Benessere

Apnea notturna in gravidanza associata ad aumentato rischio post-parto di sindrome metabolica, ipertensione

Adv

 In un nuovo studio pubblicato online sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine dell’American Thoracic Society , i ricercatori hanno esaminato se i disturbi respiratori del sonno (principalmente apnea ostruttiva del sonno) durante la gravidanza e negli anni successivi al parto sono associati a un aumento del rischio di ipertensione e sindrome metabolica. La sindrome metabolica consiste in un gruppo di condizioni che aumentano il rischio di malattie cardiache, ictus e diabete.

Adv

In “Sleep Disordered Breathing in Pregnancy and Post-Delivery: Associations with Cardiometabolic Health”, Francesca L. Facco, MD, assistente professore, Dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Scienze Riproduttive, Divisione di Medicina Fetale Materna, UPMC Magee-Womens Hospital, Pittsburgh e colleghi hanno condotto test di apnea notturna. I partecipanti erano un sottogruppo di 1.964 donne che facevano parte del Nullipare Pregnancy Outcomes Study: Monitoring Mothers-to-be Heart Health Study (nuMoM2b-HHS) e stavano vivendo la loro prima gravidanza, e 1.222 delle stesse partecipanti allo studio che sono state esaminate 2- 7 anni dopo la consegna. I ricercatori hanno quindi determinato se i partecipanti fossero maggiormente a rischio di ipertensione o sindrome metabolica.

“Mentre i dati epidemiologici di coorti di adulti di mezza età e anziani indicano che la respirazione disordinata del sonno è associata a esiti cardiometabolici avversi, meno si sa su come la respirazione disordinata del sonno in gravidanza e nel periodo post-parto influisca sulla salute materna”, ha affermato il autori. 

La respirazione disordinata del sonno durante la gravidanza è stata associata a un rischio da due a tre volte maggiore di preeclampsia (ipertensione persistente durante la gravidanza che può portare a gravi conseguenze per la salute) e/o diabete gestazionale (diabete che si sviluppa durante la gravidanza). Questi e altri esiti avversi della gravidanza sono fattori di rischio per lo sviluppo successivo di ipertensione e malattie metaboliche nella madre.

I partecipanti allo studio sono stati testati sia durante la gravidanza che da due a sette anni dopo, ciascuno utilizzando lo stesso modello di test di apnea notturna a casa. Tra gli altri fattori, i test dell’apnea notturna misurano il numero di volte in cui una persona sperimenta pause respiratorie e cali associati dei livelli di ossigeno. I partecipanti allo studio sono stati considerati affetti da apnea notturna se hanno sperimentato cinque o più pause respiratorie o cali di ossigeno durante il periodo di sonno stimato.

L’apnea notturna in gravidanza aumenta il rischio di ipertensione.
CREDITO: ATS

“Abbiamo scoperto che la presenza di apnea notturna misurata sia durante la gravidanza che da due a sette anni dopo il parto era associata allo sviluppo di ipertensione e sindrome metabolica”, ha affermato il dott. Facco.

Inoltre, i partecipanti con apnea notturna persistente durante la gravidanza e la visita di follow-up da due a sette anni avevano un rischio più di tre volte maggiore di ipertensione incidente e un rischio più di due volte maggiore di sindrome metabolica rispetto ai partecipanti che non ha avuto uno studio del sonno anormale. L’ipertensione incidente è definita come la prima occorrenza ad ogni visita di follow-up di pressione arteriosa sistolica di 140 mm HG o superiore o di pressione diastolica di 90 mm HG o superiore.

“I nostri dati hanno anche dimostrato un rischio più elevato di sviluppare sindrome metabolica e ipertensione utilizzando una semplice misurazione dei cali di ossigeno per ora di sonno”, ha affermato la coautrice dello studio Susan Redline, MD, MPH, che dirige il programma di epidemiologia della medicina del sonno presso Brigham and Women’s Ospedale e Harvard Medical School, Boston. “Questi risultati suggeriscono che l’uso di semplici dispositivi di monitoraggio dell’ossigeno può essere utile per identificare le donne in gravidanza e nel periodo post-parto a rischio di esiti avversi per la salute e identificare le donne che potrebbero trarre beneficio dal trattamento dell’apnea notturna”.  

“Questi dati sottolineano la necessità di valutare rigorosamente il ruolo dello screening e del trattamento dell’apnea notturna durante la gravidanza e nel periodo post-parto come nuove strategie per gli interventi precoci volti a migliorare la salute materna a lungo termine”, concludono gli autori.

Categorie:Benessere

Con tag:,