Batticuore

Un trattamento più intensivo della pressione sanguigna può prevenire gli ictus negli anziani

Adv

Un’analisi dei risultati di studi clinici randomizzati rivela che un trattamento più intensivo dell’ipertensione può essere utile per prevenire o ritardare gli ictus negli anziani.

L’analisi, pubblicata da Wiley sul Journal of the American Geriatrics Society , comprendeva nove studi che hanno coinvolto 38.779 adulti con un’età media compresa tra 66 e 84 anni e tempi di follow-up compresi tra 2,0 e 5,8 anni.

Adv

Gli investigatori hanno scoperto che ci sono voluti 1,7 anni per prevenire 1 ictus per 200 persone anziane trattate con un trattamento più intensivo per l’ipertensione.

Per gli anziani con pressione sistolica basale inferiore a 150 mmHg, il tempo per beneficiare di un trattamento più intensivo dell’ipertensione è stato superiore a 1,7 anni; per gli anziani con pressione arteriosa sistolica basale superiore a 190 mmHg, il tempo per beneficiare è stato inferiore a 1,7 anni.

“Sebbene le linee guida dell’American College of Cardiology/American Heart Association del 2017 raccomandino discussioni sui rischi individuali sul trattamento dell’ipertensione per la prevenzione primaria negli anziani, c’è una lacuna critica nei dati su quanto tempo un paziente ha bisogno di ricevere un trattamento per la pressione sanguigna prima che ne tragga beneficio – o il tempo del trattamento della pressione sanguigna per trarne beneficio”, ha affermato l’autrice principale Vanessa S. Ho, MS, del California Northstate University College of Medicine. “Il tempo di un trattamento per trarne beneficio è una considerazione particolarmente importante per i pazienti con un’aspettativa di vita limitata che potrebbero subire oneri o danni immediati da qualsiasi farmaco aggiuntivo”.

URL della pubblicazione: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/jgs.17684

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: