Assistenza sociosanitaria

Incremento del 30% delle nuove diagnosi di diabete tipo 1 in età pediatrica, durante la fase pandemica da coronavirus in Finlandia

Adv

La causa non è chiara e richiede ulteriori indagini, ma esiste un legame temporale con la pandemia di corona.

Il numero di nuove diagnosi di diabete di tipo 1 è aumentato in modo significativo durante una pandemia da COVID-19, ma la ragione di ciò non è chiara. Ci sono dati sull’aumento del numero di diagnosi in Germania, Stati Uniti e Finlandia. 

Di recente sono stati pubblicati due studi, in Germania e negli Stati Uniti, che hanno dimostrato come l’incidenza del diabete di tipo 1 è chiaramente in aumento nel 2021. Si è discusso se ciò sia dovuto a una pandemia da Coronavirus, afferma Elina Hakonen di Hus , specialista in pediatria.

Hakonen è ricercatore post-dottorato nel gruppo di ricerca sul diabete infantile. 

Studi in Germania e negli Stati Uniti hanno dimostrato che l’incidenza è aumentata in modo significativo rispetto a quanto previsto. Tuttavia, nessuno dei due studi ha esaminato quanti pazienti avevano una storia di infezione da coronavirus. Kamrath C et al., Diabetes Care 17.1.2022 e Gottesmann B et al., JAMA Pediatr. 24/01/2022 _

Non c’era un legame diretto tra l’inizio del diabete e l’infezione da COVID19, ma un legame temporale con l’epidemia, afferma Hakonen. 

Lo studio tedesco ha rilevato che il picco di incidenza del diabete di tipo 1 era di circa tre mesi dopo il picco di COVID-19. 

A Helsinki, crescita del 30 per cento

Hakonen ha appena controllato il numero di nuovi pazienti affetti da diabete di tipo 1 dal registro c’è anche un notevole aumento di questi numeri. Nel 2021, a Helsinki sono stati diagnosticati circa il 30% in più di nuovi casi di diabete di tipo 1 rispetto alla media del 2017-2020.

La popolazione di Helsinki è aumentata un po’, ma certamente non tanto, cioè un chiaro aumento dell’incidenza si può vedere anche in noi. Tuttavia, c’è sempre stata una variazione annuale nella prevalenza, quindi resta da vedere se il 2021 è stato un anno di maggiore incidenza o se l’aumento dei casi è permanente, afferma Hakonen.

Non ci sono dati su quanti nuovi pazienti hanno avuto un’infezione da coronavirus prima dell’inizio del diabete. 

Non è ancora chiaro se l’aumento sia dovuto al coronavirus stesso, ai cambiamenti durante la pandemia o se sia una coincidenza. Ci sono ipotesi che una ridotta carica infettiva nei bambini o altri fattori in un ambiente cambiato a causa di una pandemia aumenterebbe l’incidenza delle malattie autoimmuni. 

La questione richiede ulteriori ricerche e un follow-up più lungo, vede Hakonen.


Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: