Sport e movimento

L’attività fisica protegge dal diabete di tipo 2 modificando il metabolismo

Adv
young woman, girl, sporty

Photo by silviarita on Pixabay

Un nuovo studio dell’Università della Finlandia orientale mostra che l’attività fisica regolare modifica significativamente il profilo metabolico del corpo e molti di questi cambiamenti sono associati a un minor rischio di diabete di tipo 2. La popolazione dello studio comprendeva più di 7.000 uomini che sono stati seguiti per otto anni. Gli uomini nella categoria di attività fisica più alta avevano un rischio inferiore del 39% di diabete di tipo 2 rispetto agli uomini che erano fisicamente inattivi. L’attività fisica è stata associata ai livelli di un totale di 198 metaboliti, cioè composti formati a seguito del metabolismo del corpo, e l’aumento dell’attività fisica ha avuto un impatto su alcuni degli stessi metaboliti che sono stati precedentemente associati a una dieta salutare . Inoltre, lo studio ha dimostrato che una maggiore attività fisica migliora la secrezione di insulina.

Adv

Un totale di 1.260 metaboliti sono stati analizzati dai campioni di glucosio a digiuno dei partecipanti allo studio. L’associazione dell’attività fisica con il profilo del metabolita non è stata studiata in modo completo né in una coorte così ampia prima. Infatti, pubblicato su Metabolites , questo studio è il primo a stabilire un’associazione tra molti metaboliti e l’attività fisica .

I ricercatori hanno studiato l’associazione dell’attività fisica con il profilo dei metaboliti , la sensibilità all’insulina , la secrezione di insulina e il rischio di diabete di tipo 2 negli uomini che partecipano allo studio METabolic Syndrome In Men (METSIM). Nessuno dei partecipanti aveva il diabete all’inizio dello studio. Un questionario sull’attività fisica è stato condotto tra i partecipanti all’inizio dello studio e di nuovo otto anni dopo, e sono stati anche sottoposti a un test di tolleranza al glucosio orale e hanno analizzato i loro metaboliti da un campione di glucosio a digiuno.

Figura 1. L’associazione delle variazioni dell’attività fisica (PA) con le concentrazioni di glucosio e insulina, la sensibilità all’insulina e la secrezione di insulina in 5867 partecipanti senza diabete al basale, sottoposti a test di tolleranza al glucosio orale sia al basale che alle visite di follow-up. Le dimensioni dell’effetto (?, SE) sono fornite come differenze medie standardizzate per i partecipanti che hanno diminuito la loro PA (PA Dec ) o aumentato la loro PA (PA Inc ) rispetto alla categoria di riferimento di nessun cambiamento nella loro PA (PA 0 ). I valori p sono stati aggiustati per età, tempo di follow-up, corrispondente tratto metabolico al basale, BMI, fumo, consumo di alcol e PA al basale. Credito: DOI: 10.3390/metabo12010069

Gli uomini sono stati classificati in quattro categorie in base alla loro attività fisica: quelli che erano fisicamente inattivi, quelli che erano fisicamente attivi solo occasionalmente, quelli che erano fisicamente attivi regolarmente ma non più di due volte a settimana e quelli che erano fisicamente attivi regolarmente almeno tre volte a settimana. La durata di una singola sessione di attività fisica è stata definita come minimo 30 minuti.

L’attività fisica è stata associata ai livelli di un totale di 198 metaboliti. Tra le altre cose, l’attività fisica ha modificato i livelli di diversi lipidi in un modo che in studi precedenti è stato associato a un minor rischio di diabete di tipo 2. In studi precedenti, è stato anche osservato che una dieta che promuove la salute ha alcune associazioni simili con i livelli di acidi grassi insaturi, ad esempio. Come biomarcatori metabolici completamente nuovi associati all’attività fisica, i ricercatori hanno identificato in particolare steroidi, aminoacidi, imidazoli, acidi carbossilici e idrossiacidi.

Durante il follow-up, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 è stato del 39% inferiore per gli uomini fisicamente più attivi e del 30% inferiore anche per gli uomini che erano fisicamente attivi non più di due volte a settimana, rispetto agli uomini che erano fisicamente inattivo. Negli uomini che hanno aumentato la loro attività fisica durante il follow-up sono stati osservati livelli inferiori di glucosio e insulina a digiuno e una migliore sensibilità all’insulina e secrezione di insulina.

L’associazione tra attività fisica e secrezione di insulina è rimasta poco chiara, nonostante diversi studi sull’argomento. Lo studio pubblicato ora conferma che una maggiore attività fisica migliora la secrezione di insulina .


Ulteriori informazioni: Susanna Kemppainen et al, Metabolite Signature of Physical Activity and the Risk of Type 2 Diabetes in 7271 Men, Metabolites (2022). DOI: 10.3390/metabo12010069