Donne e diabete

Richiesta di revisione dei test per il diabete gestazionale

Adv

Le continue preoccupazioni espresse da molti medici sull’introduzione di un approccio in un unico passaggio alla diagnosi del diabete mellito gestazionale (GDM) hanno portato a una richiesta di revisione dei criteri diagnostici australiani da parte degli autori di una revisione pubblicata sul Medical Journal of Australia .

Adv

I criteri in una fase dell’Associazione internazionale dei gruppi di studio sul diabete e sulla gravidanza (IADPSG) sono stati raccomandati prima dei parametri diagnostici in due fasi di Carpenter-Coustan dall’Australasian Diabetes in Pregnancy Society.

Il Royal Australian College of General Practitioners (RACGP) e un panel di consenso del National Institutes of Health (US) si sono opposti all’adozione del processo in un’unica fase perché “mancano prove che il sottoinsieme di donne che è identificato da quello -approccio a fasi, ma chi sarebbe stato considerato normale con l’approccio a due fasi, trarrà vantaggio dal maggiore monitoraggio e dagli interventi coinvolti nella diagnosi”.

La dottoressa Jenny Doust, professoressa di epidemiologia clinica presso l’Università del Queensland, e colleghi ora affermano che uno studio del 2021 condotto negli Stati Uniti ha convalidato le preoccupazioni del RACGP e del NIH e ha chiesto una revisione.

“Sebbene il numero di donne con diagnosi di GDM sia raddoppiato utilizzando l’approccio in un passaggio anziché in due fasi, in questo studio non sono stati osservati benefici per la salute né per la madre né per i bambini”, hanno scritto Doust e colleghi.

“Una percentuale significativa delle donne che sono state assegnate al braccio in una fase dello studio è stata sottoposta a un processo in due fasi. Ciò riflette le preferenze del mondo reale delle donne e dei medici che hanno partecipato allo studio.

“Se i nuovi criteri GDM includono donne con malattia più lieve nella definizione della malattia, queste donne si aggiungeranno al numero di donne diagnosticate ma non al numero di donne o bambini con esiti avversi, facendo sembrare artificialmente come se i risultati fossero migliorati”.

Gli autori hanno anche sottolineato che i risultati dello studio statunitense erano coerenti con uno studio osservazionale australiano “che non ha mostrato alcun beneficio dopo l’introduzione dell’approccio one-step”.

“La definizione ampliata comporta anche un notevole potenziale di danno, tra cui interruzioni della vita per le donne diagnosticate, oneri psicosociali, il rischio di forme più invasive di parto in queste donne e potenziali danni al bambino da diete limitate e l’uso di insulina, compreso un aumentato rischio di ipoglicemia neonatale”, hanno scritto Doust e colleghi.

“L’approccio a una fase comporta anche un aumento dei costi e una scarsa destinazione delle risorse”.

Hanno concluso che:

“I nuovi criteri sono stati introdotti senza evidenza di beneficio, con rischi significativi di danni e oneri considerevoli per le donne e per i sistemi sanitari.

“Circa il 25% delle gravidanze con diagnosi di diabete gestazionale in Australia sono interessate da questo cambiamento nei criteri diagnostici.

“Riteniamo che i risultati dello studio americano richiedano urgentemente la necessità di rivedere i criteri diagnostici utilizzati per il GDM in Australia”.


Jenny A Doust et al, Un ampio studio di screening per il diabete mellito gestazionale negli Stati Uniti evidenzia la necessità di rivisitare i criteri diagnostici australiani, Medical Journal of Australia (2022). DOI: 10.5694/mja2.51388