Benessere

Il fegato grasso può evolvere in cancro se non viene controllato

Adv

Se identificata in una fase precedente, la NAFLD può essere invertita con semplici farmaci e cambiamenti nello stile di vita

Sebbene la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) colpisca molte persone a livello globale, solo una piccola percentuale di pazienti progredisce oltre gli stadi iniziali della malattia in condizioni più gravi, con l’insorgenza di una malattia epatica allo stadio terminale che colpisce meno del 13% della NAFLD pazienti. La progressione della condizione inizia con la NAFLD che si trasforma in steatoepatite non alcolica (NASH), che a sua volta si trasforma in fibrosi e infine cirrosi. Seguendo questo percorso, dopo la cirrosi, i pazienti sviluppano carcinoma epatocellulare (HCC) e malattia epatica allo stadio terminale.

Un nuovo studio del Chinese Medical Journal affronta questa lacuna esplorando i rischi, i potenziali marcatori e le strategie per il monitoraggio e il trattamento dell’HCC correlato alla NASH. Il dottor Ming-Hua Zheng, ricercatore capo dello studio, afferma: “La mancanza di sintomi dirompenti rende lo sviluppo precoce della malattia relativamente impercettibile. E in assenza di qualsiasi interferenza da parte del paziente, diventa più facile per una semplice steatosi progredire in NASH e, infine, in HCC”.

Adv

Allora, quali sono gli aspetti che aiutano questa progressione? Si ritiene che diversi disturbi metabolici svolgano un ruolo vitale nello sviluppo della NAFLD.

La resistenza all’insulina, per cui il tuo corpo non risponde all’insulina, l’ormone controlla il livello di zucchero nel sangue, porta alla generazione di acidi grassi liberi in eccesso (FFA) che interferiscono con la normale funzione dei mitocondri negli epatociti, le principali cellule funzionali di il fegato che gioca un ruolo chiave nella progressione da NAFLD a HCC. Ciò significa che il monitoraggio del diabete e dell’insulino-resistenza è fondamentale nella previsione della cirrosi e dell’HCC.

I cambiamenti indotti dagli FFA possono anche innescare una condizione chiamata lipotossicità, in cui livelli elevati di acidi grassi liberi interferiscono con la via del metabolismo del glucosio. La lipotossicità può aumentare la produzione di sottoprodotti tossici e la probabilità di formazione di tumori nel fegato. Una migliore comprensione degli effetti della lipotossicità sulla NASH fornirebbe ulteriori opzioni per il trattamento della condizione e ne preverrebbe la progressione verso l’HCC.

Lo stress ossidativo, un fenomeno in cui vi è un aumento della produzione di radicali liberi come le specie reattive dell’ossigeno (ROS), che danneggiano i tessuti e le componenti cellulari a causa di un’ossidazione non regolata, è un altro fattore responsabile della progressione della NASH. Gli eccessivi FFA presenti nei pazienti portano a una sovrapproduzione di ROS, che può portare a mutazioni nei mitocondri, aumentando il rischio di carcinoma epatocellulare correlato alla NASH.

Inoltre, le caratteristiche genetiche ereditarie o acquisite degli enzimi di riparazione del DNA, che differiscono da individuo a individuo, possono anche essere un fattore di variazione della suscettibilità all’HCC e peggioramento della NAFLD. 

L’invecchiamento e la menopausa hanno un impatto sullo sviluppo e sulla gravità dell’esito della malattia. Anche i livelli di ormone tiroideo possono influenzare la NAFLD. I livelli di questi ormoni possono essere misurati per determinare la progressione della malattia.

Un altro fattore di rischio significativo che influenza in modo critico la progressione della malattia della NASH è uno stile di vita malsano. Il consumo di alimenti trasformati, diete squilibrate ad alto contenuto di grassi e la mancanza di esercizio fisico regolare possono tutti contribuire allo sviluppo della NAFLD.

Come si può allora gestire questa malattia?

Finora, ci sono state linee guida importanti per la gestione dell’HCC correlato a NAFLD/NASH. La strategia di trattamento per l’HCC segue tradizionalmente il formato di altre malattie come il cancro al fegato della Clinica di Barcellona. Tuttavia, la gestione dell’HCC ha fatto grandi progressi migliorando i suoi metodi diagnostici e di screening. Ciò consentirebbe di stabilire metodi per trattare il tumore nelle sue fasi iniziali, aumentando così la sopravvivenza del paziente.

Questo studio apre la strada a studi futuri per comprendere meglio lo sviluppo dell’HCC correlato alla NASH e le sue cause esatte. Sottolinea inoltre la necessità di una diagnosi precoce della malattia per introdurre gli interventi necessari per prevenirne la progressione. “Il continuo aumento della prevalenza dei pazienti NAFLD in tutto il mondo giustifica la necessità di coordinare misure sanitarie appropriate e l’aggiornamento delle linee guida esistenti per la malattia”, afferma il dottor Zheng.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: