Batticuore

Le cellule schiumose ispirano un modo migliore per prevedere gli attacchi di cuore

Adv

Un infarto o un ictus può prendere alla cieca le persone che pensavano di essere a basso rischio. Ora, la ricerca guidata da UConn Health ha trovato un nuovo modello che potrebbe migliorare il modo in cui valutiamo le malattie cardiache. Lo studio è pubblicato nel numero del 18 gennaio di Circulation .

Adv

Infarti e ictus sono la prima causa di morte negli Stati Uniti e il 70% di essi è causato da placche di colesterolo che ostruiscono i vasi sanguigni . Nonostante la prevalenza di malattie cardiovascolari, i nostri migliori tentativi per prevedere chi è a rischio di eventi importanti come un ictus o un infarto non sono molto buoni. Gli attuali modelli di rischio prendono in considerazione la massa corporea, la circonferenza della vita e il rapporto tra i vari grassi nel sangue di una persona. Ma è difficile usare quel modello per prevedere con sicurezza se qualcuno potrebbe avere un infarto entro i prossimi cinque anni, per esempio. Molti ricercatori ritengono che debbano esserci altri fattori all’opera.

“Abbiamo iniziato a guardare i macrofagi, le cellule che mangiano i lipidi attaccati alle pareti dei vasi sanguigni”, afferma Beiyan Zhou, immunologo della UConn Health School of Medicine. I macrofagi mangiano i depositi di grasso sulle pareti delle arterie. Dopo aver mangiato il grasso, diventano spumosi. “Sembrano schiumosi perché le goccioline di grasso sono contenute nella cellula e sembrano un grumo di bolle”, dice Zhou.

I macrofagi schiumosi hanno una cattiva reputazione tra i cardiologi. Si trovano spesso nelle placche lungo le sezioni infiammate dei vasi sanguigni. La placca schiumosa è nota per essere la placca peggiore, associata a malattie cardiovascolari avanzate.

Ma i macrofagi schiumosi possono essere sia più neutri che più interessanti, quindi attualmente gli viene attribuito il merito di essere. Zhou, insieme ai colleghi del MultiEthnic Study of Artherosclerosis (MESA), ha esaminato più da vicino le cellule schiumose per vedere come il loro consumo di lipidi fosse correlato ad attacchi di cuore, artrite e persino sindrome dell’intestino irritabile.

Il gruppo ha scoperto che i macrofagi schiumosi sono principalmente una squadra di pulizia che mangia grasso imbrattato nei posti sbagliati. Se si impedisce ai macrofagi di ripulirsi, le malattie cardiovascolari peggiorano. Ma nelle persone con diabete, malattie autoimmuni o che assumono determinate immunoterapie, i macrofagi che si nutrono di lipidi si comportano in modo diverso. Consumano ancora lipidi, ma si infiammano anche e possono peggiorare le placche nelle arterie e persino precipitare rotture che portano a pezzi di placca che scorrono lungo il flusso sanguigno fino a quando non si catturano da qualche altra parte, causando potenzialmente un intasamento.

“La formazione di schiuma non è necessariamente negativa; questa è la prima volta che possiamo distinguere la schiuma buona da quella cattiva. È la schiuma cattiva che può causare infarto”, afferma Zhou.

Zhou e i suoi colleghi stanno collaborando con i cardiologi della UConn Health, Annabelle Rodriguez-Oquendo e Patrick Murphy, e l’immunologo Anthony Vella su MESA, che conduce uno studio a lungo termine che tiene traccia dello sviluppo delle malattie cardiovascolari. Vogliono trovare l’interruttore a chiave che fa sì che le cellule schiumose diventino malsane e causino malattie. MESA ha consentito al team di accedere a un ampio set di dati di persone che hanno sviluppato o meno malattie cardiache negli ultimi 20 anni. Il database tiene traccia dei monociti, dei precursori dei macrofagi, nonché del background genetico dei partecipanti.

I dati di MESA hanno permesso al team di elaborare un modello di 30 geni da un pool di geni schiumosi rivelati da AtheroSpectrum, un programma creato dal team di Zhou. In combinazione con i dati clinici sulla pressione sanguigna, i farmaci attuali e lo stato del diabete, il modello ha fornito un punteggio molto accurato delle possibilità di una persona di avere un ictus o un infarto nei prossimi 5 anni. Il loro punteggio era migliore nel predire gli eventi avversi rispetto alle attuali migliori pratiche utilizzate dai cardiologi.

Profilare i 30 geni espressi dai monociti dei pazienti non è un test facile da ordinare per un cardiologo in questo momento. Ma forse dovrebbe esserlo, dicono Zhou e le sue colleghe.

“La comprensione della formazione di schiuma patogena ha fornito nuove strategie” per sviluppare una futura valutazione del rischio per le persone con malattie cardiache , afferma Zhou. Aggiunge: “Questo potrebbe anche fornire un pool genetico per la progettazione di farmaci mirati specificamente alla cattiva formazione di schiuma ” nei macrofagi.


Ulteriori informazioni: Chuan Li et al, AtheroSpectrum rivela nuove firme del gene delle cellule schiumose dei macrofagi associate al rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche, circolazione (2021). DOI: 10.1161/CIRCOLATIONAHA.121.054285

Categorie:Batticuore

Con tag:,