Equilibrio

Psicologia: molti adulti percepiscono in modo impreciso il proprio BMI e le dimensioni corporee

Adv

Secondo uno studio su 744 adulti polacchi pubblicato su Scientific Reports , meno di due terzi degli adulti può stimare correttamente il proprio indice di massa corporea (BMI) e meno della metà può identificare la propria dimensione corporea .

Adv

Wojciech Gruszka e colleghi hanno calcolato il BMI degli adulti tra il 2010 e il 2011 e lo hanno confrontato con le stime dei partecipanti sul proprio BMI e dimensioni corporee. I partecipanti, che avevano in media 36 anni e di cui il 60,7% erano donne, hanno anche riferito quanto fossero soddisfatti del proprio corpo. 21 partecipanti avevano un BMI sottopeso (inferiore a 18,5 kg/m2), 326 avevano un BMI sano (tra 18,5 e 24,9 kg/m2), 221 avevano un BMI sovrappeso (tra 25,0 e 29,9 kg/m2) e 176 avevano un BMI obeso ( superiore a 30,0 kg/m2).

Gli autori hanno scoperto che il 63,5% dei partecipanti stimava correttamente il proprio BMI e il 49,5% stimava correttamente la propria dimensione corporea. Hanno anche scoperto che i partecipanti spesso sottovalutavano il proprio BMI e le dimensioni corporee. Il 17,6% di quelli con un BMI sano ha stimato di avere un BMI sottopeso, il 14,3% di quelli con un BMI sovrappeso ha stimato di avere un BMI sano e il 41,6% di quelli con un BMI obeso ha stimato di avere un BMI sovrappeso. Il 39,8% di quelli con una taglia corporea sana ha stimato che la loro taglia corporea era sottopeso, il 35,7% di quelli con una taglia corporea in sovrappeso ha stimato di avere una taglia corporea sana e il 49,9% di quelli con una taglia corporea obesa ha stimato che la loro taglia corporea era sovrappeso. Solo un quarto (25,4%) dei partecipanti ha riferito di essere soddisfatto della propria corporatura attuale e di 65 anni. Il 7% ha dichiarato di volere che il proprio corpo fosse più piccolo. Gli uomini erano significativamente più propensi delle donne a sottovalutare il proprio BMI e le dimensioni corporee e ad essere soddisfatti delle proprie dimensioni corporee.

Gli autori suggeriscono che la crescente prevalenza dell’obesità e lo stigma ad essa associato possono rendere gli adulti più propensi a sottostimare il proprio BMI e le dimensioni corporee. Sono necessarie ulteriori ricerche per indagare se gli interventi psicologici che affrontano le percezioni delle dimensioni corporee potrebbero aiutare le persone a gestire meglio il proprio peso, aggiungono.


Dettagli dell’articolo

Percezione delle dimensioni corporee e insoddisfazione corporea negli adulti

DOI: 10.1038/s41598-021-04706-6

Categorie:Equilibrio

Con tag:,