Terapie

I farmaci per il diabete tipo 2 potrebbero salvare migliaia di vite

Adv

Una nuova ricerca ha collegato due tipi di farmaci per il diabete prescritti meno spesso con minori possibilità di problemi cardiaci potenzialmente fatali, inclusi infarto, insufficienza cardiaca e ictus, nelle persone con diabete di tipo 2 senza malattie cardiache accertate.

Adv

Lo studio sui dati inglesi e gallesi, condotto dagli scienziati dell’Università di Manchester e della Manchester University NHS Foundation Trust (MFT), è pubblicato su Diabetes Care , una delle principali riviste cliniche del settore.

Sono disponibili diversi farmaci per le persone con  di tipo 2 , che agiscono tutti in modi diversi per abbassare i livelli di glucosio nel sangue. Il team di studio ha esaminato due nuovi tipi di farmaci chiamati inibitori SGLT2 e agonisti del recettore del GLP-1 (GLP-1RA).

Hanno confrontato il rischio di gravi problemi  o di ictus nelle persone con diabete di tipo 2 quando utilizzano i nuovi trattamenti per il diabete con il rischio nelle persone che utilizzano terapie più tradizionali, come la metformina e le sulfaniluree.

I ricercatori hanno mostrato che le probabilità di sviluppare  erano inferiori del 51% per le persone che usavano inibitori SGLT2, del 18% inferiori per gli utenti di GLP-1RA e del 57% inferiori per le persone che facevano uso di entrambi i farmaci.

Le probabilità di avere un  o un ictus erano inferiori del 18% per gli inibitori SGLT2, del 7% inferiori per i GLP-1RA e del 30% inferiori per loro somministrati in combinazione.

Sebbene gli inibitori SGLT2 siano stati autorizzati dal 2012 e le terapie GLP-1RA dal 2005, i medici prescrivono abitualmente terapie più tradizionali per la gestione del diabete che hanno effetti neutri o modesti sulla riduzione del rischio di problemi cardiaci.

I ricercatori concludono che il costo, le pratiche di prescrizione regolari e l’enfasi limitata nelle attuali linee guida sulla gestione clinica, possono spiegare perché queste classi di farmaci sono prescritte meno di routine.

Gli studi clinici che hanno esaminato l’efficacia dei nuovi farmaci di tipo 2 hanno coinvolto principalmente persone con diabete di tipo 2 ad alto rischio di  . Ma il nuovo studio si è concentrato sulle persone a basso rischio, che costituiscono i due terzi delle persone con diabete di tipo 2.

Lo studio, finanziato da Diabetes UK, è nato in collaborazione con il King’s College London, l’Università di Liverpool, la Keele University e l’Università di Glasgow.

Il team ha collegato i dati delle cure primarie dal Clinical Practice Research Datalink (CPRD) e dalla banca dati Secure Anonymized Information Linkage (SAIL) ai record di ospedali e mortalità.

Il coautore, il professor Martin Rutter, è ricercatore presso l’Università di Manchester e medico consulente onorario presso il Diabetes, Endocrinology and Metabolism Centre, Manchester Royal Infirmary, parte di MFT.

Ha detto: “Ci sono circa 4 milioni di persone con diabete di tipo 2 nel Regno Unito e purtroppo più di una persona su tre morirà di  .

“La buona notizia è che gli inibitori SGLT2 e i farmaci GLP-1RA non solo controllano il diabete, ma riducono anche il rischio di sviluppare gravi eventi cardiovascolari come infarto o ictus.

“E ciò potrebbe salvare migliaia di vite ogni anno, per non parlare dell’evitare malattie croniche in coloro che sopravvivono a infarti e ictus.

“L’effetto protettivo di questi due tipi di farmaci può essere visto non appena i pazienti iniziano a riceverli, anche se più a lungo li assumono, maggiore è la protezione”.

Il coautore, il professor Darren Ashcroft, ricercatore dell’Università di Manchester, ha dichiarato: “Il meccanismo con cui questi farmaci forniscono i loro effetti protettivi è un’area di ricerca attiva. Tuttavia, i loro effetti salvavita possono essere in parte spiegati dai loro effetti benefici sulla perdita di peso e sul fatto che non provocano bassi livelli di zucchero nel sangue (ipoglicemia), che possono essere dannosi per il sistema cardiovascolare”.

L’autrice principale, la dott.ssa Alison Wright, statistica dell’Università di Manchester, ha dichiarato: “Sebbene gli inibitori del GLP-1RA e dell’SGLT2 siano trattamenti costosi, riteniamo che il rapporto costo-efficacia di tali opzioni di trattamento in termini di prevenzione primaria debba essere seriamente esaminato.

“Questo perché l’80% dei costi per la cura del diabete è correlato alla gestione delle complicanze, con il contributo maggiore delle malattie cardiovascolari.

“Riteniamo che questi dati rappresentino un valido argomento per le prove che valutano l’efficacia e il rapporto costo-efficacia di questi interventi e la loro combinazione nelle persone a basso rischio con diabete di tipo 2”.

La dott.ssa Faye Riley, Senior Research Communications Officer presso Diabetes UK, ha dichiarato: “Le malattie cardiovascolari rimangono la principale causa di riduzione dell’aspettativa di vita nelle persone con diabete, quindi trovare le cure giuste al momento giusto per aiutare le persone a ridurre i loro rischi potrebbe essere la vita- Salvataggio.

“Questo studio contribuisce alla base di prove sull’efficacia di diversi farmaci per il diabete di tipo 2 nella protezione da gravi complicanze cardiovascolari. Tuttavia, rimane essenziale che gli operatori sanitari prendano decisioni di cura individuale quando offrono opzioni di trattamento, poiché non tutti i farmaci sono adatti a tutti con diabete di tipo 2”.


Ulteriori informazioni: Alison K. Wright et al, Prevenzione primaria degli eventi cardiovascolari e di insufficienza cardiaca con inibitori SGLT2, agonisti del recettore GLP-1 e loro combinazione nel diabete di tipo 2, Diabetes Care (2022). DOI: 10.2337/dc21-1113

Categorie:Terapie

Con tag:,