Batticuore

Uso regolare di paracetamolo legato all’aumento della pressione sanguigna

Adv

Secondo uno studio, l’uso a lungo termine del paracetamolo potrebbe aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus nelle persone con pressione alta.

Il paracetamolo è un antidolorifico comune usato per trattare dolori e infiammazione. L’uso del paracetamolo è spesso a breve termine, tuttavia, se si soffre di una condizione come il dolore cronico , ai pazienti può essere fornita una prescrizione di paracetamolo. Tuttavia, i ricercatori raccomandano che i pazienti con un uso prolungato di paracetamolo optino per la dose efficace più bassa per il più breve tempo possibile.

Adv

I ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista scientifica Circulation .

Uso di paracetamolo a lungo termine

Lo studio, che è il primo grande studio clinico randomizzato, affronta l’uso di paracetamolo a lungo termine e integra il lavoro precedente negli studi osservazionali. Studi osservazionali hanno suggerito che l’uso di paracetamolo può aumentare la pressione sanguigna , mancano studi clinici.

Il paracetamolo è stato spesso suggerito come alternativa più sicura a un’altra classe di antidolorifici chiamati farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), noti per aumentare la pressione sanguigna e il rischio di malattie cardiache.

“Raccomandiamo ai medici di iniziare con una dose bassa di paracetamolo e di aumentare la dose gradualmente, non oltre il necessario per controllare il dolore. Dati i sostanziali aumenti della pressione sanguigna osservati in alcuni dei nostri pazienti, potrebbe essere vantaggioso per i medici tenere d’occhio la pressione sanguigna nelle persone con pressione alta che iniziano di recente il paracetamolo per il dolore cronico”, ha commentato il professor David Webb, preside Ricercatore e presidente di terapia e farmacologia clinica presso l’Università di Edimburgo.

Test clinico

Nell’ultimo studio, a 110 pazienti con una storia di pressione alta è stato prescritto un grammo di paracetamolo quattro volte al giorno – una dose prescritta di routine nei pazienti con dolore cronico – o un placebo abbinato per due settimane. Tutti i pazienti hanno ricevuto entrambi i trattamenti in un ordine randomizzato, in doppio cieco. Quelli con l’uso di paracetamolo prescritto hanno visto un aumento significativo della loro pressione sanguigna, rispetto a quelli che assumevano il placebo.

Questo aumento è stato simile a quello osservato con i farmaci antinfiammatori non steroidei e ci si potrebbe aspettare che aumenti il ??rischio di malattie cardiache o ictus del 20%, hanno affermato i ricercatori. Inoltre, il team di esperti ha affermato che i risultati dovrebbero portare a una revisione dell’uso a lungo termine del paracetamolo e delle prescrizioni del farmaco ai pazienti con un focus specifico su quelli con ipertensione esistente o quelli a rischio di malattie cardiache e ictus.

“Questo studio mostra chiaramente che il paracetamolo, il farmaco più utilizzato al mondo, aumenta la pressione sanguigna, uno dei fattori di rischio più importanti per infarti e ictus. Medici e pazienti dovrebbero considerare insieme i rischi rispetto ai benefici dell’uso a lungo termine del paracetamolo, specialmente nei pazienti a rischio di malattie cardiovascolari”, ha commentato il professor James Dear, presidente di farmacologia clinica presso l’Università di Edimburgo.

“Non si tratta dell’uso a breve termine del paracetamolo per mal di testa o febbre, il che ovviamente va bene, ma indica un rischio scoperto di recente per le persone che lo assumono regolarmente a lungo termine, di solito per il dolore cronico”, ha affermato Dr Iain MacIntyre, ricercatore capo e consulente in farmacologia clinica e nefrologia presso NHS Lothian.