Batticuore

Go Red

Adv

Le donne di età pari o inferiore a 35 anni hanno il 44% in più di probabilità di avere un ictus ischemico rispetto ai coetanei maschi

Punti salienti della ricerca:

  • Le donne di età pari o inferiore a 35 anni avevano il 44% in più di probabilità di avere un ictus ischemico (causato dall’ostruzione dei vasi sanguigni nel cervello) rispetto alle loro controparti maschili, secondo una nuova revisione di oltre una dozzina di studi internazionali sulle differenze di sesso nell’insorgenza dell’ictus .
  • Questo divario si riduce tra i 35 ei 45 anni e ci sono prove contrastanti sul fatto che le donne o gli uomini abbiano più ictus ischemico nella fascia di età tra i 35 ei 45 anni.
  • Lo studio sta pubblicando nel numero in evidenza Go Red for Women® del 2022 della rivista Stroke , incentrato sulla sensibilizzazione sulle sfide cardiovascolari uniche che le donne devono affrontare.

Le donne di età pari o inferiore a 35 anni avevano il 44% di probabilità in più di avere un ictus ischemico (causato dall’ostruzione dei vasi sanguigni nel cervello) rispetto alle loro controparti maschili, secondo una nuova revisione di oltre una dozzina di persone a livello internazionale. studi sulle differenze di sesso nell’occorrenza di ictus, pubblicati oggi in un numero in evidenza Go Red for Women® 2022 di  Stroke , una rivista peer-reviewed dell’American Stroke Association, una divisione dell’American Heart Association.

Adv

“In questo secondo numero annuale di Go Red Stroke , abbiamo raccolto alcuni articoli eccezionali per informare i nostri lettori su molteplici importanti questioni scientifiche cliniche e traslazionali che affrontano le lacune nella nostra conoscenza dell’ictus tra le donne”, ha affermato Ralph L. Sacco, caporedattore di Stroke , MD, MS, FAHA, presidente del dipartimento di neurologia, e la cattedra di Olemberg Family in Neurological Disorders e direttore esecutivo dell’Evelyn F. McKnight Brain Institute presso l’Università di Miami Leonard Miller School of Medicine, a Miami. “L’ictus colpisce più donne ogni anno rispetto agli uomini. Vogliamo che tutti i professionisti dell’ictus siano a conoscenza delle ultime ricerche sul riconoscimento, la prevenzione e il trattamento degli ictus tra le donne”.

Nell’articolo, “Revisione sistematica delle differenze di sesso negli ictus ischemici tra i giovani adulti: le giovani donne sono a rischio in modo sproporzionato?” (Leppert et al.), i ricercatori hanno esaminato le differenze nell’incidenza dell’ictus tra donne e uomini in vari gruppi di età dei giovani adulti. Hanno esaminato gli studi dal gennaio 2008 al luglio 2021 pubblicati e indicizzati su PubMed, uno dei più grandi database di ricerca online al mondo gestito dalla National Library of Medicine presso il National Institutes of Health. Includevano studi originali basati sulla popolazione e incentrati su giovani adulti di età pari o inferiore a 45 anni. Gli studi includevano dati su qualsiasi tipo di ictus, compresi ictus ischemico; ictus emorragico (un’emorragia che si verifica quando un vaso sanguigno indebolito si rompe); TIA, o attacco ischemico transitorio, chiamato anche mini-ictus (causato da un grave coagulo temporaneo); e ictus criptogenico per i quali non è stata identificata alcuna causa nota. La maggior parte degli ictus nella revisione erano ictus ischemici, che rappresentano circa l’87% di tutti gli ictus.

I ricercatori hanno identificato 16 studi, tra cui un totale combinato di 69.793 giovani adulti con ictus (33.775 donne e 36.018 uomini), provenienti da più di mezza dozzina di paesi, tra cui Stati Uniti, Canada, Francia e Paesi Bassi.

L’analisi degli autori ha identificato che le differenze di sesso nell’incidenza di ictus ischemico erano le maggiori e più evidenti tra gli adulti di età inferiore ai 35 anni, con una stima del 44% in più di donne rispetto agli uomini in questa fascia di età che soffriva di ictus ischemico. Questa differenza di sesso si è ridotta tra gli adulti di età compresa tra 35 e 45 anni. Le differenze di sesso nei gruppi di età più avanzata erano più difficili da determinare a causa dell’ampia variabilità nel modo in cui i dati sono stati presentati tra gli studi in questa revisione sistemica. I ricercatori, inoltre, non sono stati in grado di identificare le cause specifiche alla base della maggiore prevalenza di ictus nelle giovani donne rispetto ai giovani uomini.

I ricercatori hanno notato che le variabili del loro set di dati che ponevano limiti alla loro revisione includevano: popolazioni di studio che abbracciano diversi continenti, inclusi 15 diversi paesi con diversi livelli di sviluppo, e la diversità dei partecipanti allo studio da numerosi gruppi razziali ed etnici; differenze metodologiche tra gli studi; e possibili bias di pubblicazione perché studi epidemiologici più ampi potrebbero non aver pubblicato risultati nei gruppi di età più giovani a causa del numero relativamente piccolo di casi catturati. Secondo i ricercatori, l’incidenza di ictus ischemico aumenta esponenzialmente con l’età e solo il 15% di tutti gli ictus ischemici si verifica negli adulti di età inferiore ai 50 anni.

Sulla base della loro analisi, i ricercatori hanno concluso: “I tradizionali fattori di rischio aterosclerotico contribuiscono in modo determinante agli ictus ischemici sia nei giovani uomini che nelle donne e diventano sempre più importanti con l’età. Tuttavia, questi fattori di rischio sono meno prevalenti nelle donne più giovani e potrebbero non spiegare la maggiore incidenza osservata di ictus ischemico nelle donne di età inferiore ai 35 anni. Anche le giovani donne che sopravvivono a un ictus ischemico hanno esiti peggiori, con un rischio da 2 a 3 volte superiore di risultati funzionali inferiori rispetto alle loro controparti maschili.

I ricercatori hanno affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per definire meglio le differenze di sesso dell’ictus ischemico nei giovani adulti e i contributi che i fattori di rischio non tradizionali, come la gravidanza, il postpartum e i contraccettivi ormonali, possono svolgere nel carico complessivo di ictus ischemico nelle giovani donne .

“La nostra scoperta suggerisce che gli ictus nei giovani adulti possono verificarsi per ragioni diverse rispetto agli ictus negli anziani. Ciò sottolinea l’importanza di fare più studi sull’ictus nei gruppi di età più giovani in modo da poter capire meglio cosa mette le giovani donne a più alto rischio di ictus”, ha affermato la coautrice dello studio Sharon N. Poisson, MD, MAS, professore associato di neurologia presso l’Università del Colorado, Denver. “Una migliore comprensione di quali giovani adulti sono a rischio di ictus può aiutarci a fare un lavoro migliore nella prevenzione e nel trattamento degli ictus nei giovani”.

I coautori sono Michelle H. Leppert, MD, MBA; James F. Burke, MD, M.Sc.; Lynda D. Lisabeth, Ph.D., FAHA; Tracy E. Madsen, MD, Ph.D., FAHA; Dawn O. Kleindorfer, MD, FAHA; Stefan Sillau, Ph.D.; Lee H. Schwamm, MD, FAHA; Stacie L. Daugherty, MD, MSPH; Cathy J. Bradley, Ph.D.; e P. Michael Ho, MD, Ph.D., FAHA. Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto. Lo studio è stato parzialmente finanziato dal National Institutes of Health.

In una recensione di commento pubblicata anche nel numero speciale di Stroke di oggi , “Advances in Stroke: Stroke in Women” (Bushnell e Kapral), gli autori hanno riassunto le nuove conoscenze sull’ictus nelle donne. Hanno trovato prove recenti suggeriscono che:

  • L’incidenza dell’ictus può essere aumentata nelle giovani donne rispetto ai giovani uomini;
  • Le donne con una storia di ictus hanno un basso rischio di complicanze della gravidanza;
  • Le donne con complicazioni della gravidanza come la pre-eclampsia e il parto pretermine possono essere maggiormente a rischio di ictus per molti anni dopo il parto; e
  • La rappresentazione e la segnalazione delle donne negli studi clinici sull’ictus acuto continua a non essere ottimale.

Il numero completo di Stroke Go Red for Women® 2022 è disponibile qui .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: