Comunicazione

La politica fa ancora ammalare le persone

Adv

Scorrere i social media, leggere siti Web, ascoltare podcast, guardare notizie. Con così tante opzioni, non è mai stato così facile seguire la politica americana, ma a quale costo?

Secondo la ricerca del politologo Kevin Smith dell’Università del Nebraska-Lincoln, tutte le manipolazioni politiche sono dannose per la nostra salute, lo sono da tempo, e anche un cambiamento nel potere del partito non ha aiutato.

Adv

In seguito all’innovativo studio del sondaggio del 2017 in cui ha misurato per la prima volta gli effetti del clima politico sulla salute fisica, sociale, mentale ed emotiva degli americani , Smith ha pubblicato un nuovo articolo su PLOS ONE . Smith ha ripetuto lo stesso sondaggio di 32 domande due volte nel 2020: due settimane prima delle elezioni e due settimane dopo. I risultati del 2020 rispecchiavano i risultati del 2017 e ancora una volta hanno scoperto che gran parte degli adulti americani incolpa la politica per aver causato loro stress, perdita del sonno, relazioni fratturate e altro ancora.

Simile ai risultati del 2017, i sondaggi del 2020 hanno rilevato che circa il 40% degli americani ha identificato la politica come una significativa fonte di stress. Inoltre, tra un quinto e un terzo degli adulti (da 50 a 85 milioni di persone) ha accusato la politica di causare stanchezza, sentimenti di rabbia, perdita di collera e di aver innescato comportamenti compulsivi. Circa un quarto degli adulti ha riferito di aver preso in seria considerazione il trasferimento a causa della politica.

Il fatto che i risultati siano rimasti per lo più stabili dopo quasi quattro anni è motivo di allarme, ha affermato Smith.

“Questo secondo round di sondaggi dimostra in modo abbastanza definitivo che il primo sondaggio non era fuori dal campo sinistro, che ciò che abbiamo trovato in quel primo sondaggio è davvero indicativo di ciò che stanno vivendo molti americani”, ha affermato Smith, presidente e professore di scienze politiche. “È anche spiacevole pensare che in quel lasso di tempo non sia cambiato nulla. Un’enorme fetta di adulti americani percepisce sinceramente che la politica sta richiedendo un serio tributo alla loro salute sociale, psicologica e persino fisica”.

Smith ha ripetuto il sondaggio con lo stesso gruppo di persone sia prima che dopo le elezioni per vedere se l’esito delle elezioni, qualunque sia stato, avrebbe riformulato le percezioni delle persone.

“Ci chiedevamo se un cambio di presidenza, come in effetti era il caso, avrebbe cambiato gli atteggiamenti e la risposta breve è no”, ha detto Smith. “Se non altro, i costi che le persone percepiscono dalla politica come esigente per la loro salute sono leggermente aumentati dopo le elezioni”.

La cosa più sbalorditiva per Smith è stata la ripetuta scoperta che il 5% degli americani incolpa la politica di avere pensieri suicidi.

“Un adulto su 20 ha pensato al suicidio a causa della politica”, ha detto Smith. “Questo è emerso nel primo sondaggio nel 2017 e ci siamo chiesti se fosse un artefatto statistico. Ma nei due sondaggi successivi abbiamo trovato esattamente la stessa cosa, quindi milioni di adulti americani hanno pensato al suicidio a causa della politica. È una cosa seria problema di salute.”

Gli adulti che avevano maggiori probabilità di essere influenzati negativamente dalla politica erano più giovani, più spesso di tendenza democratica, più interessati alla politica e più impegnati politicamente.

“Se c’è un profilo di una persona che ha maggiori probabilità di sperimentare questi effetti dalla politica, sono le persone con quei tratti”, ha detto Smith.

Oltre a indicare una possibile crisi sanitaria, Smith ha avvertito che i risultati potrebbero essere una cattiva ricetta per la democrazia.

“C’è il potenziale per un effetto di smobilitazione qui”, ha detto Smith. “Se le persone vedono la politica come così conflittuale e potenzialmente una minaccia per il proprio benessere, diranno ‘al diavolo, non voglio essere coinvolto’. E le democrazie dipendono dalla partecipazione. Abbiamo bisogno di cittadini impegnati”.

Quindi, come si possono mitigare questi effetti? Smith ha detto che è una domanda che intende esplorare ulteriormente nella ricerca futura, sebbene il suo team abbia identificato un possibile strumento: diventare più informato politicamente.

“Le persone che erano più informate politicamente avevano meno probabilità di segnalare questi esiti negativi”, ha detto Smith. “Qualcosa che mi piacerebbe davvero guardare sarebbe se prendessi qualcuno che è politicamente interessato, ma non particolarmente esperto di politica, e gli venissero fornite informazioni sul sistema politico, ridurrebbe questi costi negativi della politica? Potrebbe essere positivo risultato di un’educazione civica che non è mai stato considerato prima”.


Ulteriori informazioni: La politica ci sta facendo ammalare: l’impatto negativo dell’impegno politico sulla salute pubblica durante l’amministrazione Trump, PLOS ONE (2022). doi.org/10.1371/journal.pone.0262022

Categorie:Comunicazione

Con tag:,