Equilibrio

‘Trattamenti parlanti’ per malati cronici legati alla riduzione delle visite ospedaliere

Adv

Le persone con malattie come il diabete hanno meno probabilità di aver bisogno di cure ospedaliere se hanno accesso a “terapie parlanti” sul NHS.

Questa è la conclusione principale di un nuovo articolo dell’Imperial College Business School, pubblicato su Social Science and Medicine .

Molte persone con malattie croniche hanno anche condizioni di salute mentale come depressione e ansia e gli autori hanno esaminato l’impatto dell’estensione delle terapie psicologiche a tali pazienti. Volevano esplorare se questo potesse aiutare le persone a gestire meglio alcuni degli effetti della loro malattia e ridurre la necessità di costose visite ospedaliere.

Si stima che i costi sanitari siano circa il 50% più alti per le persone con problemi di salute mentale concomitanti , rispetto a quelle con problemi di salute fisica da soli. Questi costi più elevati sono sostenuti principalmente per i servizi di salute fisica, compreso l’aumento del ricovero e un maggiore utilizzo di consulenze di assistenza primaria e secondaria. I ricercatori concludono che alcune degenze ospedaliere potrebbero essere evitate se ai pazienti venissero somministrate terapie parlanti per gestire l’impatto sulla salute mentale della loro malattia.

La professoressa Dame Carol Propper, professoressa di economia presso l’Imperial College Business School, uno degli autori dello studio, ha dichiarato: “La nostra ricerca mostra che il trattamento della terapia della parola per le persone che soffrono di condizioni di salute croniche può ridurre significativamente il numero di volte che devono visitare A&E e avere ricoveri ospedalieri. Tali visite sono costose e spesso evitabili. La nostra ricerca suggerisce che le terapie verbali sono un modo in cui è possibile affrontare l’onere significativo del trattamento di queste malattie”.

Lo studio ha esaminato i dati del programma NHS Improving Access to Psychological Therapies (IAPT), che tratta circa mezzo milione di persone che hanno ansia e depressione generalizzate ogni anno in Inghilterra. Si sono concentrati su persone in Inghilterra che hanno sia disturbi mentali comuni che diabete grave, broncopneumopatia cronica ostruttiva e/o malattie cardiovascolari.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con queste condizioni che avevano accesso alle terapie del parlato IAPT avevano circa il 20% in meno di probabilità di visitare un pronto soccorso o una visita ospedaliera e circa il 10% in meno di probabilità di avere una visita ambulatoriale in ospedale entro 12 mesi dal termine del trattamento del parlato. rispetto alle persone che non avevano accesso al programma IAPT.

I risultati suggeriscono che offrire trattamenti psicologici per condizioni di salute mentale comuni a individui che soffrono anche di problemi di salute cronici a lungo termine può migliorare il benessere dei pazienti e ridurre i costi per il SSN.

Questo è il primo studio nazionale che esplora la relazione tra la terapia della parola per le persone affette da malattie croniche comuni e il suo impatto sui ricoveri ospedalieri. I risultati suggeriscono un legame tra il numero di persone che ricevono cure psicologiche e i relativi ricoveri ospedalieri.


Jonathan Gruber et al, The impact of mental health support for the chronically ill on hospital utilisation: Evidence from the UK, Social Science & Medicine (2021). DOI: 10.1016/j.socscimed.2021.114675

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: