Terapie

Come si sta rivoluzionando la guarigione delle ferite con una innovativa tecnologia per la loro cura 

Adv

L’innovativa tecnologia per la cura delle ferite di Colzyx limita la crescita microbica promuovendo contemporaneamente la guarigione delle ferite.

La resistenza antimicrobica (AMR) è un problema di salute pubblica globale, che provoca 33.000 decessi nell’UE ogni anno. È causato dall’uso eccessivo di antibiotici e antisettici. Per i medici, diagnosticare le infezioni delle ferite può essere molto difficile. Con una prescrizione eccessiva di antibiotici, la resistenza antimicrobica nelle ferite sta diventando sempre più grave.

Adv

Una nuova soluzione per la cura delle ferite deve includere il trattamento del sito di infezione, oltre a promuovere la guarigione delle ferite per fornire protezione. Colzyx ha sviluppato questo tipo di approccio alla cura delle ferite, con il potenziale per cambiare il futuro della gestione delle ferite croniche . Health Europa ne ha parlato con Eskil Söderlind, CEO, e Matthias Mörgelin, CTO di Colzyx , del peso delle ferite croniche e di come la loro azienda cerca di mitigare questo problema attraverso una tecnologia innovativa per la cura delle ferite.

Quali sono le sfide chiave che il settore sanitario deve affrontare attualmente nella gestione delle ferite croniche e che tipo di impatto ha avuto la pandemia di COVID-19 su questo?

MM: La sfida chiave relativa alla pandemia è il crescente arretrato nelle cure mentre il settore sanitario si sforza di mitigare la crisi COVID-19 e supportare i pazienti infetti. In termini di cura delle ferite, il problema principale è la gestione di quelle ferite che diventano croniche e infette.

Attualmente, non ci sono prodotti sul mercato che contemporaneamente limitino la crescita batterica nella ferita e stimolino la guarigione della ferita per fornire protezione. Questa è una preoccupazione perché c’è una popolazione crescente di microbi resistenti agli antibiotici, che sta aumentando a livello globale. Il nostro prodotto può combattere i batteri multiresistenti e, di conseguenza, combatterà più ampiamente la resistenza multifarmaco.

ES: Lo sviluppo di batteri multiresistenti è una minaccia molto grave per la salute umana. Come comunità globale, dobbiamo affrontare una cosa alla volta e le persone si stanno attualmente concentrando sul COVID-19. Ma quando alla fine questo viene sconfitto, abbiamo ancora il problema emergente dei batteri multiresistenti.

Il nostro prodotto può contribuire a combattere questa minaccia perché, come dice Matthias, il nostro prodotto accelererà la guarigione delle ferite, uccidendo contemporaneamente i batteri multiresistenti. Quella combinazione è unica.

MM: C’è un esempio di un batterio chiamato Staphylococcus aureus (MRSA) che è già multiresistente e una minaccia attuale per i pazienti con ferite croniche.

Diresti che ci sono alcuni gruppi sociali o demografici che sono più suscettibili allo sviluppo di ferite difficili da curare?

MM: Gli anziani, le persone immunocompromesse e i pazienti affetti da COVID-19 possono essere più suscettibili allo sviluppo di ferite croniche, ma queste non sono una forza trainante importante per la cronicità delle ferite.

ES: Abbiamo anche una situazione di pandemia diabetica. A livello globale, il numero di persone a cui viene diagnosticato il diabete è in aumento. Questo è associato, ad esempio, alle ulcere del piede croniche o diabetiche. Anche l’obesità è un fattore.

Come diceva Matthias, la popolazione sta invecchiando e le ferite difficili da rimarginare sono associate all’età. Questa è la situazione in cui ci troviamo. È importante tornare di nuovo alla prospettiva dei batteri multiresistenti perché si tratta di una situazione non correlata al sesso e all’età. Tuttavia, se sei giovane e molto sano, puoi comunque contrarre un’infezione.

MM: L’AMR sta avanzando in modo tale che un’infezione intestinale innocua ora può essere mortale, come quando l’intestino è infetto da Enterococcus multiresistente. Ci stiamo lentamente muovendo verso la stessa situazione nel campo delle ferite croniche.

Puoi parlarmi dei principali vantaggi della tua tecnologia WOUNDCOM rispetto alle medicazioni per ferite convenzionali che abbiamo oggi sul mercato?

MM: Le medicazioni per ferite convenzionali possono uccidere i batteri, poiché alcune medicazioni contengono antibiotici o collagene. Il nostro prodotto combina l’uccisione batterica e la promozione della guarigione delle ferite ed è l’unico prodotto noto per farlo al momento. Questo perché abbiamo scoperto il collagene VI, che è un componente del tessuto connettivo, e fa parte del nome Colzyx.

Il collagene VI è un componente innato del tessuto connettivo e ogni volta che abbiamo una ferita, il collagene VI promuoverà attivamente la guarigione della ferita e preverrà l’infezione della ferita. Stiamo sviluppando un prodotto che imita questi processi biologici, cosa che nessun altro prodotto può fare.

Il nostro prodotto combina l’uccisione batterica e la promozione della guarigione delle ferite © iStock/fstop

A che punto si trova attualmente la tua tecnologia e quali sono i tuoi piani per il 2022?

ES: Puntiamo ad avviare la sperimentazione clinica alla fine del 2022. Le cose stanno andando bene; stiamo facendo tutti i preparativi necessari per poter iniziare una sperimentazione clinica.

MM: La nostra tecnologia per la cura delle ferite può potenzialmente, in futuro, essere applicata anche a ferite acute, come le infezioni del sito chirurgico (SSI) e altri problemi correlati, come trauma e ferite.

Guardando al futuro, come speri che Colzyx si evolva ulteriormente? Hai altre idee o piani in cantiere che vorresti condividere con i nostri lettori?

ES: Qui abbiamo alcune risorse chiave di proprietà intellettuale. Questi includono molecole che noi e co-inventori abbiamo identificato e ottenuto un brevetto negli Stati Uniti e in Cina, e ci aspettiamo di ottenere un brevetto anche in Europa. Queste sono molecole che sono altamente antibatteriche e favoriscono la guarigione delle ferite. Queste risorse chiave possono essere utilizzate in una varietà di applicazioni.

Quello a cui puntiamo per il prossimo progetto, che è collegato alla guarigione delle ferite, è studiare lo sviluppo di nuovi tipi di antibiotici. Ciò utilizzerebbe alcuni dei componenti chimici chiave che sono stati identificati per il progetto di guarigione delle ferite.

MM: La tecnologia trarrà vantaggio dalle nostre proprietà corporee innate. Per quanto riguarda gli impianti ortopedici, ad esempio, vengono utilizzati prodotti innaturali, come il titanio, che l’organismo riconosce come estraneo. Il corpo li incapsula, che è una reazione prolungata per respingerli finalmente.

Se ricopriamo questi materiali con le nostre sostanze, il corpo molto probabilmente riconoscerà questi oggetti come non estranei. Ciò significa che crescono nel corpo e nei tessuti e saranno incorporati in un modo molto migliore. Questa è una potenziale applicazione.

ES: Per riassumere ciò che ha detto Matthias, abbiamo il nostro progetto per la cura delle ferite, abbiamo il progetto sugli antibiotici e abbiamo anche un progetto per rivestire gli impianti con queste molecole per promuovere la guarigione e prevenire le infezioni. Ci sono molte idee e modi diversi per utilizzare i nostri risultati principali.

Eskil Söderlind
CEO

Matthias Mörgelin
CTO
Colzyx
www.colzyx.com
https://www.linkedin.com/company/colzyxab/

Questo articolo è stato tradotto e tratto dal numero 20 di  Health Europa Quarterly .  

Categorie:Terapie

Con tag:,