Mangiare e bere

Prova anche questa: aromatizza il tuo cibo con “flavanoli” per bruciare il grasso in eccesso, suggerisce un nuovo studio

Adv

L’assunzione dietetica di flavan-3-oli, tipo di polifenolici dietetici, potrebbe aiutare a prevenire l’obesità mediante l’imbrunimento del tessuto adiposo indotto dal sistema nervoso simpatico

In condizioni di freddo, il tessuto adiposo bruno (BAT) o il grasso bruno generano calore per mantenere il corpo caldo. Rispetto al tessuto adiposo bianco, il BAT ha più mitocondri, organelli subcellulari associati alla produzione di energia, che gli consentono di bruciare calorie e produrre calore attivando la proteina di disaccoppiamento mitocondriale 1 (Ucp-1). È noto che la stimolazione del sistema nervoso simpatico (SNS) dopo esposizione al freddo, esercizio fisico e restrizione calorica induce l’imbrunimento del grasso. I polifenoli alimentari possono anche attivare BAT, causando la dissipazione del calore dai nostri corpi. L’attivazione del BAT e l’imbrunimento del grasso bianco sono quindi entrambi terapeuticamente significativi nella lotta contro le malattie cardiovascolari e le loro comorbidità.

Adv

Un gruppo di scienziati ha esaminato l’imbrunimento del grasso indotto dalla somministrazione dietetica di flavan 3-ols (FL), una famiglia di “catechine” contenenti polifenoli abbondanti nel cacao, nella mela, nei semi d’uva e nel vino rosso. In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nutrients , il team guidato dalla professoressa Naomi Osakabe della Graduate School of Engineering and Science, Shibaura Institute of Technology, Giappone, ha dimostrato che i FL migliorano l’imbrunimento del tessuto adiposo attivando il SNS. I risultati hanno rivelato una correlazione diretta tra l’imbrunimento dei grassi e il consumo di FL, che potrebbe aiutare i ricercatori a sviluppare nuovi trattamenti per le malattie legate all’obesità.

Gli autori di questo studio avevano precedentemente scoperto che una singola dose orale di FL provocava la combustione dei grassi e un aumento del flusso sanguigno del muscolo scheletrico. Qui, hanno studiato gli effetti della somministrazione di dosi singole e multiple di FL nel tessuto adiposo del topo e hanno scoperto che i FL attivano l’imbrunimento del grasso attraverso il SNS, che secerne neurotrasmettitori “catecolamine” come l’adrenalina (AD) e la noradrenalina (NA). Hanno somministrato FL derivati ??dal cacao a gruppi distinti di topi in due serie indipendenti di esperimenti. A un gruppo è stata somministrata una singola dose di FL nel corso di 24 ore e la loro urina è stata raccolta per il test. L’altro gruppo ha ricevuto dosi ripetute per 14 giorni prima di essere sezionato per la raccolta di grasso marrone e bianco. Tutti i campioni adiposi sono stati testati per i marcatori genici e proteici che indicano l’imbrunimento del grasso,

Concentrazioni più elevate di AD e NA nelle urine dopo una singola dose di FL hanno chiaramente dimostrato l’attivazione del SNS. Sebbene l’uso di campioni di urina per valutare l’attivazione del SNS sia ancora controverso nella ricerca clinica, è stato convalidato in roditori stressati. ” La somministrazione orale di FLs probabilmente attiva il SNS perché sono considerati fattori di stress in questi modelli “, spiega il Prof Osakabe.

Il team ha quindi utilizzato il tessuto adiposo ottenuto per studiare gli effetti del trattamento con FL a lungo termine. Sono stati entusiasti di scoprire che il grasso bianco dei topi che sono stati nutriti con FL per 14 giorni alla fine è diventato marrone. Alcune di queste cellule presentavano anche notevoli cambiamenti strutturali, come il “fenotipo multiloculare” e sembravano essere più piccole delle cellule normali. Poiché la BAT dissipa l’energia termica, il consumo di FL a lungo termine modifica le quantità di proteine ??legate al calore? Per rispondere a questa domanda, gli scienziati hanno dimostrato che i livelli di Ucp-1, così come altre proteine ??legate alle alte temperature, sono aumentati nei topi alimentati con dosi ripetute di FL. Anche i marcatori di brunitura, indicati come “marcatori beige” in questo studio, erano abbondanti in questi topi. “ Tutte queste proteine ??lavorano insieme per indurre lo sviluppo del fenotipo BAT,esclama il Prof. Osakabe.

Il team ritiene che i risultati del loro studio possano contribuire alla prevenzione delle malattie legate allo stile di vita. È interessante notare che questa non è la prima volta che i FL hanno fatto miracoli. Miglioramenti nella tolleranza al glucosio e all’insulina sono stati osservati dopo una sola dose di somministrazione di alimenti ricchi di FL. Questi risultati nel loro insieme evidenziano la necessità di discutere sia gli aspetti acuti che quelli cronici delle risposte metaboliche generate dal consumo di FL.

È evidente da questa ricerca che l’attività del SNS in risposta all’assunzione di FLs ha causato i cambiamenti osservati nel grasso dei topi. ” Sebbene il meccanismo dell’imbrunimento adiposo non sia completamente compreso, è possibile che la somministrazione ripetuta di FL possa produrre l’imbrunimento attraverso le catecolamine e i suoi recettori”, spiega il Prof. Osakabe. ” Saranno necessari ulteriori studi per capire come questo processo è indotto da cibi ricchi di FL “, conclude.

Gli scienziati dimostrano che i flavan 3-oli (FL), un gruppo di costituenti alimentari presenti nel cacao, nella mela e nei semi d’uva, sono efficaci nella lotta all’obesità e nella prevenzione delle malattie legate allo stile di vita, inducendo l’imbrunimento dei grassi. L’immagine mostra le osservazioni istochimiche di topi inguinali non trattati (a sinistra) e trattati con FL (a destra). La somministrazione ripetuta di FL ha portato a un notevole imbrunimento del grasso, come evidente dalla morfologia multiloculare dei tessuti adiposi (a destra).
CREDITO
Naomi Osakabe, Shibaura Institute of Technology

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: