Batticuore

Pressione dolce: gli scienziati scoprono il legame tra ipertensione e diabete

Adv

L’enigma di lunga data del motivo per cui così tanti pazienti che soffrono di pressione alta (nota come ipertensione) hanno anche il diabete (glicemia alta) è stato finalmente risolto da un team internazionale guidato dalle università di Bristol, Regno Unito, e Auckland, Nuova Zelanda . 

L’importante nuova scoperta ha dimostrato che una piccola cellula proteica glucagone-like peptide-1 (GLP-1) accoppia il controllo del corpo della glicemia e della pressione sanguigna.

Adv

Il professor Julian Paton , autore senior e direttore di Manaaki Mãnawa – The Center for Heart Research presso l’ Università di Auckland , ha dichiarato: “Sappiamo da molto tempo che l’ipertensione e il diabete sono indissolubilmente legati e abbiamo finalmente scoperto il motivo, che ora informerà le nuove strategie di trattamento”.

La ricerca, pubblicata online prima della stampa su Circulation Research oggi [1 febbraio], ha coinvolto i contributi di scienziati che collaborano in Brasile, Germania, Lituania e Serbia, nonché nel Regno Unito e in Nuova Zelanda.

Il GLP-1 viene rilasciato dalla parete dell’intestino dopo aver mangiato e agisce per stimolare l’insulina dal pancreas per controllare i livelli di zucchero nel sangue. Questo era noto, ma ciò che ora è stato portato alla luce è che il GLP-1 stimola anche un piccolo organo sensoriale chiamato corpo carotideo situato nel collo.

Il gruppo dell’Università di Bristol ha utilizzato una tecnica genomica imparziale e ad alto rendimento chiamata sequenziamento dell’RNA per leggere tutti i messaggi dei geni espressi nel corpo carotideo nei ratti con e senza ipertensione. Ciò ha portato alla scoperta che il recettore che rileva il GLP-1 si trova nel corpo carotideo, ma meno nei ratti ipertesi.

David Murphy , professore di medicina sperimentale presso la Bristol Medical School: Translational Health Sciences (THS) e autore senior, ha spiegato: “L’individuazione del collegamento ha richiesto un profilo genetico e più passaggi di convalida. Non ci saremmo mai aspettati di vedere il GLP-1 apparire sul radar, quindi è molto eccitante e apre molte nuove opportunità”.

Il professor Paton ha aggiunto: “Il corpo carotideo è il punto di convergenza in cui il GLP-1 agisce per controllare contemporaneamente sia la glicemia che la pressione sanguigna; questo è coordinato dal sistema nervoso che è istruito dal corpo carotideo.

Le persone con ipertensione e/o diabete sono ad alto rischio di malattie cardiovascolari potenzialmente letali. Anche quando si assumono farmaci, un gran numero di pazienti rimarrà ad alto rischio. Questo perché la maggior parte dei farmaci tratta solo i sintomi e non le cause dell’ipertensione e della glicemia.

Il professor Rod Jackson , epidemiologo di fama mondiale dell’Università di Auckland, ha dichiarato: “Sappiamo che la pressione sanguigna è notoriamente difficile da controllare nei pazienti con glicemia alta, quindi questi risultati sono davvero importanti perché somministrando GLP-1 potremmo essere in grado di ridurre insieme lo zucchero e la pressione, e questi due fattori contribuiscono in modo determinante al rischio cardiovascolare”.

Audrys Pauža , uno studente di dottorato finanziato dalla British Heart Foundation nel laboratorio del professor David Murphy alla Bristol Medical School e autore principale dello studio, ha aggiunto: “La prevalenza del diabete e dell’ipertensione è in aumento in tutto il mondo e c’è un bisogno urgente per affrontare questo.

“I farmaci che prendono di mira il recettore GLP-1 sono già approvati per l’uso nell’uomo e ampiamente utilizzati per il trattamento del diabete. Oltre ad aiutare ad abbassare la glicemia, questi farmaci riducono anche la pressione sanguigna, tuttavia, il meccanismo di questo effetto non era ben compreso.

“Questa ricerca ha rivelato che questi farmaci possono effettivamente agire sui corpi carotidei per esercitare il loro effetto anti-ipertensivo. Partendo da questo lavoro, stiamo già pianificando studi traslazionali sugli esseri umani per mettere in pratica questa scoperta in modo che i pazienti più a rischio possano ricevere il miglior trattamento disponibile”.

Ma GLP-1 è solo l’inizio. La ricerca ha rivelato molti nuovi obiettivi per gli studi funzionali in corso che il team prevede porteranno a futuri progetti traslazionali nei pazienti ipertesi e diabetici umani.

Lo studio è stato finanziato dalla British Heart Foundation e dall’Health Research Council della Nuova Zelanda .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: