Benessere

I diabetici vivono più a lungo

Adv

A un australiano viene diagnosticato il diabete ogni cinque minuti, secondo Diabetes Australia.

Rimane una delle maggiori sfide per la salute del Paese, ma ci sono buone notizie da uno studio pubblicato questo mese su  The Lancet Diabetes and Endocrinology .

Adv

Le persone con diabete di tipo 2 vivono più a lungo e lo studio suggerisce che le strategie di gestione della salute sviluppate negli ultimi decenni potrebbero funzionare.

Lo studio, condotto dai ricercatori del Baker Heart and Diabetes Institute, ha esaminato 21 milioni di decessi in persone con diagnosi di diabete in Australia e in altri 15 paesi ad alto reddito dal 1995 al 2016.

Gli autori principali, la professoressa Dianna Magliano e il professor Jonathan Shaw, hanno affermato che i risultati suggeriscono come la cura del diabete ha continuato a migliorare nel tempo, almeno nei paesi rappresentati nello studio.

Per gli australiani con diabete di tipo 2, la mortalità per tutte le cause è diminuita di circa il 2% all’anno. Il tasso di mortalità standardizzato, che misura la probabilità che una persona con diabete muoia rispetto ai suoi coetanei, è sceso da circa 20 persone ogni 1000 persone-anno a 15 ogni 1000 persone-anno nel corso dello studio.

A livello globale, questo divario era più pronunciato nelle persone più giovani e in genere più elevato per le donne di mezza età e anziane rispetto agli uomini. Ma gli autori hanno scoperto che l’Australia era un valore anomalo in quanto il più grande divario nei tassi di mortalità era tra le donne di 50 anni. 

“In otto delle 19 fonti di dati analizzate, la mortalità è diminuita più rapidamente nelle persone con diabete rispetto a quelle senza diabete”, scrivono gli autori. I risultati seguono uno studio globale pubblicato lo scorso anno sulla stessa rivista, guidato anche dal professor Magliano e dal professor Shaw, che ha mostrato che i tassi annuali di nuovi casi di adulti con diagnosi di diabete di tipo 2 erano stabili o in calo in molti paesi ad alto reddito.

Il professor Magliano ha affermato che entrambi i risultati sono motivo di cauto ottimismo, ma che ulteriori aumenti dell’aspettativa di vita richiederebbero un miglioramento continuo delle strategie di prevenzione e gestione del diabete.

“I tassi di mortalità sono un indicatore importante dell’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità. I nostri risultati suggeriscono che potremmo iniziare a raccogliere i frutti di una migliore istruzione e programmi di gestione delle malattie”, ha affermato.

“La promozione della salute a livello di popolazione sulla cessazione del tabacco e sulla modifica dello stile di vita ha certamente portato a riduzioni dei livelli di alcuni fattori di rischio, tra cui fumo, ipertensione e colesterolo. Inoltre, negli ultimi decenni è aumentato l’uso di farmaci per abbassare la pressione sanguigna e il colesterolo per la prevenzione delle malattie cardiovascolari nelle persone con diabete”, ha affermato. “Questo è fondamentale perché le malattie cardiovascolari sono una delle principali cause di morte nelle persone con diabete di tipo 2”.

Il professor Shaw ha affermato che c’è ancora molta strada da fare per controllare i numerosi rischi associati al diabete, ma i risultati hanno fornito prove promettenti “che ci stiamo muovendo nella giusta direzione”.

The Lancet Diabetes & Endocrinology 2022, online 2022

The Lancet Diabetes & Endocrinology 2021, online 2021

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: