Comunicazione Notizie false ciarlatani e truffatori

Le notizie dai media tradizionali più affidabili dei social media per informazioni sanitarie accurate

Adv

Le persone hanno difficoltà a discernere i fatti sui vaccini con l’ampia quantità di disinformazione sanitaria diffusa dai siti Web e social media.

Precisione e verità, secondo un nuovo studio che ha coinvolto tre paesi, inclusi gli Stati Uniti, è stata trovata da individui che si affidano maggiormente alle notizie mainstream . Nel frattempo, le persone che dipendono dai social media o da forme meno consolidate di media sanitari “alternativi” hanno maggiori probabilità di aderire a false convinzioni sulla salute.

In uno studio pubblicato su Health Communication , esperti dell’Università del Michigan, della National University of Singapore e della Koc University in Turchia hanno affermato che i risultati fanno luce sulle condizioni in cui l’uso dei media digitali può aiutare o ostacolare la tendenza a credere nella disinformazione sanitaria.

“Questi risultati mostrano anche che l’ampio affidamento sui social media e sui media sanitari alternativi per le notizie travolge principalmente le differenze individuali nella previsione della credenza nella disinformazione”, hanno affermato Scott Campbell, professore di telecomunicazioni di Constance F. e Arnold C. Pohs presso il Dipartimento di comunicazione di messaggistica unificata e media.

Campbell e colleghi hanno anche studiato come stili di pensiero diversi possono supportare e sopprimere i collegamenti tra l’uso dei media e la credenza nella disinformazione sulla salute.

I risultati mostrano che, oltre all’uso dei media sociali e alternativi per l’informazione sanitaria, le persone più suscettibili tendono anche a riporre un alto grado di fiducia nella propria intuizione quando incontrano nuove informazioni (“fede nell’intuizione “) e preferiscono dare un senso a nuove informazioni in modi elaborati e strutturati (“necessità di cognizione”).

Questi stili personali interagiscono con l’uso dei media per prevedere se è probabile che le persone credano a false informazioni sulla salute e sull’assistenza sanitaria , affermano i ricercatori.

Più di 3.600 partecipanti a Singapore, in Turchia e negli Stati Uniti hanno rivelato le loro convinzioni su vaccini, alimenti geneticamente modificati e medicina alternativa. Le fonti di informazione hanno coinvolto i media mainstream (o “legacy”), i social media e gli sbocchi sanitari alternativi, che sostengono i rimedi omeopatici rispetto alla medicina convenzionale.

“Questo modello emergente sottolinea la possibilità che le fonti di notizie istituzionali possano proteggere meglio dalla diffusione della disinformazione rispetto ai social media, forse a causa delle differenze editoriali tra le notizie, i social e i media alternativi”, ha affermato Campbell.

I coautori dello studio includono Yuanyuan Wu e Ozan Kuru della National University e Lemi Baruh della Koc University.


Ulteriori informazioni: Yuanyuan Wu et al, Explaining Health Misinformation Belief through News, Social, and Alternative Health Media Use: The Moderating Roles of Need for Cognition and Faith in Intuition, Health Communication (2022). DOI: 10.1080/10410236.2021.2010891

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: