Benessere

Diabete razzista: differenze di batteri intestinali tra donne bianche e nere legate alla sensibilità all’insulina

Adv

Uno studio condotto da UC Davis ha trovato differenze significative nei batteri intestinali tra donne bianche e nere, anche dopo aver tenuto conto del loro stato di sensibilità all’insulina. Lo studio, pubblicato oggi su PLOS ONE , è il primo a concentrarsi sulle donne bianche e nere in premenopausa e a mostrare tali differenze.

Adv

“Abbiamo studiato se i profili del microbioma intestinale differiscono tra donne bianche e nere e, in tal caso, queste differenze razziali persistono quando si tiene conto dello stato di sensibilità all’insulina “, ha affermato Candice Price, assistente professore a contratto e ricercatrice cardiometabolica presso il Dipartimento di Bioscienze Molecolari della UC Davis Scuola di Medicina Veterinaria e autore principale dello studio. Price è una borsista BIRCWH (Building Interdisciplinary Research Careers in Women’s Health) presso la UC Davis.

Il microbioma intestinale è l’insieme di tutti i microrganismi che vivono nel tratto intestinale. È legato ai processi che portano all’obesità, all’insulino-resistenza e alle malattie cardiometaboliche.

Insulino-resistenza e diabete

L’insulina è un ormone che aiuta lo zucchero nel sangue a entrare nelle cellule per essere utilizzato per l’energia. Regola i livelli di zucchero nel sangue del corpo e segnala al fegato di immagazzinare zucchero per un uso successivo.

La sensibilità all’insulina si riferisce alla risposta delle cellule all’insulina. Nel tempo, le cellule possono smettere di rispondere all’insulina e diventare resistenti. L’insulino-resistenza è un precursore del prediabete e del diabete di tipo 2.

Indipendentemente dall’indice di massa corporea (BMI), la resistenza all’insulina tende ad essere più diffusa nelle donne nere che nelle donne bianche. Sovrappeso e obesità sono più diffusi tra le donne nere statunitensi. Ciò contribuisce a un diabete di tipo 2 sproporzionatamente più alto in questa popolazione rispetto a quello delle donne bianche. Non è ancora noto il motivo per cui questo è il caso.

“Nessun altro studio ha analizzato il microbioma intestinale in base alla sensibilità all’insulina per razza e sesso”, ha detto Price. “Caratterizzando il microbioma intestinale nelle donne nere, i ricercatori potrebbero comprendere le disparità di salute nello sviluppo del cuore e delle malattie metaboliche in questa popolazione”.

Scopri le differenze

Indice di massa corporea e differenze di sensibilità all’insulina

I ricercatori hanno misurato l’abbondanza relativa di batteri nei campioni di feci raccolti da 94 donne nere e 74 bianche nel National Growth and Health Study (NGHS). Hanno analizzato i campioni e confrontato i risultati in base alla razza autoidentificata dei partecipanti e allo stato di sensibilità all’insulina (sensibile all’insulina contro resistente all’insulina).

Hanno scoperto che il BMI e l’insulina a digiuno erano significativamente maggiori nelle donne nere rispetto alle donne bianche. Per questo motivo, hanno adattato tutte le analisi per tenere conto delle differenze di obesità.

Il microbioma intestinale differisce per razza e sensibilità all’insulina

Lo studio ha scoperto che le comunità microbiche differiscono per razza e stato di sensibilità all’insulina. Questo suggerisce che i batteri intestinali possono svolgere un ruolo nello sviluppo dell’insulino-resistenza nelle donne, in base alla loro razza ed etnia.

Quasi la metà delle donne nere nello studio è stata classificata come insulino-resistente, rispetto al 30% delle donne bianche. La sensibilità all’insulina era significativamente più bassa nelle donne nere.

I due tipi batterici più presenti erano Firmicutes e Bacteroidetes. Costituivano circa il 90% dei batteri totali in tutti i campioni. Lo studio non ha riscontrato differenze per razza nell’abbondanza relativa di questi tipi batterici, né nel rapporto Firmicutes/Bacteriodetes.

Tuttavia, le donne nere, indipendentemente dalla loro sensibilità all’insulina, avevano una maggiore abbondanza relativa di un’altra specie, Actinobacteria, rispetto alle donne bianche. Gli actinobatteri sono associati a una ridotta sensibilità all’insulina e a un’elevata infiammazione.

“Una scoperta importante nel nostro studio è l’abbondanza relativa significativamente maggiore di Actinobacteria nelle donne nere”, ha affermato Price. “La resistenza all’insulina può essere prevalente nelle donne nere in parte a causa di questa elevata abbondanza sfavorevole di questo batterio”.

Lo studio ha anche riscontrato interazioni significative tra razza e sensibilità all’insulina per alcuni altri tipi di batteri, come Lachnospiraceae e Clostridiales Family XIII. Nelle donne insulino-sensibili, le donne nere avevano il doppio dell’abbondanza relativa della famiglia XIII di Clostridiales rispetto alle donne bianche. Tra i partecipanti con insulino- resistenza, le donne nere avevano quattro volte più Verrucomicrobia rispetto alle donne bianche.

“I nostri risultati sollevano la possibilità che il microbioma intestinale possa svolgere un ruolo importante nel guidare le disparità di salute cardiometabolica delle donne nere, indicando un’influenza di fattori sociali e ambientali sul microbioma intestinale”, ha affermato Price.

Determinanti sociali della salute e differenze razziali nel microbioma intestinale

I ricercatori hanno indicato che le differenze razziali ed etniche nel microbioma intestinale sono probabilmente un riflesso di influenze ambientali come la dieta, piuttosto che la genetica.

“Nonostante l’enorme ricerca sul microbioma intestinale , non c’è stata molta attenzione su come influisce ed è influenzato dai determinanti sociali della salute e dalle disparità di salute nella popolazione”, ha affermato Jonathan Eisen, direttore dell’UC Davis Genome Center , professore nei Dipartimenti di Evoluzione ed Ecologia e Microbiologia medica e Immunologia, e coautore di questo studio. “I nostri risultati che i batteri intestinali differiscono nelle donne bianche e nere evidenziano il potenziale impatto dei determinanti sociali della salute sui batteri intestinali “.

I determinanti sociali della salute sono le condizioni negli ambienti in cui le persone nascono, vivono, imparano, lavorano, giocano, adorano ed età che influenzano un’ampia gamma di risultati e rischi per la salute, il funzionamento e la qualità della vita.

“Le possibili spiegazioni per le differenze razziali devono essere esplorate in studi che includano fattori sociali, ambientali e comportamentali, come la dieta e lo stress psicologico, e l’esame dei marcatori pro-infiammatori”, ha detto Price.

Gli altri autori di questo studio sono Guillaume Jospin del Genome Center, University of California, Davis; Kristy Brownell e Barbara Laraia presso l’Università della California, San Francisco e l’Università della California, Berkeley; ed Elissa Epel all’Università della California, San Francisco.


Ulteriori informazioni: Candice A. Price et al, Differences in gut microbiome by insulin sensitivity status in Black and White women of the National Growth and Health Study (NGHS): uno studio pilota, PLOS ONE (2022). DOI: 10.1371/journal.pone.0259889

Categorie:Benessere