Terapie

L’aggiunta di tirzepatide all’insulina glargine aumenta il controllo glicemico nel T2DM

Adv

L’aggiunta di tirzepatide sottocutanea rispetto al placebo all’insulina glargine titolata si traduce in miglioramenti significativi nel controllo glicemico tra i pazienti con diabete di tipo 2 e controllo glicemico inadeguato, secondo uno studio pubblicato nel numero dell’8 febbraio del Journal of the American Associazione medica .

Adv

Dominik Dahl, MD, della Gemeinschaftspraxis für Innere Medizin und Diabetologie di Amburgo, Germania, e colleghi hanno assegnato in modo casuale adulti con diabete di tipo 2 che ricevevano  inadeguato , a ricevere iniezioni sottocutanee una volta alla settimana di 5 mg, 10- mg o 15 mg di tirzepatide (rispettivamente 116, 119 e 120) o placebo adattato al volume (120 adulti) in 40 settimane.

I ricercatori hanno scoperto che il trattamento è stato interrotto prematuramente dal 10, 12, 18 e 3% dei partecipanti ai gruppi tirzepatide 5 mg, 10 mg e 15 mg e al  , rispettivamente. Dal basale alla settimana 40, la variazione media dell’emoglobina A1c (HbA1c) è stata rispettivamente di -2,11, -2,40 e -2,34% con 5 mg, 10 mg e 15 mg di tirzepatide, rispetto a -0,86% con il placebo. Dal basale, la variazione media del peso corporeo è stata di -5,4, -7,5, -8,8 e 1,6 kg rispettivamente con 5 mg, 10 mg e 15 mg di tirzepatide e placebo. Rispetto a quelli trattati con placebo, percentuali più elevate di pazienti trattati con tirzepatide avevano HbA1c inferiore al 7% (da 85 a 90% contro 34%).

“I risultati dell’attuale studio forniscono informazioni clinicamente rilevanti relative all’uso di tirzepatide in combinazione con un’insulina basale che dovrebbe essere di aiuto ai medici quando si considera questa  “, scrivono gli autori.

Diversi autori hanno rivelato legami finanziari con  , tra cui Eli Lilly, che produce tirzepatide e ha finanziato lo studio.


Ulteriori informazioni: Dominik Dahl et al, Effetto della tirzepatide sottocutanea vs placebo aggiunto all’insulina titolata Glargine sul controllo glicemico in pazienti con diabete di tipo 2, JAMA (2022). DOI: 10.1001/jama.2022.0078

Categorie:Terapie

Con tag: