testimonianze

Avere il giusto team sanitario è la chiave per la gestione del diabete

Adv
Sono passata dal diabete gestazionale al diabete di tipo 2 . Gestisco il mio diabete da 15 anni. Questo è stato un viaggio emotivo. È iniziato con la mia negazione perché non volevo venire a patti con la malattia. Successivamente, si trattava di affrontare la depressione del tentativo di far fronte al diabete. Infine, era l’accettazione o il venire a patti. Ho il diabete, quindi ho dovuto fare dei cambiamenti nella mia vita.

Questo è quando ho finalmente capito che dovevo apportare alcuni cambiamenti importanti nella mia vita per convivere con il diabete. Ho fatto molte ricerche per vedere quali informazioni erano disponibili per aiutarmi a capire cosa fosse il diabete. Durante questo processo, ho imparato che dovevo vedere diversi professionisti medici per aiutare nel successo della mia cura e gestione del diabete. Il mio team sanitario era composto da un nutrizionista, un medico di base e un’infermiera registrata che mi controllavano regolarmente per monitorare i miei progressi.

Questo è stato un grande cambiamento per me perché in passato non ho mai avuto così tanto supporto pratico per la mia assistenza sanitaria. Tuttavia, ho imparato che era “assolutamente necessario”. Il nutrizionista mi ha insegnato a leggere le etichette degli alimenti e mi ha parlato di carboidrati buoni contro carboidrati cattivi. Mi ha insegnato che i carboidrati possono trasformarsi in zucchero, ma i carboidrati sono necessari per un pasto equilibrato.

Mi ha insegnato l’importanza di scegliere i cibi giusti e il controllo delle porzioni. Ha spiegato che quando mangi troppo, influisce sui tuoi numeri di glucosio. Mi ha insegnato che riposarsi adeguatamente è importante quanto fare le giuste scelte alimentari. Ha detto che l’ esercizio fisico è un elemento chiave per la gestione del diabete, anche se ti alleni solo per 15 minuti al giorno.

Parlare con la nutrizionista ha portato un livello di conforto alla mia gestione sanitaria perché era comprensiva. Voleva assicurarsi che capissi la gravità della mia malattia e cosa potrebbe succedere se non gestissi il mio diabete. Ad esempio, ha detto che potrei essere sottoposta a insulina, potrei avere un infarto o un ictus, potrei soffrire di insufficienza renale o addirittura diventare cieca. Sentire quanto potessero essere gravi gli effetti negativi e voler essere lì per mio figlio mi ha fatto desiderare di fare la cosa giusta in modo da poter vivere. Sapevo che ciò avrebbe richiesto tempo e non sarebbe successo dall’oggi al domani, ma ero disposto ad apportare questi cambiamenti.

Il mio medico di base è il dottor Bejjenki Chary ed è fenomenale. Si preoccupa dei suoi pazienti e ha investito per assicurarsi che io abbia il miglior team sanitario per gestire il mio diabete. Quello che apprezzo del dottor Chary è che non ti picchia per ciò che hai fatto di sbagliato o perché non ti sei allenato oggi. Il suo approccio è diverso, lavora con te. Entrambi siete una squadra; siete in questo insieme.

Quando sono diventato diabetico, non avevo questo livello di supporto. In realtà era il contrario. Avevo paura di andare dal dottore. A mia volta, non ho fatto quello che dovevo fare per gestire il mio diabete. Lavorare con il dottor Chary mi ha ispirato a voler fare un cambiamento, fare meglio e lavorare sodo.

Quando ho iniziato con il Dr. Chary, il mio A1c era sugli 8 alti. Ora è 5.4. Devo ammettere che ci è voluto un po’ per arrivare qui, ma la vittoria è stata che sono riuscito a raggiungere questo traguardo molto importante nel mio viaggio nel diabete. Non sapevo di potercela fare. Tuttavia, grazie all’incoraggiamento del dottor Chary, del suo staff e del mio team sanitario, sono riuscito a gestire il mio diabete. È bello sapere che potrei farcela. Puoi farlo anche tu!

È un lavoro duro e avrai battute d’arresto. Alcuni giorni ti sentirai come se non volessi farlo. Tuttavia, alla fine della giornata, sai che non puoi rimanere nello stato di disperazione. Devi uscirne e tornare al piano, qualunque cosa accada.

“Combattiamo per le nostre vite ogni giorno. Tuttavia, non siamo soli e un team sanitario fenomenale come il mio può aiutarti a salvarti la vita”. Se stai leggendo questo post, ti incoraggio a chiamare il tuo medico e chiedere aiuto per gestire il tuo diabete. A volte è necessario cambiare medico. Non permettere che ciò ti dissuada dall’ottenere l’aiuto e le risorse di cui hai bisogno per salvarti la vita.


Testimonianza di Robin Russell – 40 anni e diabetica tipo 2 dal 2006 – giornalista per ABC

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: