Ricerca

La chiave per una vita lunga e sana? Risiede nelle proteine del sangue: lo rivela uno studio scientifico

Adv

beauty concept skin aging. anti-aging procedures

Gli scienziati hanno dimostrato che due proteine ????del sangue influenzano la durata e la salute della vita che viviamo, suggerisce la ricerca. 

Lo sviluppo di farmaci che prendono di mira queste proteine ??potrebbe essere un modo per rallentare il processo di invecchiamento, secondo il più grande studio genetico sull’invecchiamento.

Adv

Con l’avanzare dell’età, i nostri corpi iniziano a declinare dopo aver raggiunto l’età adulta, il che si traduce in malattie legate all’età e morte. Quest’ultima ricerca indaga quali proteine ??potrebbero influenzare il processo di invecchiamento.

Molti fattori complessi e correlati determinano la velocità con cui invecchiamo e moriamo, e questi includono la genetica, lo stile di vita, l’ambiente e il caso. Lo studio fa luce sul ruolo svolto dalle proteine ??in questo processo.

Alcune persone hanno naturalmente livelli più alti o più bassi di determinate proteine ??a causa del DNA che ereditano dai loro genitori. Questi livelli di proteine ??possono, a loro volta, influenzare la salute di una persona.

I ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno combinato i risultati di sei grandi studi genetici sull’invecchiamento umano, ciascuno contenente informazioni genetiche su centinaia di migliaia di persone,

Tra le 857 proteine ??studiate, i ricercatori ne hanno identificate due che hanno avuto effetti negativi significativi su varie misure di invecchiamento.

Le persone che hanno ereditato il DNA che causa l’aumento dei livelli di queste proteine ??erano più fragili, avevano una salute autovalutata peggiore e avevano meno probabilità di vivere una vita eccezionalmente lunga rispetto a quelle che non lo facevano. .

La prima proteina, chiamata apolipoproteina(a) (LPA), è prodotta nel fegato e si pensa che svolga un ruolo nella coagulazione. Alti livelli di LPA possono aumentare il rischio di aterosclerosi, una condizione in cui le arterie si ostruiscono con sostanze grasse. Malattie cardiache e ictus sono un possibile risultato.

La seconda proteina, la molecola di adesione delle cellule vascolari 1 (VCAM1), si trova principalmente sulle superfici delle cellule endoteliali, uno strato unicellulare che riveste i vasi sanguigni. La proteina controlla l’espansione e la retrazione dei vasi e la sua funzione nella coagulazione del sangue e nella risposta immunitaria.

I livelli di VCAM1 aumentano quando il corpo invia segnali per indicare che ha rilevato un’infezione, VCAM1 consente quindi alle cellule immunitarie di attraversare lo strato endoteliale, come si vede per le persone che hanno livelli naturalmente bassi di queste proteine.

I ricercatori affermano che i farmaci usati per curare le malattie riducendo i livelli di LPA e VCAM1 potrebbero avere il vantaggio aggiuntivo di migliorare la qualità e la durata della vita.  

Uno di questi esempi è una sperimentazione clinica che sta testando un farmaco per abbassare l’LPA come modo per ridurre il rischio di malattie cardiache.

Al momento non ci sono studi clinici che coinvolgono VCAM1, ma studi sui topi hanno dimostrato come gli anticorpi che abbassano il livello di questa proteina migliorano la cognizione durante la vecchiaia.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Aging.

Il dottor Paul Timmers, ricercatore capo presso l’Unità di genetica umana MRC dell’Università di Edimburgo, ha affermato: “L’identificazione di queste due proteine ??chiave potrebbe aiutare a prolungare gli anni di vita sani. I farmaci che abbassano questi livelli di proteine ????nel nostro sangue potrebbero consentire alla persona media di vivere in salute e fino a quando le persone che hanno vinto la lotteria genetica e sono nate con livelli di LPA e VCAM1 geneticamente bassi”. 

Il professor Jim Wilson, Chair of Human Genetics presso l’Usher Institute dell’Università di Edimburgo, ha dichiarato: “Questo studio mostra il potere della genetica moderna di identificare due potenziali bersagli per i futuri farmaci per prolungare la durata della vita”.

Categorie:Ricerca

Con tag: