard-Kelly, psicologa della salute di Bournemouth e dalla dott.ssa Shideh Majidi, endocrinologa pediatrica del Colorado. Parte del mandato della FDA è garantire l’uso sicuro di farmaci e tecnologia, e voleva garantire che le persone che usano insulina e dispositivi di somministrazione di insulina fossero in grado di farlo in sicurezza, senza oneri aggiuntivi. Volevano anche assicurarsi che capissimo davvero quanto sia comune il suicidio nelle persone con diabete e cosa si potrebbe fare per prevenirlo.

Perché i suicidi non vengono denunciati

Il fatto è che molti suicidi o incidenti di autolesionismo intenzionale non vengono denunciati per molte ragioni. Sappiamo che a molti operatori sanitari non piace registrare un codice di un tentativo di suicidio o di autolesionismo a causa del possibile stigma per il paziente.

Sappiamo anche che molte persone con diabete non ammetteranno di avere tendenze suicide, in particolare nei confronti dei loro operatori sanitari, per paura di essere trattenute per la propria sicurezza.

E sappiamo anche che molti tentativi di suicidio potrebbero essere scambiati per ipo accidentale o DKA . Uno studio su 160 casi di sovradosaggio di insulina che porta a grave ipo ha rilevato che il 90% era suicida o parasuicida e solo il 5% era effettivamente accidentale. (Il parasuicidio è un autolesionismo grave e deliberato con o senza intenzione di suicidio, che non porta alla morte).

Sappiamo anche che le persone a volte fanno fatica a raccontare i propri sentimenti a familiari o amici a causa della paura che li sopraffanno o li appesantiranno.

Quindi, il problema è probabilmente sottostimato ma sicuramente non se ne parla abbastanza. RESCUE ha appena condotto un sondaggio tra gli operatori sanitari che lavorano nel diabete per chiedere loro la loro esperienza e sentimenti riguardo al suicidio. Il 95% di loro credeva che fosse sua responsabilità professionale chiedere informazioni su depressione, autolesionismo o suicidio almeno una volta all’anno, ma solo il 35% si sentiva molto a suo agio nell’avere quella conversazione, con il 24% a disagio.

La preoccupazione principale era che, se qualcuno avesse risposto che si stava suicidando, l’operatore sanitario non avrebbe saputo cosa fare al riguardo o come ottenere aiuto per quell’individuo. Erano anche preoccupati che, parlandone, avrebbero potuto mettere l’idea nella testa di qualcuno, anche se le prove dimostrano che non è affatto così.

Allora, cosa stiamo cercando di fare al riguardo?

Bene, la cosa principale è iniziare a parlarne e aiutare le persone ad avere quelle conversazioni. Sappiamo che gli operatori sanitari vogliono più istruzione su come sollevare il problema e come supportare maggiormente le persone con diabete e avere le risorse per farlo. Ora stiamo anche contattando le persone con diabete attraverso un sondaggio per vedere cosa pensano del problema e quale supporto desiderano.

La collaborazione ha iniziato a sollevare la questione in occasione di conferenze sul diabete e prevede di continuare a farlo nei prossimi anni. Vogliamo anche iniziare a coltivarlo con la comunità del diabete, attraverso cose come questo blog. Se vuoi vedere chi è coinvolto e cosa sta succedendo, puoi visitare il sito web di RESCUE .

E cosa puoi fare?

Se ritieni che vivere con il diabete, o anche solo vivere, stia diventando troppo, per favore parla con qualcuno. Sicuramente non sei solo e le persone saranno lì per aiutarti e supportarti, siano i tuoi amici e la tua famiglia, o il tuo personale sanitario, o qualcuno anonimo come la nostra linea di assistenza (0345 123 2399) o i  Samaritani  (116 123) o il nostro online forum .  

E se stai leggendo questo come genitore di un bambino o giovane con diabete, o come tutore di qualcuno con diabete, sii aperto ad avere la conversazione che inizia “Come ti senti veramente oggi?” e non aver paura di ciò che potresti sentire. A volte solo parlarne può davvero aiutare. E se non sono disposti a parlare con te, non c’è vergogna nel cercare un aiuto professionale: infatti una persona su cinque che convive con il diabete usa la consulenza di un professionista qualificato per aiutarla a gestire il proprio diabete.

Non dovrebbe essere il caso che le persone che convivono con il diabete abbiano un rischio maggiore di suicidio e, lavorando insieme, crediamo di poter ridurre tale rischio e aiutare le persone a convivere davvero bene con il loro diabete.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: