Batticuore

Diabete e ipertensione ‘danneggiano la memoria’

Adv

Diabete e alta pressione sanguigna è stato scoperto che compromettono i modelli di pensiero e la memoria , hanno detto i ricercatori.

Adv

I cambiamenti cerebrali potrebbero avere un impatto sul rischio di sviluppare demenza in età avanzata, ha affermato il team dell’Università di Oxford.

Il processo prevedeva l’utilizzo di dati medici e informazioni sulla scansione cerebrale di 22.000 persone provenienti da tutto il Regno Unito.

I risultati hanno mostrato che c’erano cambiamenti strutturali significativi nella materia grigia e bianca del cervello tra quelle persone che avevano il diabete o la pressione alta.

Ulteriori indagini hanno scoperto che quegli individui non si comportavano bene nei test effettuati per misurare la loro velocità di pensiero e memoria a breve termine.

Il professor Masud Husain, esperto di neurologia e neuroscienze cognitive presso il Dipartimento di neuroscienze cliniche di Nuffield presso l’Università di Oxford, ha dichiarato: “Sorprendentemente, i risultati mostrano che è possibile rilevare l’effetto negativo dei fattori di rischio cardiovascolare, come l’aumento della pressione sanguigna e diabete, sulla funzione cognitiva e sulla struttura cerebrale in persone altrimenti sane.

“L’implicazione principale è che questi fattori di rischio non hanno solo un’influenza su ciò che accade più tardi nella vita – il rischio di sviluppare la demenza – hanno anche un impatto sul cervello e sugli attuali livelli delle funzioni cognitive nella mezza età”.

Il legame tra le due condizioni di salute e il declino del cervello era più diffuso nelle persone di età compresa tra i 44 ei 69 anni. Sorprendentemente c’era un impatto minore negli over 70. Ma più alta è la pressione sanguigna, peggiori sono i problemi che indicano che i medici di base dovrebbero iniziare a trattare anche la pressione sanguigna lieve per prevenire condizioni a lungo termine .

Il professor Husain ha detto: “Per la pressione sanguigna, ogni millimetro di pressione nelle arterie conta, anche nelle persone che non sono sotto trattamento.

“Possiamo rilevare che anche piccoli aumenti della pressione sanguigna hanno un impatto sul cervello in questo momento. Non sorprende che se si lasciasse che questo non venisse curato per decenni, potrebbe avere un impatto cumulativo sulla struttura e sulla funzione del cervello, rendendolo infine vulnerabile alla demenza”.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications.

Categorie:Batticuore

Con tag:,