Donne e diabete

Stai per essere sottoposta ad un intervento chirurgico bariatrico? Potrebbe essere necessario ritardare la gravidanza

Adv

Le donne che si sottopongono a chirurgia bariatrica dovrebbero essere gestite nel periodo perinatale con un team multidisciplinare per migliorare gli esiti legati alla gravidanza, secondo gli autori di una revisione narrativa pubblicata oggi dal Medical Journal of Australia .

Adv

L’obesità aumenta il rischio di infertilità per uomini e donne e diminuisce l’efficacia delle terapie per la fertilità, hanno scritto gli autori, guidati dalla dott.ssa Sarah Cheah del St George Hospital di Sydney. L’obesità aumenta anche i rischi di morbilità e mortalità fetale e di complicanze della gravidanza materna, nonché la probabilità di un parto complesso.

“La chirurgia bariatrica generalmente porta a oltre il 20% della perdita di peso corporeo totale, che è sufficiente per migliorare la sindrome dell’ovaio policistico , il diabete e l’ipertensione”, hanno scritto Cheah e colleghi. “È stato dimostrato che migliora la fertilità e i risultati relativi alla gravidanza per madre e bambino.

“Tuttavia, in assenza di studi ben strutturati, la chirurgia bariatrica per motivi di fertilità deve essere prescritta caso per caso. Quasi il 60% delle pazienti che si sottopongono a chirurgia bariatrica hanno un’età compresa tra 20 e 44 anni, e queste donne hanno bisogno di consulenza e gestione appropriate in merito a contraccezione, nutrizione e integrazione peri-concepimento e gestione del peso durante e dopo la gravidanza”.

Cheah e colleghi hanno formulato le seguenti raccomandazioni dopo una revisione delle prove disponibili:

  • Dopo la chirurgia bariatrica, la gravidanza dovrebbe essere ritardata di almeno 12-18 mesi a causa di esiti avversi della gravidanza associati a una rapida perdita di peso;
  • La contraccezione deve essere prescritta dopo la chirurgia bariatrica, sebbene l’efficacia della pillola contraccettiva orale possa essere ridotta a causa del malassorbimento e i dispositivi contraccettivi come i dispositivi intrauterini dovrebbero essere considerati come terapia di prima linea;
  • Dopo la chirurgia bariatrica, le donne dovrebbero essere sottoposte a un attento monitoraggio per le carenze nutrizionali prima, durante e dopo la gravidanza. L’opinione degli esperti raccomanda a queste donne di sottoporsi a una valutazione e integrazione dietetica per prevenire carenze di micronutrienti; e,
  • I chirurghi bariatrici, i medici bariatrici, i dietologi bariatrici, il medico generico abituale del paziente, gli ostetrici e gli specialisti della maternità dovrebbero essere coinvolti per assistere nella gestione multidisciplinare di questi pazienti complessi.

“Le donne in gravidanza post-chirurgia bariatrica sono maggiormente a rischio di insufficienze nutrizionali durante la gravidanza e di feti pretermine o piccoli per l’età gestazionale”, hanno concluso Cheah e colleghi.

“È importante che queste donne siano gestite all’inizio del periodo prenatale con un team multidisciplinare oltre ai tradizionali ostetrici e specialisti della maternità per coinvolgere anche chirurghi bariatrici, medici bariatrici, dietologi bariatrici e il medico di famiglia abituale della paziente per migliorare i risultati relativi alla gravidanza . ”


Sarah Cheah et al, Fertilità, gravidanza e gestione post parto dopo chirurgia bariatrica: una revisione narrativa, Medical Journal of Australia (2022). DOI: 10.5694/mja2.51373