Benessere

La ricerca mostra una miriade di benefici dell’esercizio

Adv

L’esercizio fisico può migliorare la memoria e la cognizione e persino aiutare a scongiurare la demenza e alleviare la depressione. Credito: McMaster University

Allora perché non ci muoviamo di più?

Quando Jennifer Heisz parla dei benefici per la salute dell’esercizio fisico, puoi crederci sulla parola. Heisz non è solo una Canada Research Chair e direttore associato del Physical Activity Center of Excellence (PACE) della McMaster University, ma è anche una triatleta che ha imparato in prima persona il valore dell’attività fisica.

Adv

“Ho alcuni problemi di salute mentale emersi durante la scuola di specializzazione quando studiavo”, ha detto Heisz. “Ho preso in prestito la vecchia bici da strada arrugginita di un amico e il ciclismo ha calmato la mia mente. Ho pedalato durante il mio dottorato e questo ha spostato l’attenzione nella mia ricerca verso l’ esercizio “.

Heisz ora si concentra su come “il movimento del corpo influisce sulla mente” e ha condotto studi che stanno aiutando a scoprire le funzioni sottostanti che portano a una miriade di benefici mentali dall’esercizio.

Ora, uno studio di ricerca che mostra i benefici dell’esercizio fisico non è esattamente una scoperta scioccante. Sappiamo tutti che l’esercizio ci fa bene. Ma il lavoro di Heisz e quelli dei suoi colleghi nel campo hanno contribuito a stabilire come l’esercizio fisico non solo fa bene al nostro corpo, ma anche al nostro cervello: l’esercizio può migliorare la memoria e la cognizione e persino aiutare a scongiurare la demenza e alleviare la depressione.

Se ci fosse una pillola che potrebbe fornire la lunga lista dei benefici dell’esercizio, faremmo tutti la fila per prenderla. Eppure la maggior parte di noi non si muove abbastanza.

Il più recente sondaggio sulle misure sanitarie di Statistics Canada (in cui i partecipanti indossano un monitor per misurare la loro attività fisica) ha rilevato che solo la metà dei canadesi soddisfa i 150 minuti raccomandati a settimana di attività fisica di intensità da moderata a vigorosa.

Perché, quando la ricerca dimostra costantemente quanto sia importante l’esercizio per la nostra salute, così tanti di noi fanno fatica a muoversi? È in parte dovuto alle sfide poste dalla conduzione della ricerca sugli esercizi e in parte all’evoluzione umana .

Se non sei attivo come dovresti, puoi dare la colpa alla tua specie. Gli esseri umani sono capaci di un’attività fisica piuttosto intensa… ma questo non significa che siamo fatti per piacerci.

“Ci siamo evoluti per essere fisicamente attivi per due ragioni, e solo per due ragioni: quando era necessario o quando era gratificante”, ha detto Daniel Lieberman, professore di biologia evolutiva umana all’Università di Harvard e autore di Exercised: Why Something We Never Evolved fare è salutare e gratificante. “Ora stiamo chiedendo alle persone di fare una corsa di cinque miglia al mattino e, sì, va bene per te, ma devi superare tutti i tipi di istinti profondamente radicati per evitare attività fisica non necessaria e poco gratificante”.

Lieberman ha spiegato che, se si considera la storia della nostra specie, l’esercizio fisico, ovvero “l’attività fisica volontaria per il bene della salute e della forma fisica”, è un’invenzione relativamente nuova.

Per gran parte della nostra storia, gli esseri umani sono stati fisicamente attivi solo quando era necessario: per raccogliere cibo o evitare il pericolo, per esempio. Poiché il cibo non era sempre prontamente disponibile, aveva senso conservare la nostra energia se non c’era una buona ragione per muoverci, quindi ci siamo evoluti per favorire il riposo rispetto alla corsa. Ora, con il cibo prontamente disponibile e l’attività fisica non richiesta per gran parte della nostra vita quotidiana, quegli istinti ci impediscono di fare l’esercizio di cui abbiamo bisogno.

Questo è uno dei motivi per cui montagne di prove che dimostrano i molti impatti positivi dell’esercizio potrebbero non essere sufficienti per motivarci ad allacciare le nostre scarpe da corsa.

Non è che le persone non siano consapevoli che l’esercizio fisico fa bene—come ha osservato Lieberman: “C’è qualcuno sul pianeta che non sa che l’esercizio è salutare?”—è solo che la conoscenza dei suoi numerosi benefici non lo è. t abbastanza per scavalcare quell’istinto innato di rimanere fermi.

Anche la conoscenza diretta non è sempre sufficiente: so per certo che mi sento sempre meglio dopo essere andato a correre, ma prova a ricordarmelo quando suona la sveglia alle sei del mattino e fuori ci sono 5 gradi.

Secondo Lieberman, le persone che sono state in grado di stabilire un regolare regime di forma fisica non sono più virtuose di tutti gli altri, né amano di più l’esercizio o comprendono meglio la scienza. Hanno appena trovato il modo, essenzialmente, di ingannare se stessi per farlo.

“Hanno trovato un modo per renderlo necessario e gratificante”, ha detto Lieberman. “Ecco perché penso che il modo migliore per far fare esercizio alle persone sia renderlo social. È il modo più gratificante per essere fisicamente attivi per la maggior parte delle persone.

Ma i nostri cervelli da uomo delle caverne non sono necessariamente tutto quello che sta succedendo qui. Parte del motivo per cui la ricerca sui benefici dell’esercizio non è sufficiente a persuaderci potrebbe avere a che fare con un’errata percezione della scienza stessa.

Il campo della scienza dell’esercizio è relativamente giovane per quanto riguarda la ricerca, essendo stato stabilito solo negli anni ’50. È anche un campo interdisciplinare che combina aspetti della scienza “dura” come la biologia con scienze “morbide” come la psicologia, e questa via di mezzo può significare che la scienza dell’esercizio non è sempre data quanto dovuto.

Daniele Fanelli è un ricercatore di meta-scienze presso la London School of Economics and Political Science che ha studiato la “gerarchia” delle scienze. Ha detto che le scienze “soft”, o campi che sono più difficili da classificare come la scienza dell’esercizio, a volte sono viste dal pubblico come scienza non “reale”. Ma questo non è un giudizio equo, ha detto. Invece, le scienze “soft” sono campi che cercano di spiegare fenomeni estremamente complessi e probabilmente non facilmente spiegabili da un’unica metrica. Per questo motivo, rende più difficile condurre esperimenti e replicare i risultati negli studi.

“Questo non significa che siano meno scientifici, ma significa che il tipo di affidabilità epistemica che possono offrire è inferiore, per definizione”, ha detto Fanelli.

La tecnologia, e appoggiarsi maggiormente su quegli elementi “più difficili” del campo di studio, può aiutare a colmare parte del divario qui. Heisz, ad esempio, è un neuroscienziato la cui ricerca include la misurazione di alcuni fattori neurotrofici (tipi di proteine ??che aiutano i nostri neuroni a crescere e funzionare) generati attraverso l’esercizio per aiutare a scoprire perché l’attività fisica è collegata a una migliore memoria. La parte “più morbida” della scienza dell’esercizio aiuta a identificare benefici come il miglioramento della memoria, mentre gli elementi “più difficili” possono aiutare a spiegare perché tali benefici derivano dall’esercizio stesso. Heisz ha detto che questo può aiutare le persone a iniziare a capire quanto sia efficace l’esercizio in un modo più pratico.

“Quando si tratta di salute e malattia, spesso passiamo all’ultima pillola perché ha un noto cambiamento biochimico. Se possiamo mostrare alle persone che l’esercizio fisico può anche indurre questi cambiamenti biochimici, allora forse il suo valore come forma di medicina sarebbe più apprezzato .”—Jennifer Heisz

“È importante che le persone capiscano il meccanismo”, ha detto Heisz. “Quando si tratta di salute e malattia, spesso saltiamo all’ultima pillola perché ha un noto cambiamento biochimico. Se possiamo dimostrare alle persone che anche l’esercizio fisico può indurre questi cambiamenti biochimici, allora forse il suo valore come forma di medicina sarebbe più apprezzato .”

Il lattato, per esempio, che Heisz ha notato spesso ottiene una “brutta reputazione” perché è associato alla sensazione di bruciore che a volte si avverte nei muscoli dopo un allenamento intenso, promuove la neuroplasticità e la crescita di nuovi vasi sanguigni nel cervello. Heisz ha affermato che questo è probabilmente parte del motivo per cui la sua ricerca ha dimostrato che la camminata a intervalli (dove si cammina a un ritmo costante mescolato a intervalli di maggiore intensità) può migliorare le prestazioni della memoria negli anziani.

E, almeno per alcune persone, i risultati stanno arrivando. Il dottor Andrew Budson, professore di neurologia alla Harvard Medical School e autore di Seven Steps to Managing Your Memory, ha affermato che il legame tra la forma fisica e il cervello è stato così ben stabilito attraverso la ricerca che è uno dei principali fattori motivanti per molte persone a mettersi in forma.

“Se chiedi alle persone più anziane, ti diranno che sono molto preoccupate per il loro cervello”, ha detto Budson. “Se riesci a collegare i punti per le persone in modo che possano capire perché l’esercizio è importante, puoi fare in modo che le persone cambino il loro comportamento. Quindi una ragione per cui è importante fare ricerca sugli effetti dell’esercizio, del pensiero, della memoria e delle malattie del cervello è aiutare unisci quei puntini.”

A PACE, questo è evidente nei diversi programmi comunitari gestiti presso il centro, incluso il suo programma per anziani, che associa anziani a ricercatori ed esperti per creare regimi di fitness personalizzati. Alcuni membri partecipano anche a studi di ricerca per favorire la comprensione.

Per Patricia e Dennis Baker (rispettivamente 81 e 85 anni), il programma ha dato loro un altro sbocco per stare al passo con uno stile di vita attivo che hanno goduto per tutta la vita. La loro esperienza vissuta cattura molto di ciò che gli esperti sopra citati. L’elemento sociale del gruppo comunitario, ad esempio, li fa tornare, proprio come suggerito da Lieberman.

“Arrivi abbastanza presto per indossare i tuoi vestiti da palestra e poi parlare con le persone”, ha detto Dennis.

La coppia si tiene anche aggiornata con le ultime ricerche, inclusa la partecipazione ai discorsi al McMaster quando possono, che informa le loro motivazioni per mantenersi in forma. Patricia ha citato una ricerca che mostra che l’esercizio fisico regolare può ridurre il rischio di sviluppare la demenza del 30%.

“I benefici mentali sono assolutamente, per me, cruciali. Ci fa andare avanti su così tanti livelli”, ha detto.

Di conseguenza, sono entrambi in ottima forma. I loro medici danno loro il massimo dei voti, vivono ancora nella loro casa con tutte e quattro le rampe di scale e portano il cane del vicino a fare passeggiate quotidiane.

Se, dopo aver letto fino a qui, inizi a sentirti particolarmente preoccupato per la tua mancanza di attività, non farti prendere dal panico. La scienza dell’esercizio ha un’altra buona notizia sui benefici dell’attività fisica: non è mai troppo tardi per iniziare. Gli studi hanno scoperto che le persone che hanno aspettato la mezza età per iniziare ad allenarsi avevano ancora maggiori probabilità di vivere più a lungo di quelle che non si sono mai esercitate, e quando gli anziani iniziano ad allenarsi per la prima volta, hanno le stesse probabilità degli atleti di tutta la vita di costruire muscoli .

Gli esperti e gli atleti sono d’accordo, se trovi un’attività che ti piace e ti attieni ad essa, inizierai a raccogliere i frutti. Come la ricerca continua a dimostrare, è semplicemente la migliore medicina preventiva che il denaro non può comprare.