Mangiare e bere

Solo per il tipo 2: lo sapevi che i tempi della cena e la genetica influenzano il controllo della glicemia degli individui?

Adv

Alarm clock and cutlery on color background. Diet concept

Le connessioni tra l’assunzione di cibo, i livelli di melatonina e la genetica possono essere importanti per il rischio di diabete.

Il controllo della glicemia, che è compromesso nelle persone con diabete, è influenzato da vari fattori, inclusi i tempi dei pasti rispetto al sonno e i livelli di melatonina, un ormone rilasciato principalmente durante la notte che aiuta a controllare i cicli sonno-veglia. Nella ricerca pubblicata su Diabetes Care , un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH), del Brigham and Women’s Hospital (BWH) e dell’Università di Murcia in Spagna ha condotto uno studio clinico per cercare connessioni tra questi due fattori.

Adv

“Abbiamo deciso di testare se mangiare tardi, che di solito si verifica con livelli elevati di melatonina, provoca un controllo alterato della glicemia”, afferma l’autrice senior Richa Saxena, PhD, ricercatrice principale presso il Center for Genomic Medicine dell’MGH.

Per lo studio incrociato randomizzato che ha incluso 845 adulti spagnoli, ogni partecipante ha digiunato per otto ore e poi per le due sere successive ha avuto prima un pasto presto e poi un pasto tardivo rispetto alla loro tipica ora di coricarsi. I ricercatori hanno anche analizzato il codice genetico di ciascun partecipante all’interno del gene del recettore della melatonina-1b ( MTNR1B ) perché ricerche precedenti hanno collegato una variante (chiamata allele G) in MTNR1B con un rischio elevato di diabete di tipo 2.

“Nei mangiatori tardivi naturali, abbiamo simulato l’orario della cena anticipata e tardiva somministrando una bevanda a base di glucosio e abbiamo confrontato gli effetti sul controllo della glicemia nell’arco di due ore”, spiega Saxena. “Abbiamo anche esaminato le differenze tra gli individui che erano portatori o meno della variante genetica nel recettore della melatonina”.

Il team ha scoperto che i livelli di melatonina nel sangue dei partecipanti erano 3,5 volte più alti dopo la cena tardiva. L’orario della cena tardiva ha anche comportato livelli di insulina più bassi e livelli di zucchero nel sangue più elevati. (Questa connessione ha senso perché l’insulina agisce per ridurre i livelli di zucchero nel sangue.) A fine cena, i partecipanti con l’ allele G MTNR1B avevano livelli di zucchero nel sangue più elevati rispetto a quelli senza questa variante genetica.

“Abbiamo scoperto che mangiare tardi disturbava il controllo della glicemia nell’intero gruppo. Inoltre, questo controllo del glucosio alterato è stato osservato principalmente nei portatori di varianti di rischio genetico, che rappresentano circa la metà della coorte”, afferma l’autrice principale Marta Garaulet, PhD, professore di fisiologia e nutrizione presso il Dipartimento di Fisiologia dell’Università di Murcia.

Gli esperimenti hanno rivelato che gli alti livelli di melatonina e l’assunzione di carboidrati associati al consumo tardivo alterano il controllo della glicemia a causa di un difetto nella secrezione di insulina.

“I risultati dei nostri studi potrebbero essere importanti nello sforzo verso la prevenzione del diabete di tipo 2”, afferma il co-autore senior Frank AJL Scheer, PhD, MSc, direttore del programma di cronobiologia medica presso BWH. “I nostri risultati sono applicabili a circa un terzo della popolazione nel mondo industrializzato che consuma cibo prima di coricarsi, così come ad altre popolazioni che mangiano di notte, compresi i turnisti, o coloro che soffrono di jetlag o disturbi alimentari notturni, così come quelli che usano abitualmente integratori di melatonina vicino all’assunzione di cibo.

Gli autori osservano che per la popolazione generale può essere consigliabile astenersi dal mangiare per almeno un paio d’ore prima di coricarsi. “Le informazioni sul genotipo per la variante del recettore della melatonina possono aiutare ulteriormente nello sviluppo di raccomandazioni comportamentali personalizzate”, afferma Saxena. “In particolare, il nostro studio non include i pazienti con diabete, quindi sono necessari ulteriori studi per esaminare l’impatto dei tempi del cibo e il suo legame con la melatonina e la variazione del recettore nei pazienti con diabete”.

I coautori includono Jesus Lopez-Minguez, Hassan S. Dashti, Celine Vetter, Antonio Miguel Hernandez-Mart?nez, Millan Perez-Ayala, Juan Carlos Baraza, Wei Wang e Jose C. Florez.

Il finanziamento dello studio è stato fornito dal National Institutes of Health, dal governo spagnolo di indagine e dalla Fondazione Seneca.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,,