Solidarietà/filantropia/Charity

I social media possono fornire una soluzione alla carenza di sangue?

Adv

La Croce Rossa sta gestendo la peggiore carenza di sangue da oltre un decennio. Ci sono una serie di ragioni, ma la domanda rimane: cosa si può fare per convincere più persone a donare? Bernard Appiah, assistente professore di sanità pubblica al Falk College of Sport and Human Dynamics, ha studiato possibili soluzioni, compreso l’uso dei social media, per aumentare le donazioni di sangue.

Come sono riusciti gli altri paesi in un momento come questo? Queste carenze sono in tutto il mondo?

La dichiarazione della Croce Rossa di una crisi del sangue negli Stati Uniti per la prima volta a causa del calo del 34% dei nuovi donatori di sangue dello scorso anno non è sorprendente. Non c’è dubbio che il COVID-19 abbia un impatto negativo sull’afflusso di sangue in tutto il mondo.

Ad esempio, su 35 paesi africani i cui dati sulla donazione nazionale di sangue per il 2019 e il 2020 sono stati analizzati, 17 paesi, tra cui Angola, Camerun, Ghana, Kenya, Tanzania e Zimbabwe, hanno registrato una diminuzione delle donazioni indotta da COVID-19 di almeno 20 %, con Zimbabwe e Kenya che hanno registrato diminuzioni rispettivamente del 35,1% e del 44,2%.

La diminuzione potrebbe essere in parte attribuita alle persone che temono di contrarre il COVID-19 durante la donazione di sangue e ad alcune misure di blocco, come la chiusura delle scuole a seguito della pandemia, che hanno limitato il numero di raccolte di sangue.

Esistono soluzioni efficaci e comprovate? Hai menzionato l’uso dei social media nella sensibilizzazione.

La diminuzione delle donazioni di sangue ha portato alcuni paesi ad attuare alcune strategie di reclutamento dei donatori. Ad esempio, il National Blood Service Ghana ha creato interventi di comunicazione per dissipare i timori di contrarre il COVID-19 durante la donazione di sangue tra il pubblico e per educarlo sulla continua necessità di donazione di sangue, con messaggi di personalità chiave come la first lady e la donna del Ghana leader tradizionali che invitano le persone a donare il sangue per salvare vite umane.

In Pakistan, una campagna sui social media tramite WhatsApp ha portato il 56% delle persone a donare sangue a seguito di messaggi WhatsApp ricevuti da una banca del sangue.

In Brasile, un centro regionale di riferimento del sangue ha implementato diverse strategie, tra cui l’intensificazione delle campagne sui social media e sui mass media e l’aumento della raccolta di sangue dalle unità dell’esercito, e ha riscontrato che hanno avuto successo nell’affrontare la carenza.

Questo potrebbe tradursi anche negli Stati Uniti (successo nella diffusione dei social media)?

Finora, le strategie di reclutamento attuate a livello globale hanno contribuito ad affrontare le crisi dell’afflusso di sangue, ma sono necessari ulteriori studi per testare l’efficacia delle strategie. Inoltre, i fattori socio-culturali potrebbero influire sul successo di tali interventi, e quindi i paesi dovrebbero essere creativi nell’usare aspetti della cultura per invogliare le persone, i donatori di sangue nuovi e attuali a donare di più il sangue.

Dato l’uso diffuso dei social media negli Stati Uniti, le banche del sangue potrebbero implementare campagne innovative sui social media per attirare i giovani a donare il sangue. Le strategie potrebbero dover essere diverse per i donatori di sangue esistenti e per coloro che non hanno donato sangue prima. Abbiamo bisogno di più nuovi donatori di sangue dato che i donatori di sangue esistenti conoscono già l’importanza della donazione di sangue .

Quali sono le conseguenze se continuiamo su questo percorso di scorte di sangue estremamente basse?

Se la crisi del sangue negli Stati Uniti non venisse affrontata con urgenza, sarebbe un grosso problema per le persone che potrebbero aver urgente bisogno di sangue per le trasfusioni, comprese le persone con anemia falciforme, che tradizionalmente colpisce i neri.

Le organizzazioni di fornitura di sangue dovrebbero essere molto più creative nel progettare interventi culturalmente appropriati, in particolare quelli che si concentrano sui social media e sui mass  , per aiutare a reclutare nuovi donatori di sangue e trattenere i donatori di sangue esistenti per contribuire ad aumentare l’afflusso di sangue.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: