Mangiare e bere

Cambiare la tua dieta potrebbe aggiungere fino a un decennio all’aspettativa di vita

Adv

Un nuovo modello, disponibile come calcolatore online, stima l’impatto dei cambiamenti nella dieta sull’aspettativa di vita

Un giovane adulto negli Stati Uniti potrebbe aggiungere più di un decennio alla propria aspettativa di vita cambiando la propria dieta da una tipica dieta occidentale a una dieta ottimizzata che includa più legumi, cereali integrali e noci e meno carne rossa e lavorata, secondo un nuovo pubblicazione dello studio l’8 febbraio su PLOS Medicine di Lars Fadnes dell’Università di Bergen, Norvegia, e colleghi. Per le persone anziane, i guadagni previsti per l’aspettativa di vita da tali cambiamenti nella dieta sarebbero minori ma comunque sostanziali.

Adv

Aumento previsto dell’aspettativa di vita per l’ottimizzazione di diversi gruppi alimentari di diverse età
CREDITO: Fadnes LT et al., 2022, PLOS Medicine, CC BY 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/)

Il cibo è fondamentale per la salute e, a livello globale, si stima che i fattori di rischio alimentare portino a 11 milioni di decessi e 255 milioni di anni di vita aggiustati per disabilità all’anno. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato meta-analisi e dati esistenti dello studio Global Burden of Diseases per costruire un modello che consenta la stima istantanea dell’effetto sull’aspettativa di vita (LE) di una serie di cambiamenti nella dieta. Il modello è ora disponibile anche come strumento online pubblicamente disponibile chiamato Calcolatore Food4HealthyLife ( https://food4healthylife.org/ ).

Per i giovani adulti negli Stati Uniti, il modello stima che un cambiamento prolungato da una tipica dieta occidentale a una dieta ottimale a partire dai 20 anni aumenterebbe LE di oltre un decennio per le donne (10,7 [intervallo di incertezza 5,9-14,1] anni) e uomini (13,0 [6,9-17,3] anni). I maggiori guadagni negli anni di LE sarebbero ottenuti mangiando più legumi (femmine: 2,2 [1,0-3,4]; maschi: 2,5 [1,1-3,9]), più cereali integrali (femmine: 2,0 [0,7-3,3]; maschi: 2,3 [0,8-3,8]), e più frutta a guscio (femmine: 1,7 [0,8-2,7]; maschi: 2,0 [1,0-3,0]), meno carne rossa (femmine: 1,6 [0,7-2,5]; maschi: 1,9 [0,8-3,0] ]) e carni meno lavorate (femmine: 1,6 [0,7-2,5]; maschi: 1,9 [0,8-3,0]). Il passaggio da una dieta tipica a una dieta ottimizzata all’età di 60 anni potrebbe comunque aumentare il LE di 8,0 (4,8-11,2) anni per le donne e 8,8 (5,2-12,5) anni per gli uomini, e gli 80enni potrebbero guadagnarne 3.

“Capire il potenziale relativo alla salute dei diversi gruppi alimentari potrebbe consentire alle persone di ottenere guadagni di salute fattibili e significativi”, affermano gli autori. “Il calcolatore Food4HealthyLife potrebbe essere uno strumento utile per medici, responsabili politici e laici per comprendere l’impatto sulla salute delle scelte dietetiche”.

Fadnes aggiunge: “La ricerca fino ad ora ha mostrato benefici per la salute associati a gruppi di alimenti separati o modelli dietetici specifici, ma ha fornito informazioni limitate sull’impatto sulla salute di altri cambiamenti nella dieta. La nostra metodologia di modellazione ha colmato questa lacuna”.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: