Ricerca

Le prospettive dei pazienti negli studi clinici spesso non vengono considerate

Adv

Solo circa la metà degli studi clinici in contesti del mondo reale ha raccolto il feedback dei pazienti

Molti studi pragmatici, che testano gli effetti dei trattamenti medici nelle condizioni quotidiane, non raccolgono dati riportati direttamente dai pazienti (come esperienza del paziente, carico della malattia o qualità della vita) o coinvolgono i pazienti come partner di ricerca (indicati come pazienti Fidanzamento). Questi risultati provengono da un nuovo studio condotto da Shelley Vanderhout dell’Università di Ottawa, pubblicato l’8 febbraio sulla rivista PLOS Medicine .

Adv

Gli studi pragmatici mirano a rispondere a domande sui trattamenti medici che sono significativi per i pazienti e possono essere applicati in contesti sanitari del mondo reale in diverse popolazioni di pazienti. Idealmente, questi studi dovrebbero misurare i risultati riportati dai pazienti come i livelli di dolore, i cambiamenti nella qualità della vita e altre esperienze dei pazienti. Gli studi pragmatici dovrebbero anche avere un aspetto del coinvolgimento del paziente, in cui i pazienti sono coinvolti nel processo di ricerca. L’inclusione di questi due fattori rende gli studi pragmatici più centrati sul paziente, ma non è noto con quale frequenza gli studi li includano.

Per determinare la frequenza con cui gli studi pragmatici riportano i risultati riportati dai pazienti o hanno il coinvolgimento del paziente, gli autori del nuovo documento hanno cercato in un database online gli studi pragmatici pubblicati tra gennaio 2014 e aprile 2019. Dei 415 studi che hanno identificato, circa la metà ha misurato i risultati riportati dai pazienti come un obiettivo primario o secondario dello studio e solo il 9% circa includeva il coinvolgimento del paziente e del pubblico. Ulteriori analisi hanno mostrato che gli studi condotti in Europa includevano più comunemente i risultati riportati dai pazienti, mentre gli studi che coinvolgevano bambini piccoli o anziani e quelli che reclutavano pazienti nei paesi a basso e medio reddito avevano meno probabilità di raccogliere questi dati.

Gli studi pragmatici hanno lo scopo di prendere in considerazione i valori e le priorità dei pazienti, ma gli autori concludono che molti studi hanno molto margine di miglioramento per raggiungere questi obiettivi. Invitano le agenzie di finanziamento della ricerca, gli istituti di ricerca e le riviste scientifiche a incoraggiare i ricercatori a includere in futuro i risultati riportati dai pazienti e il coinvolgimento dei pazienti in sperimentazioni pragmatiche per promuovere un approccio più centrato sul paziente.

Gli autori aggiungono: “I risultati riportati dai pazienti possono fornire una finestra sull’esperienza e sul benessere del paziente, ma abbiamo scoperto che non vengono misurati di routine negli studi clinici che mirano a rispondere alle domande sulla cura del paziente nella vita di tutti i giorni. Vale la pena considerare il potenziale vantaggio della collaborazione con i pazienti e gli operatori sanitari durante la progettazione di questo tipo di ricerca, per garantire che i risultati che sono importanti per loro vengano catturati”.

Categorie:Ricerca

Con tag:,